Transfer e altri luoghi impossibili... è passata davvero?

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Bettie P
Messaggi: 4
Iscritto il: 11 luglio 2011, 22:09

Transfer e altri luoghi impossibili... è passata davvero?

Messaggio da Bettie P » 17 luglio 2011, 11:44

Senza giri di parole. Un giorno mentre facevo terapia mi sono resa conto che era un bell'uomo, che mi piaceva passare quell'oretta alla settimana con lui, che pensavo a lui tutto il resto della settimana.
Poi è stata dura. Vederlo, mettermi carina per lui, non guardarlo più in faccia, sperare che se piango lui si alzi per abbracciarmi :P :oops: patetico, lo so. Ed il desiderio sopito, la frustrazione, immaginarselo con un'altra, controllare le dita per vedere se c'è la fede... in una parola: ossessione.
Volevo smettere la terapia perché in cuor mio sapevo che non avrei mai avuto il coraggio di dirglielo. Dissi che volevo lasciare con una scusa stupida, lui mi convinse a rimanere, ma non ci sarebbe voluto molto, bastava un suo cenno per non farmi andar via. Mi resi conto che era stupido nutrire un sentimento per una persona che pago 100 euro a seduta. Tanto vale investire in aitanti escort, che almeno qualche soddisfazione in più te la danno.

Alla fine, con qualche giro di parole mi feci forza e gli dissi che pensavo spesso a lui e che mi seccava essere tanto dipendente dalla terapia ( fondamentalmente arginai il vero problema) e lui rispose che è piuttosto tipico in terapia, e ha capito anche quello che gli stavo dicendo in realtà. Stava per dirmi qualcosa a riguardo, ma io l'ho bloccato e gli ho detto "si, lo so, lei è il medico ed io la paziente e devo attenermi a questo, conosco il mio ruolo" e lui ha detto "è così". Fine.

Da allora, mi è passata. Non so perchè, l'amore/ossessione/dipendenza è finita... ma non riesco a distaccarmi come vorrei da lui, non riesco a smettere di averci questa fortissima empatia, nemmeno voglio credo.
Sono legata a lui in modi che non so spiegare. Come dire... gli voglio bene. Come un amico. Come un padre. Non saprei.

Non credo che anche questo atteggiamento sia sano, ma non so come sviluppare questa cosa
BettieP

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Transfer e altri luoghi impossibili... è passata davvero

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 19 luglio 2011, 23:40

ne parli apertamente con lui, è in corso un transfert molto imporante e potrebbe dare una svolta decisiva alla terapia.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Re: Transfer e altri luoghi impossibili... è passata davvero

Messaggio da doomgeneration » 4 agosto 2011, 20:47

Io credo che sia indice del buon esito della terapia di cui l'empatia è proprio la condizione necessaria... :D

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”