Terapie per i borderline

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Avatar utente
BiscottoCapo
Messaggi: 50
Iscritto il: 20 aprile 2011, 20:36
Località: Bari

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da BiscottoCapo » 20 maggio 2011, 17:55

E' per questo che ho cominciato la terapia. Per cercare di avere con gli altri rapporti più stabili e meno intensi...sia in senso "positivo" che in senso negativo.

Non sono dipendente da tre persone. Semplicemente se non voglio abbandonare la terapia con nessuna è perchè voglio cercare di uscire da questa situazione, so che loro fanno il meglio per me e se vogliono che io faccia tre terapie, farò tre terapie, e con questo d'altronde concordo assolutamente.
Sono dipendente da una persona, che è R...soffro maggiormente le distanze da lei, dall'altra psicologa e dalla psichiatra no. Non molto. Solo un sottile normale dispiacere.
Per quanto riguarda il gruppo, non sono una persona che di solito scappa...anzi. Abbandonare perchè mi dà fastidio raccontare davanti a delle persone cose troppo intime di me sarebbe una cosa stupida....semplicemente o ne parlo con A, o trovo altri modi. O magari, supero la vergogna e ne parlo. (più preferibile quest'ultima, perchè è ciò che vorrebbe R e ciò che dovrei cercare di superare)

Grazie, comunque...purtroppo ora sono veramente triste....e senza motivo. Mi dà fastidio non riuscire a tenere il mio umore sempre sullo stesso piano.....non dico sempre, ma non così. Di botto. Non so che fare.
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 20 maggio 2011, 18:03

BiscottoCapo ha scritto:...purtroppo ora sono veramente triste....e senza motivo. Mi dà fastidio non riuscire a tenere il mio umore sempre sullo stesso piano.....non dico sempre, ma non così. Di botto. Non so che fare.
Mi dispiace, non deve essere piacevole! :(
Non so se è una cosa che può essere risolta solo con i farmaci oppure se col passare del tempo, diventando una persona più solida e stabile sbalzi di umore non ne avrai più.
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
BiscottoCapo
Messaggi: 50
Iscritto il: 20 aprile 2011, 20:36
Località: Bari

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da BiscottoCapo » 20 maggio 2011, 18:35

Ora son di nuovo contenta però :)
Ho appena finito di ridere per una cosa, spero adesso di mantenere questo umore almeno fino a stasera...non sono contenta come lo ero stamattina, ma meglio di prima è.
I stabilizzatori dell'umore, che mi vuole dare la psichiatra, fanno proprio mantenere l'umore stabile...spero di averli al più presto, perchè questi sbalzi mi danno fastidio, o almeno quando passo da essere contenta a essere triste, così. Se da essere triste passo ad essere contenta non mi dà assolutamente fastidio :)
Comunque sì, sicuramente diventando più stabile anche questo si stabilizzerà da sè...la vedo dura comunque, diventare stabili!
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 20 maggio 2011, 19:04

Chiudo brevemente il discorso sulle cose che avevo lasciato in sospeso! :)

BiscottoCapo ha scritto:Per quanto riguarda le regole, non riesco a rispettarle, però anche se ci provo poi c'è sempre qualcosa che mi fa tornare indietro. Tipo: la mia prima psicologa ogni volta si lamenta del fatto che non devo sostare nel corridoio, ma devo aspettare in sala d'attesa. I primi tempi è stato difficilissimo rispettare questa cosa me ce l'ho fatta....poi quando ho visto che altre persone sostavano nel corridoio, e nessuno diceva nulla, io ho ricominciato a fare lo stesso. Le regole o valgono per tutti o per nessuno. Questa cosa l'ho più volte detta a loro, ma R mi ha sempre risposto che i pazienti sono diversi e si trattano in maniera diversa....col caxxo (scusate). Decido io se posso sostare o meno in corridoio, e dato che non dò fastidio a nessuno, se vedo altre persone lì mi ci metto anch'io, e andatevene tutti a quel paese. Quindi o le regole devono valere per tutti....oppure io non rispetto proprio nulla. Rispettassero prima loro me.
Sono veramente sorpresa del fatto che a una tipa tosta come te interessi cosa facciano gli altri!
In un rapporto paziente-psicoterapeuta non vedo cosa c’entrino gli altri!
Io non mi sarei mai sognata di rispondere alla mia psicoterapeuta che non facevo ciò che mi aveva chiesto per via degli “altri”! Non l'avrei trovato serio da parte mia.
Oltretutto lei non avrebbe lasciato correre nel senso che non avremmo lavorato su altro finchè quel punto non era esaurito.
La relazione che si instaura tra paziente e psicoterapeuta è individuale e personalizzata!

