mia madre mi fa impazzire

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

mia madre mi fa impazzire

Messaggio da Twilight » 7 agosto 2014, 13:57

Ciao a tutti,
ogni tanto faccio capolino
purtropo le cose non vanno benissimo, da quando mio padre è morto sono rimasta sola con mia madre e mi sta facendo impazzire. Purtroppo non posso economicamente permettermi di andare a vivere da sola, quindi sono costretta a condividere la casa con lei. E' sempre stat auna persona estremamente ansiosa, predisposta alla depressione (come i suoi fratelli con precedenti di depressione, attacchi di panico e uno si è lasciato morire perchè non ha mai accettato un intervento chirurgico che gli è stato fatto), è una persona ossessiva e paranoica da sempre, mi ha sempre tormentata, ed è sempre stata oppressiva e iperprotettiva. Finchè era in vita mio padre l'atteggiamento era più controllato perchè lei lo temeva, quindi, a parte periodi in cui quando lui era fuori casa mi tormentava e si convinceva di volta in volta di cose diverse (ed esempio se ricevevo una telefonata sul fisso staccava il telefono perchè era convinta che pagassimo noi), la vita scorreva un po' più serena, anche perchè si sentiva in un ambiente sicuro. Adesso le cose sono precipitate, capisco la depressione per il lutto, ma è sempre più ossessiva, si fa prendere da pensieri ossessivi nei confronti di persone con cui non va d'accordo e che è convinta tramino contro di noi, da pensieri ossessivi su lavori che dobbiamo fare in casa, pensieri ossessivi sui soldi, ha sempre avuto la paranoia sui soldi, come fossimo stati sull'orlo della bancarotta, voleva controllare anche come spendevo i miei, adesso è convinta che da un momento all'altro possiamo morire di fame credo, invece sono altre le persone che hanno problemi economici, noi non siamo ricche, ma siamo normali. il problema è che non riconosce di avere un problema, non vuole farsi aiutare, e non capisce che mi sta torturando, ormai sono diventata scontrosa e rispondo male perchè mi ha tirata fuori dai gangheri, il risultato è che lei dice che sono io che ho problemi perchè sono isterica, ma mi ripete 10 volte al giorno le stesse cose, viene anche a svegliarmi per dirmele, io devo lavorare, non ho tempo per pensare solo ai suoi problemi presunti, devo pensare anche ai miei, oltre che al dolore che ancora provo. non lo capisce, e vorrebbe farmi sentire in colpa, non posso quasi più avere una vita sociale, prima perchè aveva paura di stare a casa da sola, quindi non potevo stare fuori a dormire, ora perchè ci sono in ballo questi lavori, quindi ho dovuto rinunciare a ben 2 vacanze gratis e anche normali fine settimana perchè non vuole stare a casa da sola, sto facendo tutto io, tutte le commissioni tutto, ho fatto tutto io fino ad ora, ma lei non è contenta al 100%, perchè invece di lasciarmi fare continua a tormentarmi costantemente. Quando si risolve un problema ne crea un altro, questa situazione andrà avanti per sempre. Io ho somatizzato la forte ansia con un bruttissimo periodo di ipocondria questa primavera, non dormivo più. A settembre andrò al consultorio a cercare un sostegno, sono esausta, non ce la faccio più, da un mese mi continuano a venire attacchi di gastrite, lei se ne frega, mangio una volta al giorno perchè mi viene la nausea, non riesco più a parlarle, sono stanca, litigo ogni giorno, quello che faccio non va mai bene, pretende di poter proibire o meno cose a me, che ho quasi 40 anni, non capisce che sono una donna adulta costretta a vivere con lei dalla situazione economica e che non lo fa perchè non vuole una vita. Non so più come fare, la situazione non la reggo più è snervante..mi manca mio padre..se lei è depressa e ha problemi dell'umore e della gestione dell'ansia e conseguenti problemi di memoria, dovrebbe farsi curare, avrebbo dovuto farlo già prima, ma non pensa di avere problemi quindi non posso obbligarla con la forza, nè chiamare i carabinieri per farla interdire, perchè non è incapace di intendere e volere. Per lei è importante solo quello che pensa lei e i problemi che si crea lei, si dovrebbe parlare ossessivamente solo di quello, ogni briciola diventa un dramma, è sempre incazzata, anche se cade una cosa dal piatto sulla tovaglia, se si versa un goccio d'acqua, se dimentichi di mettere a lavare del bucato, sempre costantemente a creare drammi per niente, quando la vita avrebbe dovuto già insegnarle che i problemi veri sono i lutti come quello improvviso dello scorso anno, non queste stupidaggini. Nemmeno la notizia che la figlia della sua amica ha un cancro al seno le ha fatto capire per più di 10 minuti quali sono le cose importanti, dopo 10 minuti era tutto come prima. Cosa posso fare per non impazzire? se vado via anche solo per 2 giorni al mio ritorno è tutto con gli interessi! per il momento mi limito, quando non devo uscire per lavoro, a stare chiusa nella mia stanza ed evitarla il più possibile. Parlarle è inutile. L'ho supplicata di chiedere aiuto o di andare almeno dal medico e dice che sono pazza, le ho detto di farlo come favore a me, perchè sono preoccupata e se ne frega altamente, non ha la minima intenzione di fare un passo, pretende e basta, non vuole responsabilità, critica e pretende, stop. Vorrebbe fare la vita comoda senza dover fare niente da sola come faceva con mio padre, ma io non sono lui, le responsabilità si dividono, o almeno si potrebbero dividere le commissioni, ma ogni volta che propongo è un dramma! quindi mi arrangio..
Scusate se il post è lungo e sconclusionato, è proprio uno stream of consciousness
se avete letto, vi ringrazio, anche se non risponderete
Immagine

