Il sesso che non basta

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 21 settembre 2011, 14:32

Salve, vi scrivo perché la vita sessuale con il mio ragazzo (con cui convivo), è sempre stata altalenante.
Ricordo che solo nel primo periodo i rapporti erano frequenti, quando il mio ragazzo ancora non viveva con me.
Abitando distanti e vedendoci solo nel week end, capitava di farlo anche due volte lo stesso giorno, tranne che durante il giorno della partenza; indubbiamente l'idea del distacco intristiva entrambi, ma almeno a me non toglieva fino all'ultimo momento la voglia di gustare la passione.
Presa la decisione di convivere i rapporti si sono dilatati nel tempo. Penso che sia normale non possedere più la foga di chi si vede poco, ma non capisco perchè la cosa non sia stata reciproca e la mia voglia non sia calata.
Sento di razionalizzare quando ripeto a me stessa che la mia vita sessuale è nella norma, ma i due, al massimo tre rapporti di 10 minuti che abbiamo nell'arco di una settimana, mi rendono infelice, frustrata e di conseguenza improduttiva. Basti pensare che domani ho un esame importante all'università e ora sono qui a scrivere, tanto è forte il pensiero.
Più volte ho rinforzato la buona riuscita di un rapporto in cui ho raggiunto l'orgasmo "istruendomi" attraverso film porno, comprando gadget ed abitini nei sexy shop, ma né le congratulazioni verbali, né il mio impegno multifattoriale hanno fatto si che l'evento diventasse la regola o aumentasse almeno di frequenza.
Le prestazioni soddisfacenti sono rimaste rare e relegate alle situazioni in cui il mio ragazzo beve un bicchiere di troppo. Consapevole che l'alcool non migliora le prestazioni, gli ho chiesto se avesse bisogno di bere per sentirsi più carico: lui mi ha risposto che non è questione di carica, ma di disinvoltura. Gli ho chiesto allora se per caso si sentisse, o lo facessi sentire, "impacciato", ma lui mi ha detto di non conoscere il motivo di questa inibizione, mostrando comunque una faccia serena e senza mostrare la minima preoccupazione per la natura della mia domanda. Eppure è un affermato professionista che vanta in prima persona di conoscere molti segreti della comunicazione.
La sua reazione mi ha gettata in una buca profonda metri... Ho pensato di vedere una via d'uscita cercando un'amante, ma è una soluzione che mi abbatte e mi rattrista. A volte ho pure pensato di lasciarlo, ma mi sento troppo legata a lui e in fondo penso che sia l'unico uomo che mi interessi. Allora mi sono autoimposta una sorta di castità mentale, allontanando l'idea del piacere come può fare un religioso, convincendomi che la mia "ossessione" per il sesso fosse una cosa che mi facesse star male, ma poi ho iniziato a sognare rapporti sessuali intensi e al risveglio mi sentivo malissimo e così ho preferito ritornare alla solita vita.
Sento dentro di me di buttare via la mia giovinezza e il periodo migliore per godermi questo piacere. Non voglio rinunciarci, ma non so come fare. Chiedo a voi un consiglio... Grazie anticipatamente
Valentina

saima
Messaggi: 3
Iscritto il: 21 settembre 2011, 18:44

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da saima » 21 settembre 2011, 22:09

ciao,
a me era succeso una cosa simile...

io in quell'occassione ho lasciato che fosse lui a cercare me, certo non era con la frequenza che io volevo ma devo dire che i rapporti erano piu' soddisfacenti e infine meglio meno ma buono che tanto e di poca qualità..

io credo che all'uomo piacia sentirsi cacciatore.... prova a lasciar che sia lui a cercare te? (anche se dovrai aspettare un po :-)

Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 22 settembre 2011, 10:37

Lo sto già facendo, ma nel mio caso la regola del poco ma buono non funziona... E' poco e scarso. Se dovessi quantificare i miei orgasmi sono tre, massimo 4 all'anno.