Tu hai la percezione che le psicoterapeute non ti rispettino?

BiscottoCapo ha scritto:Rispondendo all'altra domanda, sì, se io sto male certo che dovete starmi dietro...non sto chiedendo la luna e le stelle, sto chiedendo un pò di tempo se sto tanto male o se voglio parlare giusto 5 minuti, non chiedo di più perchè so che hanno altri pazienti da vedere e che non possono sempre stare a disposizione mia, ma ripeto, se io sto male, voi dovete lasciare tutto quel che state facendo e stare con me, se no me la pagate, come è successo a gennaio.
Non ho capito! :?:
Tu non ti rendi conto razionalmente che fai male a te stessa anziché agli altri?
Veramente ti aspetti e pretendi che quando stai male tu, loro debbano lasciare tutto quello che stanno facendo per stare con te?
Non ti sembra di essere un po’ dispotica (senza offesa), di avere delle aspettative e delle necessità tali che potrebbero essere facilmente disattese?
La mia non stava a disposizione mia e io lo trovavo giusto.
Ero io a dover "crescere"!

BiscottoCapo ha scritto:No, non pago nessuno di loro tre, per fortuna.
Pensi che se pagassi ti impegneresti di più?
Il fattore economico ha il suo "ruolo" nella terapia.
Tanto per cominciare non credo che ne faresti due se le dovessi pagare.

BiscottoCapo ha scritto:Comunque mi pare assurdo che prima vi davate del tu e poi del lei, che cosa strana xD di solito è il contrario.
Nel percorso che abbiamo fatto noi due la cosa ha avuto senso, magari una volta ti spiego meglio.
Cosa intendi dire con "di solito è il contrario"?
Conosci molte persone che nel corso di una psicoterapia sono passate dal "lei" al "tu"?

BiscottoCapo ha scritto:Non capisco perchè dovrebbe crearmi ansia agire contro le regole....mi crea ansia il contrario, mi sa.
Questa è davvero carina! :)
Il discorso "regole" merita un capitolo a parte, ci confronteremo su questa cosa un'altra volta.

BiscottoCapo ha scritto:E infine, non mi disorienta affatto che una mi risponda in una maniera e l'altra in un altro modo...
Meglio così, io ero così sensibile e vulnerabile che mi sarei sentita disorientata se avessi avuto a che fare con tre professioniste che magari non avevano una linea perfettamente comune.
Mi incuriosiva il fatto che quando hai chiesto loro dove fosse la psichiatra una ti ha risposto che non potevi vederla senza appuntamento e l'altra non ti ha risposto così.
Io ritengo che abbia ragione quella che ti ha risposto che non potevi vederla senza appuntamento (quella che ti ha ricordato di attenerti alle regole insomma) e trovo strano che non ti abbiano risposto entrambe la stessa cosa.
Io mi sarei sentita disorientata nel senso che se queste benedette regole sono così importanti ed io mi sto sforzando da morire per rispettarle perchè "A" mi dice una cosa ed "R" un'altra? Forse che le "regole" siano un fattore "a discrezione"? Non credo proprio!
Per questo ti dico che io mi sono trovata bene con una sola, una che ha fatto in modo che tutto il resto del mondo restasse fuori dal suo studio in quella determinata ora.
I miei genitori volevano parlare con lei e lei mi ha risposto che avrebbe avuto contatti esclusivamente con me (spiegandomi perchè).
Comunque non dimentichiamoci in questo nostro confronto che io non avevo un disturbo borderline, non ero autolesionista e non prendevo farmaci.

A dire il vero sono anche contenta di essermi potuta rivolgere ad uno studio privato piuttosto che ad una struttura pubblica tipo ASL perché sono certa che la mia stessa psicoterapeuta non sarebbe riuscita ad operare nella stessa maniera in questi due diversi ambiti, credo che in una struttura pubblica avrebbe avuto maggiori difficoltà a creare quello spazio privo di “infiltrazioni” esterne che ha effettivamente creato e che tanto mi ha giovato.
Comunque se un domani questa situazione non ti dovesse più soddisfare puoi sempre cambiare!
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 20 maggio 2011, 19:07

BiscottoCapo ha scritto:...la vedo dura comunque, diventare stabili!
Io ci ho messo anni e non avevo i problemi che hai tu.
Devi avere pazienza!
Dobbiamo avere tutti pazienza visto che ognuno di noi ha i propri guai!
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 21 maggio 2011, 0:47