jessyca
Messaggi: 234
Iscritto il: 27 aprile 2014, 0:26

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da jessyca » 7 agosto 2014, 16:40

Beh io ho letto e rispondo con piacere anche perché in parte ritrovo problemi di vita familiare che conosco. Comprendo che sei esasperata per il comportamento di tua madre, tuttavia mi sembri troppo dura e ostile verso di lei. Non dimenticare che se tu hai quasi 40 anni lei ne avrà almeno una ventina di più, quindi vive un'età ed una situazione (vedova) molto difficile, oltretutto avrà il timore di rimanere sola nella vecchiaia e senza neanche il tuo affetto. Secondo me dovresti comprenderla ed assumere con lei un comportamento più dolce, tranquillo, non remissivo ma calmo, rassicurante e, permettimi, se fosse possible, anche gioioso e giocoso, in modo da sdrammatizzare il suo continuo preoccuparsi, in maniera tale da allentare e sciogliere la sua ansia e la tensione che si è creata tra voi. Cerca di portarla tu fuori, uscite insieme, andate in vacanza insieme, ma trasmettile serenità, tranquillità, letizia; sorridile, accarezzala, dalle un bacio affettuoso di tanto in tanto; vedrai che cambierà e la farai contenta, e contenta lei starai meglio anche tu. Siete rimaste in due dopo la morte di tuo padre, fatevi forza e sostenetevi a vicenda. Invece di dirle che ha bisogno di uno psicologo (non c'è nulla di più brutto da sentirsi dire da un familiare) cerca di distrarla tu. Inoltre cercate di non stare sempre sole ma invitate parenti, amici (naturalmente persone simpatiche e liete), a pranzo, o a cena fuori, o in vacanza. ecc...

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da Twilight » 9 agosto 2014, 21:19

