Dipendenza affettiva da amicizia?? aiutatemi

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
nick
Messaggi: 1
Iscritto il: 29 giugno 2013, 12:29

Dipendenza affettiva da amicizia?? aiutatemi

Messaggio da nick » 29 giugno 2013, 19:40

Buongiorno
mi chiamo Nick, ho 25 anni e sono un nuovo utente. Vi espongo il mio problema cercando di essere chiaro e sperando in un vostro commento che mi sia di aiuto :wink:

Da qualche mese sto elaborando un piano per realizzare il mio sogno più grande: lasciare la mia città e spostarmi in un altro posto fuori la mia regione..sto dunque cercando informazioni su corsi professionali fuori regione e grazie al mio lavoro mi sto mettendo da parte una buona base economica da cui partire. Tutto tranquillo si direbbe. Eppure il mio stato emotivo è cambiato nel giro di poco tempo al punto da paralizzarmi. Qualche giorno fa, il mio migliore amico mi dice con molta sicurezza che a Settembre/Ottobre inizierà a lavorare. Io pur essendo contento per lui che finalmente è riuscito a trovare il suo primo lavoro, mi sto accorgendo che la notizia mi sta mettendo nel panico

Ogni giorno infatti , da qualche anno, ho l'abitudine pomeridiana di uscire di casa, di andare al bar e trascorrere lì un paio d'ore in compagnia del mio amico; vi posso assicurare che ciò accade ogni giorno e solo di rado accade di rimanermene da solo in casa..( ad esempio quando il mio amico ha degli impegni). Io provo terrore all'idea che, a causa di un ipotetico fallimento del mio progetto di andarmene dalla mia città, mi possa ritrovare a non poter contare nemmeno più su questa abitudine: se lui iniziasse davvero a lavorare non lo vederei più il pomeriggio perché c'è la possibilità che lavorerebbe in quella fascia oraria Mi vedo solo, rinchiuso tutto il pomeriggio in casa e ad ammalarmi di solitudine. L'abitudine del bar in compagnia del mio amico è diventata cosi patologicamente inevitabile per me, che le volte in cui mi succede di rimanere in casa e anche solo per un paio di giorni , ho attacchi di panico, terrore a stare da solo, paura di abbandono; cerco di controllare gli impegni del mio amico in maniera ossessiva per sapere se durante la settimana c'è il rischio che non andiamo al bar a causa di suoi impegni. Le mie tensioni, sia positive che negative, ogni giorno ruotano attorno all'evento centrale della giornata ..uscire di casa il pomeriggio e stare al bar almeno un paio di ore in sua compagnia. Ora, se a causa del fallimento del mio progetto di andare via ,io mi ritrovassi ancora qui, non farei nulla per farmi nuove conoscenze: nella mia città non mi sono mai voluto integrare con nessuno perché non sopporto la mentalità della gente del posto e mi sta strettissima. Il mio amico, è l'unico amico che ho, rappresenta la mia vita sociale da sempre.. Sembro innamorato di lui, ma vi assicuro che sono etero a tutti gli effetti, (se fossi gay non avrei problemi a dirlo), voglio che questo sia chiaro. Si tratta di una dipendenza affettiva da amicizia? oppure una dipendenza affettiva da alcune abitudini? Come faccio a gestire questa sensazione di terrore che mi pervade alla sola idea di ritrovarmi, a causa della sfortuna, ancora per altro tempo qui e soprattutto senza più contare sull'unico momento importante della mia monotona vita: uscire il pomeriggio e stare col mio amico al bar parlando di tutto...lo so che qualcuno, leggendo, potrebbe prendere come esagerata questa mia paura..peccato che in realtà scrivo con le lacrime agli occhi all'idea di ritrovarmi solo..mi sento spacciato

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: Dipendenza affettiva da amicizia?? aiutatemi

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 1 luglio 2013, 0:30

Salve nick, benvenuto nel forum.
La situazione che lamenta é effettivamente particolare e varrebbe la pena di essere meglio indagata. Purtroppo in un forum é impossibile, ci vorrebbe l'aiuto di uno psicologo all'interno di un lavoro fatto di persona con sufficiente tempo e spazio.
La cosa che colpisce non é tanto la situazione che farebbe in effetti pensare a una dipendenza affettiva, ma il fatto che lei sembra temere l'allontanamento del suo amico e non il suo proprio da lui. Infatti il panico non le viene all'idea di andarsene dalla sua regione, cosa che quando accadrà la allontanerà comunque da lui. Si tratta quindi di una paura dell'abbandono? Ci sono precedenti traumi da abbandono che lei ha subito?
Altra cosa che colpisce è la sua vita sociale tanto ristretta: come mai?
Come vede il problema - come ogni situazione - va visto all'interno di un contesto, compreso come un risultato che sintetizza molteplici fattori.
Perció non è mai possibile dare delle risposte certe a questioni specifiche, così come non è possibile interpretare un sogno senza contestualizzarlo nella vita complessiva, presente e passata, di una persona. E questo lo dico a beneficio dei tanti che mi fanno richieste in tal senso. :-)
Può anche verificarsi il fatto che la sua partenza dal luogo di residenza, essendo ancora da venire, possa essere vissuta piú serenamente perché non ancora così attuale, mentre il suo amico ha trovato lavoro e quindi rende molto concreto il passaggio ad altre modalitá di vita e di rapporto. Le due dose non si escludono, anzi. In ogni caso sembra esservi un tema intorno all'insicurezza nei rapporti affettivi, forse anche piú in generale. Il che i per sé è tanto generico quanto inutile da definire, né saperlo la aiuta automaticamente a superarlo. Insomma, come sempre, la soluzione sta in un buon lavoro su di sé, necessario nella misura in cui si vive troppa sofferenza.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”