Mea culpa

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Avatar utente
Farfallo
Messaggi: 120
Iscritto il: 23 ottobre 2012, 22:09

Mea culpa

Messaggio da Farfallo » 19 novembre 2012, 21:46

Buongiorno.

Pongo una questione che potrebbe essere capitata ad altri.

Fin da quandoero piccolo, i miei litigavano spessissimo. Papà scelse o fu costretto all'esilio dallla famiglia, nel senso che tese a costituirsi il suo ambiente di vita far i suoi parenti e amici.

Io sentivo brontolare tutto il giorno mia madre contro papà. Ma ero un bambino razionale e non credevo a nulle di quel che lei diceva. Per me era come una radio accesa.

Alla fine i miei si separarono e solo allora mi resi conto che mia madre mi aveva usato per anni come strumento della quotidiana guerra contro papà.

Ma la mia domanda è questa: è possibile che io mi sia sentito in fondo colpevole per la situazione? Cioé credevo di essere rimasto neutrale e invece mi sentivo colpevole?
E oggi forse mi porto qualcosa di quel tempo lontano?
La lotta alla depressione si prepara quando stiamo bene;
è come un arsenale: dev'essere pronto, quando arriva la guerra
.

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Mea culpa

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 20 novembre 2012, 3:03

dunque... se lei è stato neutrale, com'è possibile che sua madre l'abbia usato come strumento contro il papà?
Quella che lei pone in termini di domadna dovrebbe essere un'affermazione: lei si sente o si è sentito colpevole per la situazione?
infatti, nessuno può rispondere al posto suo, del suo sentire. Forse la razionalità le impedisce di percepire i suoi sentimenti? idem per la seconda domanda.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”