no, tu non hai capito... ho preso in mano tutto io per non darle pensieri e lasciarla serena e il risultato è che mi tormenta, le dico di non preoccuparsi, la abbraccio, la perdono perchè mi sta facendo uscire di testa nel senso vero del termine, e lei sta buona per mezza giornata poi ricomincia a tormentare, mi ha detto che se per caso mai dovessi sposarmi dovrei restare a casa perchè non la posso lasciare da sola, ho rinunciato a fare vacanze per stare con lei, non sono uscita di casa per mesi e mesi dopo il lutto perchè non voleva stare da sola, voleva importmi il coprifuoco al massimo a mezzanotte perchè ha paura, mi voleva impedire anche trasferte lavorative per non dormire una notte da sola. Vacanze insieme? cene insieme? non ci sono soldi, stiamo per morire di fame, sono cose non contemplate! mi faceva i conti in tasca anche quando io andavo in vacanza e mio padre era vivo, non esiste minimamente! le ho detto di fare una settimana dalla vedova di suo fratello per stare insieme e rilassarsi, tornare alla sua città natìa e mi ha detto assolutamente no io da qui non mi muovo, non vuole neanche prendere il treno da sola, neanche se la carico io, neanche se la accompagno in macchina... uso la macchina? consumo benzina! parcheggio la macchina? e se te la rubano? e se la rigano? e se? e se? lei è fatta così, deve assolutamente deve farsi aiutare e non lo capisce.. ma io ho diritto a una vita più serena, perchè lei ha perso un marito ma io ho perso improvvisamente e inaspettatamente un padre, non mi sembra una cosa da meno, l'età non fa differenza, lei ancora mi parla tutti i giorni di quando ha perso sua madre a 20 anni.
per farti capire il tipo di persona che è, inconsapevolmente eh non con cattiveria, ti farei rileggere le mie discussioni in cui io, in preda alla depressione e all'ansia cercavo di lasciare il mio fidanzato decennale storico e lei mi prendeva in giro ridendomi dietro e dicendomi che ero una debole come lei e che me lo sarei sposato.. oppure quando mi veniva a svegliare di notte per dirmi che sicuramente non mi avrebbero tenuto buono il tirocinio per la tesi di laurea e non mi sarei laureata perchè avevo sospeso gli studi per via della depressione (mi sono laureata con 110/110)
questa è mia mamma... puoi cercare di tranquillizzarla quanto vuoi, non serve a niente, lei vuole ossessivamente parlare dei problemi che si crea nella testa e vuole che tu sia preoccupata quanto lei, anche per le scemenze e se non lo sei allora ti accusa, come ha già fatto ripetutamente, di essere una persona superficiale. aneddoto: gennaio, sotto natale ho ricominciato a soffrire di insonnia grave perchè mio padre mi mancava ancora più del solito, giorni senza dormire, una sera va via la corrente, di sabato, cosa puoi fare? aspettare, non sono un elettricista, è sabato sera, non ci sono soluzioni, volevo andare a letto e mi ha tenuta sveglia fino alle 5 di mattina che non è tornata la corrente, e io dicevo ho sonno, non possiamo fare niente, ho l'emicrania, vado a letto, risposta: sei una superficiale, per te niente è importante! sei menefreghista! non andrai da nessuna parte così! la casa è tua! ok... ma io non sono un elettricista, se sto sveglia la corrente ritorna? no..quindi?
questo è... non ho voglia e neanche tempo di trattarla come una down facendole le carezze e dicendola mamma, dimmi tutte le tue angosce 40 volte al giorno così ti aiuto a ricamarci sopra, però non preoccuparti, poi aggiusto tutto... anche perchè di problemi concreti degni di questo nome, a parte la scomparsa di mio padre, non ce ne sono.. mi sembra di prenderla per scema e svilire la sua intelligenza aiutandola a farsi del male.. inoltre lei non si fa problemi a far del male a me. chiede scusa una volta ogni 6 mesi e il giorno dopo ricomincia tutto da capo.. ho appena discusso di nuovo eprchè è ossessionata dai soldi e dice che siamo piene di debiti.. non abbiamo debiti.. dice che mettere via migliaia di euro in un anno è poco, che siamo messe malissimo.. abbiamo una casa di proprietà.. io vorrei studiare ancora, non si può.. a meno che io non trovi anche un secondo e un terzo lavoro, perchè non ci sono soldi..e io non gliene ho mai chiesti nemmeno per prendere la prima laurea, figuriamoci se li chiedo ora! è da quando ho 18 anni che non chiedo soldi, anzi, da prima...
è una cosa insostenibile...
Immagine

