Tutto nella norma?

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 19:07

Vorrei capire se una mia determinata sofferenza è patologica oppure no.
Ho 23 anni,studio filosofia,sono una persona introversa,intellettuale(forse troppo..),contraddittoria(infinitamente lacerato),esagerata,sarcastica,introspettiva,passionale,religiosa(diciamo che la componente spirituale è molto forte in me),a volte un po' distaccato,riservato,ho alcune amicizie,prevalentemente con ragazze(rapporti troppo affettuosi da parte mia,mi accorgo che è uno "scarico"affettivo ), abbastanza forti,non amo uscire,fare vita mondana,sto molto a casa a studiare,ho diversi impegni in varie associazioni universitarie,ecclesiali,culturali etc,amo leggere,esprimere il mio affetto e donarmi agli altri(sono un po' totalizzante e passionale eh),amo i legami forti e definitivi,sono una persona ossessiva e astratta spesso...un intellettualismo "passionale"(forse troppo)...
Ho avuto una sola ragazza per poco tempo(la lasciai,non riuscivo ad amarla troppo casa e chiesa),qualche spasimante a volte(respinte,ho gusti difficili e molto complicati),una volta ogni 6-12 mesi in media approccio qualche ragazza(di solito cattoliche non bigotte-aperte impegnate e interessate alla filosofia\teologia) con esiti quasi sempre negativi(già fidanzate).
La cosa che vorrei capire è perchè quando approccio o mi dichiaro mi sento venir meno,quasi svenire,perdere le forze o provare una sofferenza fisica ed emotiva pari solo a quella che si ha in situazioni straordinarie tipo esami.
Sento un "muro" invalicabile...(certo se poi lo abbatto non ci sono più problemi ma quasi sempre mi ci schianto)
Questo rischio di questo dolore terrificante mi fa chiudere in me stesso,allontanarmi dal mondo,chiudermi in casa per mesi.
Ovviamente il tutto condito da autoerotismo ossessivo-compulsivo, cosa per nulla gradevole e che mi svuota e mi distrugge interiormente,emotivamente e psicologicamente e da prostrazione,accidia.
Meglio avere rapporti sessuali da non sposati,per quanto non moralmente (dal punto di vista cattolico) legittimo che sprofondare cosi' nel solipsismo erotico.
Cado in una tristezza totale che mi annienta.
E' tutto normale?
Non credo..so qual è la soluzione...buttarmi,approcciare,donarmi,offrire il mio amore e prima o poi qualcuna accetterà...ma ogni tentativo è una piccola morte...
E' un circolo vizioso...ciò che mi può salvare mi uccide...ma anche chiudermi in me stesso mi uccide..
E il tempo passa...
Ultima modifica di enrico13 il 15 settembre 2012, 19:58, modificato 1 volta in totale.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 19:44

enrico13 ha scritto: La cosa che vorrei capire è perchè quando approccio o mi dichiaro mi sento venir meno,quasi svenire,perdere le forze o provare una sofferenza fisica ed emotiva

si tratta di una situazione assolutamente diversa tuttavia questa tua frase mi ha fatto un po' ricordare questo intervento:

http://www.psicologi-psicoterapeuti.it/ ... =2&t=20647

se hai voglia di leggerlo, poi magari ne riparliamo.
comunque nel tuo caso penso che si tratti di una normale tensione emotiva/attesa accumulata nel tempo.

intanto ciao e benvenuto qui.

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 19:47

Grazie.
No,è diverso.
Quando sono stato fidanzato non mi capitava,anzi tendevo a "sopraffare" la sventurata.
Diciamo che cado nell'eccesso opposto essendo molto passionaleee.
Il mio collasso è dovuto all'espormi e al dire "ti amo".
Questo mi distrugge..
..............

Ma una tensione che produce effetti cosi' devastanti?
Io mi sento morire...
Devo superare questa cosa!
Se no la mia vita è rovinata per sempre come lo è stata quella fino ad ora.
Ultima modifica di enrico13 il 15 settembre 2012, 19:51, modificato 1 volta in totale.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 19:50

enrico13 ha scritto: E il tempo passa...
è la prima cosa che mi viene da osservare, occorre a mio avviso correggere la percezione del tempo, della propria età.
quanti a 20-25-30 anni si sentono già vecchi, il tempo vola, i giochi sono già fatti, le speranze calano, le cose non cambierannno più, ecc ecc. dico sempre: te ne riserverà la vita di sorprese e di possibilità, tante. tutto è appena cominciato, anzi sta cominciando.

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 19:52

Davide49 ha scritto:
enrico13 ha scritto: E il tempo passa...
è la prima cosa che mi viene da osservare, occorre a mio avviso correggere la percezione del tempo, della propria età.
quanti a 20-25-30 anni si sentono già vecchi, il tempo vola, i giochi sono già fatti, le speranze calano, le cose non cambierannno più, ecc ecc. dico sempre: te ne riserverà la vita di sorprese e di possibilità, tante. tutto è appena cominciato, anzi sta cominciando.
certo,era una nota poetica triste...tutto qua...