CC ha scritto:In passato la Dottoressa Arduino mi ha fatto notare che il mio modo di postare non facilita le cose nè agli utenti nè a lei che modera la sezione.
Mi ha anche fatto notare che vista la natura di questa particolare sezione del forum il carteggio tra due utenti è fuori luogo.
)
infatti, CC io vedo che quando due persone si scrivono molto e con lunghi post, questo scoraggia la partecipazione degli altri: non lo nota anche lei? Vorrei avere parere in merito anche dagli altri utenti, sarebbe utile.
Non sarebbe più semplice se vi scriveste in privato? o se vi spostaste sul forum di auto aiuto? tutto il tread rischia di diventare OT...
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Avatar utente
francesca
Messaggi: 1132
Iscritto il: 24 aprile 2006, 15:45

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da francesca » 21 maggio 2011, 12:42

ma qual era la domanda di consulenza iniziale?
Il problema era che la terapeuta le aveva detto che la lasciava se si faceva male di nuovo?

Non potrebbe essere un problema della terapeuta, e non della ragazza?

A un certo punto, se la psicologa non si sente in grado di aiutare Biscotto, è bene che la lasci, ma scusate, tanto più che ha già una marea di gente che la segue.

Io fossi Biscotto, alla psy avrei detto questo, ringraziandola della premura.

Chiaro che da parte di Biscotto ci deve essere la consapevolezza che farsi del male non è proprio nel suo interesse, magari ci riesce, a non farselo.

Potrebbe essere che uno, parlo in generale,si fa del male per attirare l'attenzione e l'affetto della psi su di sè?

Si spiegherebbe che la psi le abbia detto questo, nel tentativo di farla desistere, per troppo zelo.

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 21 maggio 2011, 17:07

Dr.ssa Eleonora Arduino ha scritto:infatti, CC io vedo che quando due persone si scrivono molto e con lunghi post, questo scoraggia la partecipazione degli altri: non lo nota anche lei? Vorrei avere parere in merito anche dagli altri utenti, sarebbe utile.
Non sarebbe più semplice se vi scriveste in privato? o se vi spostaste sul forum di auto aiuto? tutto il tread rischia di diventare OT...
Anche a me piacerebbe avere parere in merito dagli altri utenti nel senso che non mi sembra di essere io la causa principale della scarsa partecipazione che questo forum sta vivendo un pò in tutte le sezioni!
Se il mio modo di scrivere scoraggia la partecipazione degli altri utenti vorrei che cortesemente gli altri utenti me lo dicessero chiaramente. :)

Tanto per farle un esempio Dottoressa, nel thread di anna.87, the_sky_is_crying, melissafuxia io non sono intervenuta perchè non avevo nulla da dire eppure non mi sembra che nel momento in cui non intervengo io ci sia una pioggia di interventi da parte degli altri utenti del forum.

francesca ha scritto:A un certo punto, se la psicologa non si sente in grado di aiutare Biscotto, è bene che la lasci...

Potrebbe essere che uno, parlo in generale, si fa del male per attirare l'attenzione e l'affetto della psi su di sè?
Si spiegherebbe che la psi le abbia detto questo, nel tentativo di farla desistere, per troppo zelo.
Queste due ipotesi le avevo fatte anche io ma alla fine non mi sono più sentita di palesarle perchè penso che BiscottoCapo dovrebbe capire esattamente il perchè di questa frase della sua psicoterapeuta parlandone con lei.
Ultima modifica di CC il 21 maggio 2011, 23:56, modificato 1 volta in totale.
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
francesca
Messaggi: 1132
Iscritto il: 24 aprile 2006, 15:45

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da francesca » 21 maggio 2011, 19:02

ah, ma il parere lo volete sul modo di comunicare di cc e biscotto?

Sono molto chiare, si leggono bene.

CC dice tante cose, naturalmente proietterà come tutti, ma mica mi scoraggia :D

Avatar utente
BiscottoCapo
Messaggi: 50
Iscritto il: 20 aprile 2011, 20:36
Località: Bari

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da BiscottoCapo » 21 maggio 2011, 20:24

Non sono seguita da una marea di gente, ma solo da due picologhe e una psichiatra....e da oggi, e non so per quanto, solo da due psicologhe. Abbandono la terapia con la psichiatra.