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 15 agosto 2014, 18:11

Salve! Sono contenta di rileggerla, seppure mi spiace che quanto la spinge a tornare sia questa situazione.
Nel merito direi che il problema di sua mamma non è risolvobile sforzandosi di accontentarla, perchè essendo che esprime in questo modo il suo essere infelice , non ci sarà nulla che possa valere. Quindi il circolo è vizioso e si autoalimenta facendovi impazzire entrambe.
Purtroppo sua mamma non intende farsi aiutare, a quanto capisco, per cui siete entrambi preda di questo malessere. Anche se, a volte, se non si hanno salvagenti si è costretti a nuotare...
Visto il significato che hanno questi "sintomi" , il comportamento migliore è fare quanto si ritiene giusto, non quanto viene richiesto, il che certamente non è facile, lo capisco bene.
Una soluzione sarebbe che la mamma trovasse qualche attività da svolgere, che si tratti di sport, di salute, di tempo libero, preferibilmente cose rilassanti da fare in compagnia , ma NON in reciproca compagnia bensì insieme ad altri, magari vedove come lei, o con similitudini di età e di condizione, tipo yoga o mindfulness, o attività in parrocchia se è religiosa. Oppure un gruppo di auto mutuo aiuto , con l'occasione del lutto e della solitudine ansiosa.... In questo potrebbe tentare di aiutarla, ben sapendo che non sarà comunque facile vista la dinamica tra voi.
Per quanto la riguarda, valuti se davvero le è impossibile andare a vivere fuori casa, magari in convivenza con altre persone, che per quanto disagevole può essere meglio di questa situazione "vampiresca".... Appunto :)
Tenendo conto che la distanza fisica può aiutare, ma quella psicologica non sempre si ottiene andando via.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

jessyca
Messaggi: 234
Iscritto il: 27 aprile 2014, 0:26

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da jessyca » 15 agosto 2014, 21:03

Bene! Così la povera mamma vecchia e rompiscatole rimane sola ed abbandonata a sé stessa. Migliorerà di certo! Mah, dottoressa, va tanto di moda abbandonare i genitori che ogni scusa è buona per sentirsi in diritto, o peggio, in dovere di farlo. Io penso che anche la figlia ha le sue pecche e le sue responsabilità. Poteva scegliere di andar via di casa, in qualche modo, molti anni prima, perché non l'ha fatto? Perché le faceva probabilmente comodo rimanere coi genitori. Inoltre, a quell'età, 40 anni, mi sembra rimasta un po' troppo legata alla figura paterna a quanto sembra. C'entrerà qualcosa col complesso di Edipo o di Elettra? O magari è solo immaturità affettiva? Sono d'accordissimo che la madre dovrebbe frequentare altre persone ed impegnarsi in attività che possano distoglierla dall'attenzione verso la figlia. Scusate ma questo è il mio punto di vista.

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 15 agosto 2014, 22:08

mah...tra abbandonare e contenere il vampirismo c'è una bella differenza. Non possiamo esprimere giudizi su colpe o ragioni di alcuno, tanto meno da poche righe in qualche post. Qualsiasi sia la storia, l'equilibrio nei rapporti è sempre una semplice (quanto difficile) soluzione e abitare in altra casa non significa tagliare i ponti.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Re: mia madre mi fa impazzire

Messaggio da Twilight » 31 agosto 2014, 13:14

Cara jessica, esiste un'età limite per amare il proprio padre che si è per altro perso all'improvviso? Non auguro niente a nessuno ma prima o poi capirai cosa si prova, spero per te il più tardi possibile.
Per quanto riguarda l'andare via di casa prima lo avrei fatto più che volentieri, ma non ho mai avuto la possibilità economica, ho sempre avuto lavori precari e sotto pagati, quindi avrei dovuto probabilmente, secondo te, andare a prostituirmi pur di uscire di casa, perché tutti gli altri lavori umili li ho fatti, compreso pulire bagni pubblici..con la mia laurea li ho puliti... Se non sai non giudicare per cortesia... Poi se sperimenterai la stessa situazione mi saprai dire.. Se me ne andassi non lo farei per abbandonare mia madre che mi minaccia di ammazzarsi perchè la odio e non valgo niente, ma per salvare la pelle a me! Queste dinamiche le ho già vissute in passato, proposte sia da mia. Madre che dal mio ex fidanzato storico, e grazie a come sono stata cresciuta pensavo fossero pure giuste! Adesso non lo penso più e non sono più disposta a sottostare alla tortura perchè io rispetto lei ma lei deve rispettare me, e questo vale per chiunque.. Ioon sono il punching ball di nessuno e come non uso io le persone per sfogare solo le mie negatività e avere rivalse psicologiche per problemi miei così non voglio essere usata io!
Immagine

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”