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 22 settembre 2011, 13:27

problema assai delicato e complesso. Si verificava più spesso il contrario , cioè questo discorso lo faceva più facilmente un uomo rispetto alla sua compagna... ma i tempi cambiano.
Innanzi tutto direi che, senza essere categorica, 10 minuti ogni tanto non è una buona sessualità. Non è neppure normale. Gli uomini , soprattutto con un lavoro coinvolgente, che riscontrano un calo preoccupante di libido sono molti. SI possono dire molte cose in merito, ma non voglio generalizzare. Tuttavia non credo che il suo compagno abbia il candido diritto di prenderla così sottogamba: l'insoddisfazione della propria compagna dovrebbe mettere in allarme, altro che serenità! Ma lui sa quanto lei ne soffre? Perchè non vorrei che ci fosse una forma sottile di narcisismo in agguato. E per lei non mi sembra opportuno che ricorra alla castità mentale, peraltro impossibile. Non esiste l'assenza di desiderio, esiste la scelta di rinunciare al sesso per motivi superiori che devono essere molto radicati, accettati e "macinati", e non è mai indolore. Lo verifichiamo nei sacerdoti e verifichiamo anche quanto sia rara la scelta effettiva al di là di quanto si dichiara.
Sono certo molte le declinazioni della sessualità in una coppia, ma è comunque un tema da affrontare e da equilibrare. Io direi: subito da un consulente sessulogo, prima che un bel rapporto ne risulti tragicamente rovinato.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 22 settembre 2011, 21:39

Gentile Dott.ssa, la sua risposta mi ha motivata molto ed ho fatto una ricerca sulla personalità di tipo narcisistico. Per motivi di studio so che wikipedia in certi ambiti, specie per quello scientifico, lascia un pò a desiderare, però mi ha dato un'infarinatura e devo dire che trovo similitudini con alcuni aspetti caratteriali del mio ragazzo. In effetti il suo essere fallocentrico nel rapporto sessuale potrebbe sembrare proprio un atteggiamento di tipo narcisistico. L'approccio al sesso inizia quasi sempre con lui che a letto si abbassa calzoni e mutande per mostrare il suo pene e prosegue con la ricerca del mio sguardo, richiedendomi una sorta di contemplazione. Per quanto riguarda la proposta di consultare un sessuologo ho bisogno di un consiglio. In passato abbiamo trattato con diversi terapeuti per problemi più di tipo "amministrativo", ma abbiamo interrotto la terapia. In compenso avevamo smosso molte questioni sepolte che poi siamo riusciti a risolvere da soli. Questo è sicuramente un punto su cui prendere spunto per formulare la mia richiesta, ma qual'è il modo e il momento migliore per chiedergli di consultare un sessuologo? Inoltre, come posso formulare una domanda in modo che sia "delicata" e che non ricalchi solo i suoi problemi, che lo potrebbe far sentire sotto processo?

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da doomgeneration » 23 settembre 2011, 19:07

A me sembra che questa persona da come la descrivi ti privi non solo del sesso ma anche di tutte quelle attenzioni, carezze e coccole che per una donna sono indispensabili...E' mancanza di intimità quella che descrivi, o sbaglio?
Paradossalmente dal momento che lui sembra desiderarti di meno, tu vai a colmare quella distanza desiderandolo ancora di più, quindi forse quello che ti turba tanto è proprio questa differenza di esigenze.

PS... non credo che si "butti via la giovinezza" perché non si fa sesso... Penso che la si butti quando si sta con la persona sbagliata...

Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 24 settembre 2011, 1:48

ti sbagli

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da sfigato » 25 settembre 2011, 15:26