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 19:54

enrico13 ha scritto: Il mio collasso è dovuto all'espormi e al dire "ti amo".
Questo mi distrugge..

beh, insomma, dire "ti amo" è impegnativo, significa esporsi, assumersi una responsabilità, farsi carico del bene dell'altra persona. ci credo che ti crei tensione, anche perch^é sei serissimo, hai una moralità rigorosa ed esigente, un super-io di regole grande.... quasi quanto il mio :D .
ma ti trovi nelle condizioni di dover dire "ti amo" subito? caspita, ci credo che uno si senta soffocare. fai un passo alla volta

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 19:55

Davide49 ha scritto:
enrico13 ha scritto: Il mio collasso è dovuto all'espormi e al dire "ti amo".
Questo mi distrugge..

beh, insomma, dire "ti amo" è impegnativo, significa esporsi, assumersi una responsabilità, farsi carico del bene dell'altra persona. ci credo che ti crei tensione, anche perch^é sei serissimo, hai una moralità rigorosa ed esigente, un super-io di regole grande.... quasi quanto il mio :D .
ma ti trovi nelle condizioni di dover dire "ti amo" subito? caspita, ci credo che uno si senta soffocare. fai un passo alla volta

anche questa era un esagerazione!
Avevo avvertito che ero un po' esagerato....
Al massimo dico "sei interessante"..."mi piaci"

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 19:56

enrico13 ha scritto:
Davide49 ha scritto:
enrico13 ha scritto: E il tempo passa...
è la prima cosa che mi viene da osservare, occorre a mio avviso correggere la percezione del tempo, della propria età.
quanti a 20-25-30 anni si sentono già vecchi, il tempo vola, i giochi sono già fatti, le speranze calano, le cose non cambierannno più, ecc ecc. dico sempre: te ne riserverà la vita di sorprese e di possibilità, tante. tutto è appena cominciato, anzi sta cominciando.
certo,era una nota poetica triste...tutto qua...

ecco, le note poetiche tristi buttale nel cestino, servono a niente.

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 20:02

ok..ma come superare il tutto?

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 20:16

enrico13 ha scritto:
Ovviamente il tutto condito da autoerotismo ossessivo-compulsivo, cosa per nulla gradevole e che mi svuota e mi distrugge interiormente,emotivamente e psicologicamente e da prostrazione,accidia.
Meglio avere rapporti sessuali da non sposati,per quanto non moralmente (dal punto di vista cattolico) legittimo che sprofondare cosi' nel solipsismo erotico.
Cado in una tristezza totale che mi annienta.
E' tutto normale?
con un condizionamento molto forte della morale sessuale cattolica tradizionale, ah sì che è normale, è normalissimo a 23 anni avere calo di autostima e sensi di colpa grandi così per la masturbazione. a mio avviso se ne può rimanere anche psicologicamente a pezzi. e non è giusto.

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 20:18

ma che c'entra la morale sessuale cattolica?
ho parlato di un problema morale?
Ho detto che mi fa perdere infinito tempo energie,affettività etc
Non ho sensi di colpa tremendi(non avendo neanche ricevuto un'educazione cattolica,nessuno mi ha mai detto di non masturbarmi o simili),mi sento solo sprecato e disperso.
E perdere metà giornata per quello per me è gravissimo.
Ho parlato di fenomeno compulsivo-ossessivo,non di masturbazione normale.
Per questo la masturbazione può essere peccato,non per altro.
Ultima modifica di enrico13 il 15 settembre 2012, 20:21, modificato 3 volte in totale.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 20:19

enrico13 ha scritto:ok..ma come superare il tutto?

adesso guardo dove ho lasciato la bacchetta magica... :D

mah, hai buona cultura e buone capacità introspettive, anche fronto aperto con altre persone, anche nella forma del forum, può offrirti un aiuto credo.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 20:22

enrico13 ha scritto:ma che c'entra la morale sessuale cattolica?
ho parlato di un problema morale?
Ho detto che mi fa perdere infinito tempo energie,affettività etc
Non ho sensi di colpa tremendi(non avendo neanche ricevuto un'educazione cattolica,nessuno mi ha mai detto di non masturbarmi o simili),mi sento solo sprecato e disperso.
E perdere metà giornata per quello per me è gravissimo.
Ho parlato do fenomeno compulsivo-ossessivo,non di masturbazione normale.

ti sei definito persona religiosa inserita in associazioni ecclesiali.
ovviamente posso sbagliarmi, ma io credo che la morale sessuale cattolica c'entri col tuo modo di leggere questo aspetto della tua vita.
se tu dici il contrario, boh, saprai tu.

enrico13
Messaggi: 28
Iscritto il: 15 settembre 2012, 18:58

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da enrico13 » 15 settembre 2012, 20:24

Si,certo,ma vorrei evitare di cadere nell'analisi fine a stessa...e se lo dice uno che fa filosofia eheh
psicoanalizzarmi serve a poco..
----
E qual è il legame :terrore masturbazione=religione?
Sarò troppo progressista per coglierlo?
Non siamo negli anni '50.
Non ho una visione demoniaca del sesso....
E per associazioni ecclesiali intendo associazioni di laici in cui si discute come FUCI,AC...non i gruppi parrocchiali
Ultima modifica di enrico13 il 15 settembre 2012, 20:29, modificato 1 volta in totale.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Tutto nella norma?

Messaggio da Davide49 » 15 settembre 2012, 20:28

enrico13 ha scritto:Si,certo,ma vorrei evitare di cadere nell'analisi fine a stessa...e se lo dice uno che fa filosofia eheh
psicoanalizzarmi serve a poco..
----
E qual è il legame :terrore masturbazione=religione?
Sarò troppo progressista per coglierlo?
Non siamo negli anni '50.
Non ho una visione demoniaca del sesso....

benissimo. ti è stato risparmiato un bel problema. l'educazione religiosa tradizionale vietava questo e quello ecc ecc. ma sono tutte cose che sai già.
però adesso lascio la parola ad altri.
ciao

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”