Problema relazionale.

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Sola.
Messaggi: 2
Iscritto il: 16 novembre 2012, 14:56

Problema relazionale.

Messaggio da Sola. » 16 novembre 2012, 15:35

Salve e tutti, mi chiamo Serena, ho 19 anni e vi scrivo perchè ho problema, anche se, prima di tutto, vorrei complimentarmi con voi per questo forum.
Il mio problema in confronto ad altri potrà sembrare una banalità, ma ho la necessità di parlarne con qualcuno di competente.
Non ho una vera e propria difficoltà a relazionarmi con gli altri, anzi... sono introversa, ma non timida. Il mio problema è proprio questo, alle prime battute va tutto bene, poi non sono capace di investire nei rapporti e quando vedo che le persone tendono a legarsi troppo a me io scappo.
Non so se sia davvero così oppure se la cosa dipenda dalle altre persone, ma forse è meglio scendere nella concretezza dei fatti.
Io ho o avevo, non lo so, un'amica, l'ho conosciuta in quarta liceo e mi è piaciuta subito, è simpatica è intelligente, timida ma estroversa.
A lei piace tantissimo stare con le persone, ma quelle che dice lei, si lega molto selettivamente e investe tutto su quel rapporto, praticamente il mio opposto.
Ora il mio problema è che ci vedevamo tutti i giorni, e se non uscivamo con i nostri fidanzati eravamo sempre insieme.
Questa situazione ha iniziato a pensarmi quando lei ha iniziato ad arrabbiarsi con me perchè non mi facevo sentire abbastanza e perchè secondo lei io non la invitavo abbastanza spesso, se non avevo niente da fare perchè non invitarla? Perchè... perchè a me piace stare da sola, ma anche da sola con altre persone. Io non so dividermi tra me stessa, lo studio e le persone a cui voglio bene. E lei mi chiedeva troppo perchè io per un certo periodo ho investito tutto su di noi.
Le ho spiegato il problema ed abbiamo litigato.
Non ci sentiamo da un mesetto e a me un po' manca, ma non voglio che le cose tornino come prima, non voglio che lei si senta in diritto di farmi pesare ogni mia assenza, non voglio cambiare ancora. Ma non posso neanche stare senza di lei! O forse sì... non lo so nemmeno io.
Alterno momenti in cui mi manca, in cui vorrei parlare con lei e momenti in cui mi rendo conto che adesso sono più serena.
Non saprei come fare a tornare sua amica e cambiare le cose, che poi vorrebbe dire degenerare il nostro rapporto, ma non voglio neanche che le cose tornino come prima!
Non so cosa fare, ma è da tempo che penso di parlarne con uno psicologo, solo che purtoppo non ne ho la possibilità.
Grazie dell'ascolto.

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Problema relazionale.

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 20 novembre 2012, 3:00

salve Sola. Un nick particolare...
stare soli non è un male se si sta bene, se si gode di uno spazio di rapporto con se stessi. I rapporti troppo stretti possono soffocare, l'equilibrio è quanto cerchiamo e forse a 19 anni qualcuno ce l'ha, qualcun'altro no. Anche oltre i 19 anni... ma tanto più.
la gelosia, poi, soffoca sempre. Purtroppo (o per fortuna) non c'è modo di convincere qualcun altro quindi se il rapporto non trova una sua serenità è destinato a fallire. Ma ci vuole anche il suo tempo per decretare questo fallimento, e quindi è bene tentare di trovare un accordo. Tuttavia bisogna aspettarsi che quando si tratta di sentimenti è difficile che si possa raggiungre un accordo tramite le parole.
Se lei è serena con se stessa e con gli altri, non c'è motivo di pensarsi "sbagliata" o in errore. E neppure di cercare soluzioni diverse.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”