Uomini e stelle

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Uomini e stelle

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 11 gennaio 2008, 19:49

ho trovato questo raccontino che mi è piaciuto così tanto da volervelo porgere, come augurio per il nuovo anno:

"Il coraggio di cambiare
Una tempesta terribile si abbatté sul mare.
Lame affilate di vento gelido trafiggevano l'acqua e la sollevavano in ondate gigantesche che si abbattevano sulla spiaggia come colpi di maglio,o come vomeri d'acciaio aravano il fondo marino scaraventando le piccole bestiole del fondo,i crostacei e i piccoli molluschi, a decine di metri dal bordo del mare.
Quando la tempesta passò, rapida come era arrivata, l'acqua si placò e si ritirò.
Ora la spiaggia era una distesa di fango in cui si contorcevano migliaia di stelle marine.
Erano tante che la spiaggia sembrava colorata di rosa.
Il fenomeno richiamò molta gente da tutte le parti della costa.
Arrivarono anche delle troupe televisive per filmare lo strano fenomeno.
Le stelle marine erano quasi immobili.
Stavano morendo.
Tra la gente, tenuto per mano dal papà,c'era anche un bambino che fissava con gli occhi pieni di tristezza le piccole stelle di mare.
Tutti stavano a guardare e nessuno faceva niente.
All'improvviso il bambino lasciò la mano del papà, si tolse le scarpe e le calze e corse sulla spiaggia.
Si chinò, raccolse con le piccole mani tre piccole stelle di mare e, sempre correndo, le portò nell'acqua.
Poi tornò indietro e ripeté l'operazione.
Dalla balaustrata di cemento, un uomo lo chiamò.
"Ma che fai ragazzino?"
"Ributto in mare le stelle marine. Altrimenti muoiono tutte sulla spiaggia" rispose il bambino senza smettere di correre.
"Ma ci sono migliaia di stelle marine su questa spiaggia: non puoi certo salvarle tutte. Sono troppe!" gridò l'uomo.
"E questo succede su centinaia di altre spiagge lungo la costa! Non puoi cambiare le cose!".
Il bambino sorrise, si chinò a raccogliere un'altra stella di mare e gettandola in acqua rispose:
"Ho cambiato le cose per questa qui!".
L'uomo rimase un attimo in silenzio, poi si chinò, si tolse le scarpe e le calze e scese in spiaggia.
Cominciò a raccogliere stelle marine e a buttarle in acqua.
Un istante dopo scesero due ragazze ed erano in quattro a buttare stelle marine in acqua.
Qualche minuto dopo erano in cinquanta, poi cento, duecento, migliaia di persone che buttavano stelle di mare nell'acqua.
Così furono salvate tutte. "
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Avatar utente
Batik
Messaggi: 111
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:04

Messaggio da Batik » 11 gennaio 2008, 23:49

Ci sono stelle che non si possono salvare...Siamo uomini e non Dei. Ci sono cose che per quanto ci sforziamo di trovare rimedio rimangono ferme e immobili, ci sono cose che per quanto possiamo versare fiumi di lacrime esse non cambieno. Ci sono cose che per quanto lottiamo non cambieranno mai. Ci sono cose più grandi di noi...E non si tratta solo del coraggio di cambiare...Siamo uomini e non Dei.

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

...

Messaggio da =darkgirl= » 12 gennaio 2008, 0:35

invece secondo me le cose si possono cambiare...certo a piccole dosi come fa il bambino con le poche stelle che riesce a prendere in mano.. è una storia bellissima e molto significativa...è importante capire che se una persona è felice cambia anke l'ambiente intorno a se...come anche se questa è triste e nervosa...dopo poco tutti saranno un pò più nervosi di prima.. come al solito non so se sono riuscita a spiegarmi..spero di si... XD XD

Avatar utente
Batik
Messaggi: 111
Iscritto il: 8 dicembre 2005, 18:04

Messaggio da Batik » 12 gennaio 2008, 1:57

Siamo uomini e non Dei, non possiamo guarire nessuno dalle malattie mortali, nemmeno noi stessi e non possiamo cambiare il destino di nessuno... Queste favolette servono solo per illudersi e per zuccherarsi per brevi attimi la vita. Nulla si può cambiare davvero, ma solo avere l'illusione di cambiarla. Le uniche cose che possono essere cambiate sono solo i finti problemi, la si smette di vederli come tale e allora si ha l'illusione che essi siano finalmente svaniti. I problemi veri invece quelli non li può cambiare o togliere nessuno. Siamo uomini e non Dei, non si possono salvare le stelle ma solo illudersi di salvarle.

Avatar utente
LanaLang
Messaggi: 2
Iscritto il: 12 gennaio 2008, 1:12

re:

Messaggio da LanaLang » 12 gennaio 2008, 2:07

secondo me certe volte queste illusioni ci danno un qualcosa alla quale aggrapparsi per potere andare avanti......almeno per me è così!

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 12 gennaio 2008, 13:11

Batik ha scritto:Siamo uomini e non Dei, non possiamo guarire nessuno dalle malattie mortali, nemmeno noi stessi e non possiamo cambiare il destino di nessuno... Queste favolette servono solo per illudersi e per zuccherarsi per brevi attimi la vita. Nulla si può cambiare davvero, ma solo avere l'illusione di cambiarla. Le uniche cose che possono essere cambiate sono solo i finti problemi, la si smette di vederli come tale e allora si ha l'illusione che essi siano finalmente svaniti. I problemi veri invece quelli non li può cambiare o togliere nessuno. Siamo uomini e non Dei, non si possono salvare le stelle ma solo illudersi di salvarle.
be'... intanto le stelle marine sono state salvate, hanno avuto un'altra possibilità. C'è un'altra frase che mi è sempre paiciuta molto, è una preghiera, però l'entità a cui ci si rivolge non necessariamente deve essere un Dio esterno, può essere anche la parte più saggia e consapevole di noi. Dice:
"Signore dammi la forza di cambiare quello che posso cambiare, di accettare quello che non posso cambiare, e la saggezza per riconoscerlo"
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”