Io non so se i lunghi post di CC scoraggiano gli altri, potrebbe essere come non potrebbe....sta di fatto che questo possono dirlo solo gli altri. Sta di fatto che non voglio spostarmi nei forum citati dalla dottoressa, preferisco rimanere qui, anche perchè cerco ancora dei pareri da lei...
Ad esempio, dottoressa volevo chiederle se posso farmi ricoverare con il consenso del mio medico di base senza interpellare la mia psichiatra. Lei ne sa qualcosa?

CC, rispondo alle tue infinite domande:
1. Mi interessa cosa fanno gli altri perchè sono invidiosa e gelosa.
2. Vado a momenti....a volte sento che mi rispettano, altre no. R però mi rispetta sempre...lei è un amore, se a volte non sento questo è perchè sono arrabbiata e mi si cancella dalla mente tutto ciò che ha fatto e che fa tuttora per me...per poi riprenderlo di nuovo.
3. Sì, se sto male devi lasciare quel che stai facendo e devi stare con me. In quei momenti ho sicuramente più bisogno di altri.
4. Non avrei mai cominciato una terapia se avessi dovuto pagarla...mi sa che preferivo suicidarmi.
5. Non intendevo in un rapporto terapeutico, intendevo nella vita di tutti i giorni...ci si dà sempre prima del "lei" e poi del "tu".
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 21 maggio 2011, 21:09

BiscottoCapo ha scritto:CC, rispondo alle tue infinite domande
Le mie domande son finite! :)
Io volevo solo farti vedere le cose da un punto di vista diverso ma non credo di esserci riuscita e quindi è inutile che continui a farlo.
Un immenso in bocca al lupo! :)
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
BiscottoCapo
Messaggi: 50
Iscritto il: 20 aprile 2011, 20:36
Località: Bari

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da BiscottoCapo » 21 maggio 2011, 21:29

Scusami, possono esser sembrata scortese...
A me fa piacere che t'interessi, quindi quando vuoi puoi farmi tutte le domande che vuoi...ed è sempre utile sentire pareri di altre persone.
Buona serata CC, e a tutti gli altri.
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da CC » 21 maggio 2011, 22:17

BiscottoCapo ha scritto:Scusami, possono esser sembrata scortese...
Non mi sei sembrata scortese! :)
Mi sono soltanto resa conto dell'inutilità dei miei interventi ed ho pertanto deciso di non aggiungere altro!
Ti saluto! :)
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Avatar utente
BiscottoCapo
Messaggi: 50
Iscritto il: 20 aprile 2011, 20:36
Località: Bari

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da BiscottoCapo » 21 maggio 2011, 22:19

Mi sono appena accorta che ho usato il plurale, comunque si capisce lo stesso.

A me non sembra inutile, comunque come vuoi..saluti anche a te.
Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Re: Terapie per i borderline

Messaggio da Aikiko » 22 maggio 2011, 13:05

CC ha scritto:
Dr.ssa Eleonora Arduino ha scritto:infatti, CC io vedo che quando due persone si scrivono molto e con lunghi post, questo scoraggia la partecipazione degli altri: non lo nota anche lei? Vorrei avere parere in merito anche dagli altri utenti, sarebbe utile.
Non sarebbe più semplice se vi scriveste in privato? o se vi spostaste sul forum di auto aiuto? tutto il tread rischia di diventare OT...
Anche a me piacerebbe avere parere in merito dagli altri utenti nel senso che non mi sembra di essere io la causa principale della scarsa partecipazione che questo forum sta vivendo un pò in tutte le sezioni!
Se il mio modo di scrivere scoraggia la partecipazione degli altri utenti vorrei che cortesemente gli altri utenti me lo dicessero chiaramente. :)
Personalmente è da un po' che non partecipo attivamente al forum, tranne qualche sporadico intervento. Questa mia scarsa presenza non è certo dovuta al fatto che alcuni utenti e CC è una di questi, scrivono spesso post molto lunghi e articolati. Ho letto molti suoi interventi che mi sono sembrati sempre approriati all'argomento, quando ho ritenuto che fossero eccessivamente lunghi e noiosi smplicemente non li ho letti :D
Per quanto riguarda questo argomento ho seguito tutta la discussione iniziata da Tea ma non sono riuscita a trovare nessuna esperienza da condividere con lei né penso di avere nessun consiglio da darle.
Io credo che ogni forum abbia momenti fisiologici di maggiore o minore partecipazione, i motivi possono essere diversi, personalmente in questo periodo sono così depressa che mi sembra di non poter dare nessun contributo positivo ai problemi degli altri utenti.
Un saluto e scusate l'OT

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”