Valentina84 ha scritto:Gentile Dott.ssa, la sua risposta mi ha motivata molto ed ho fatto una ricerca sulla personalità di tipo narcisistico. Per motivi di studio so che wikipedia in certi ambiti, specie per quello scientifico, lascia un pò a desiderare, però mi ha dato un'infarinatura e devo dire che trovo similitudini con alcuni aspetti caratteriali del mio ragazzo. In effetti il suo essere fallocentrico nel rapporto sessuale potrebbe sembrare proprio un atteggiamento di tipo narcisistico. L'approccio al sesso inizia quasi sempre con lui che a letto si abbassa calzoni e mutande per mostrare il suo pene e prosegue con la ricerca del mio sguardo, richiedendomi una sorta di contemplazione. Per quanto riguarda la proposta di consultare un sessuologo ho bisogno di un consiglio. In passato abbiamo trattato con diversi terapeuti per problemi più di tipo "amministrativo", ma abbiamo interrotto la terapia. In compenso avevamo smosso molte questioni sepolte che poi siamo riusciti a risolvere da soli. Questo è sicuramente un punto su cui prendere spunto per formulare la mia richiesta, ma qual'è il modo e il momento migliore per chiedergli di consultare un sessuologo? Inoltre, come posso formulare una domanda in modo che sia "delicata" e che non ricalchi solo i suoi problemi, che lo potrebbe far sentire sotto processo?

hai mai pensato di fare la stessa cosa ed anticiparlo ? dici che lui mostra il suo pene aspettandosi una specie di venerazione...
Tu magari prova a mosrargli le tette in alcuni momenti della giornata, insomma provocalo... cerca di stuzzicarlo! però non concederti subito altrimenti non cambia nulla!

Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 25 settembre 2011, 16:54

mi sa che non hai compreso la radice del problema...

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da sfigato » 25 settembre 2011, 17:49

Valentina, intanto mi smebra che il problema non lo abbia tu, ma il tuo uomo ... o meglio tu hai un problema perchè lo ha lui.
E' lui che dovrebbe mettersi in gioco e cercare di farsi aiutare, sempre che gli interessi... tu non puoi far altro che stuzzicarlo e stimolarlo, sarò limitato ma non vedo alternative.

Per quanto riguarda invece la Tua sessualità i casi sono due: soddisfare la sessualità altrve oppure soddisfarla da sola... sinceramente alla castità mentale non ci credo.

Valentina84
Messaggi: 7
Iscritto il: 21 settembre 2011, 14:00

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Valentina84 » 25 settembre 2011, 18:50

Il problema è della mia coppia. Ti piace come visione del mondo?

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da doomgeneration » 25 settembre 2011, 20:50

Valentina, dai delle risposte strane... prima chiedi aiuto poi rispondi in modo scontroso agli spunti che gli utenti ti danno... hai un comportamento molto strano... dal momento che scrivi in un forum accetti anche che ci sia un dialogo, uno scambio, se non ti vanno bene i suggerimenti o le domande che ti vengono poste puoi sempre spiegarne il motivo.

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 26 settembre 2011, 2:05

Valentina84 ha scritto:Gentile Dott.ssa, la sua risposta mi ha motivata molto ed ho fatto una ricerca sulla personalità di tipo narcisistico.
sarebbe meglio evitare le classificazioni semplicistiche
Valentina84 ha scritto:In passato abbiamo trattato con diversi terapeuti per problemi più di tipo "amministrativo", ma abbiamo interrotto la terapia.
amministrativi? e perchè interrotta?
Valentina84 ha scritto:Inoltre, come posso formulare una domanda in modo che sia "delicata" e che non ricalchi solo i suoi problemi, che lo potrebbe far sentire sotto processo?
Lui ha un problema che va affrontato, il modo migliore per farlo è ammetterlo. Può essere un problema di coppia ma può anche essere un problema individuale che si riflette ovviamente sulla coppia, sono due cose diverse. Si parte sempre da quanto si palesa senza mistificazioni. Perchè ho la sensazione che ce ne siano invece? ma posso ovviamente sbagliarmi di grosso.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

sfigato
Messaggi: 539
Iscritto il: 26 settembre 2007, 13:53

Re: Il sesso che non basta

Messaggio da sfigato » 26 settembre 2011, 12:00

Valentina84 ha scritto:Il problema è della mia coppia. Ti piace come visione del mondo?

Resta il fatto che la tua coppia è formata da due individui e dei due chi ha un problema pare essere lui, quindi o lui si fa aiutare oppure non c'è verso.
Non ti piace questa "visione del mondo", ma è la realtà e bella o brutta che sia va accettata e prima lo fai e meglio è per te stessa.
Non puoi aiutare chi non ha amore per se stesso: il tuo uomo ne ha ?

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”