bulimia e altre patologie?

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

bulimia e altre patologie?

Messaggio da =darkgirl= » 27 dicembre 2008, 20:49

è vero che la maggior parte delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare hanno anke uno o più disturbi di personalità?? quali sono i disturbi di personalità più frequenti?

un abuso sessuale se portato dentro di se come un segreto per tanti anni può portare ad un disturbo di personalità? e cosa si fa quando questo abuso "esce fuori"?? cioè, uno psic cosa fà?? come si può togliere questo trauma?

quali sono i disturbi di personalità più conosciuti? sono tutti guaribili??

grazie in anticipo per le risposte!

scusi per le tante domande :? forse era il caso di metterle in post differenti?? spero di no...xke volevo solo evitare di scrivere 20.000 argomenti diversi ed appestare il forum di domande :?

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

Messaggio da =darkgirl= » 30 dicembre 2008, 0:00

questa è una domanda per la dottoressa...ma se qualcuno può darmi un suo parere è ben accetto :)

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 30 dicembre 2008, 0:03

direi che è impossibile rispondere adeguatamente a tante domande. Sicuramente un consulto psicologico potrebbe essere più indicato come luogo che possa esaurire tante richieste, e magari approfondire il loro movente. Anche qualche ricerca in internet può servire. Mi limito a rispondere alla domanda sull'abuso: è possibile che l'abuso subito comporti dei problemi a livello psicologico, ovviamente. Dipende da quanto viene correttamente rielaborato e superato, e questo può verificarsi più facilmente dentro uno spazio di lavoro su di sè, accompagnati da un professionista. E' più saggio esaminare onestamente la propria vita per trarre le conclusioni, che riferirsi a una "casistica" applicata a priori.
Ultima modifica di Dr.ssa Eleonora Arduino il 30 dicembre 2008, 17:58, modificato 1 volta in totale.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

Messaggio da =darkgirl= » 30 dicembre 2008, 0:08

si in effetti le mie domande erano a raffica...scusi :oops:

un'ultima domanda...andando in terapia in che modo lo psic aiuterebbe a rielaborare il trauma??cioè parlo proprio a livello pratico!
con quale metodologia generalmente si aiutano i pazienti a rielaborare questo tipo di trauma?

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 30 dicembre 2008, 0:14

cara dark, ci dev'essere un'epidemia di ossessività nel forum! :D scherzi a parte, le ripeto che ogni suo dubbio si risolve più facilmente ed esaurientemente in una conversazione di persona con un terapeuta: le consiglio di non indugiare, visto come sono pressanti le sue domande.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

Messaggio da =darkgirl= » 30 dicembre 2008, 0:16

:lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:

si è vero...scusiiiiiiii!!!!! no cmq era solo curiosità... :P


sto ridendo dalla vergogna e sono pure diventata rossa...madò ke figuraccia!!! :lol: :lol: :lol: :lol:

Avatar utente
Psyduck
Messaggi: 159
Iscritto il: 22 giugno 2007, 19:04

Messaggio da Psyduck » 30 dicembre 2008, 10:37

Anch'io come dark da quando ho iniziato terapia ho un bisogno '''ossessivo''' di sapere, sapere, sapere...
del tipo: che studi ha fatto la mia psico? In cosa consiste il suo approccio? se mi fa una domanda X dove vuole arrivare?
il dsm IV ormai non ha pi segreti per me...

Ma tutto questo ricercare, tentare di capire mi porta a bloccarmi durante gli incontri perchè non riesco a dire una parola...

Mi chiedo: perchè lo faccio? Ho poca fiducia in lei? Perchè non riesco a 'lasciarmi andare' almeno un pò? Perchè, nella teoria, so che non c'è un 'giusto ed uno 'sbagliato' ma, nella pratica, ho paura di dire quello che penso?

Dott.ssa, capitano anche a lei cose di questo tipo con la sua utenza? Come possiamo fare noi_dall'altro_lato_della_scrivania??

P.S. se sono troppo O.T. ditemelo che riapro in un nuovo post!!

Avatar utente
Psyduck
Messaggi: 159
Iscritto il: 22 giugno 2007, 19:04

Messaggio da Psyduck » 30 dicembre 2008, 12:06

Nel frattempo mi sono aggiornata, provo a vedere se riesco a risp. a qualche tua domanda dark...
anche se come dice la dott.ssa non credo possa esserti di grande utilità la casistica(anche se forse aiuta a pensare come la psic. potrebbe pensare-->un aiuto per difendersi meglio!?).
1) è vero che la maggior parte delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare hanno anke uno o più disturbi di personalità??
L'anoressia nervosa presenta alcuni tratti cognitivi caratteristici tra cui: l'errata percezione del proprio corpo, il pensiero tutto_o_nulla, pensiero magico,pensieri e rituali ossessivo-compulsivi.
Quest'ultima presenza ha portato gli esperti ad interrogarsi se il disturbo di personalità ossessivo-compulsivo coesistesse quindi con i DCA.
Studi longitudinali(Grilo et. al 2003), ampliati anche ad altri disturbi di personalità non hanno confermato la cosa.
Resta comunque da notare che la prevalenza di disturbi di personalità in soggetti con disturbi alimentari è alta.

2) quali sono i disturbi di personalità più frequenti?
Ossessivo compulsivo

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 30 dicembre 2008, 17:48

Psyduck ha scritto:Anch'io come dark da quando ho iniziato terapia ho un bisogno '''ossessivo''' di sapere, sapere, sapere...
del tipo: che studi ha fatto la mia psico? In cosa consiste il suo approccio? se mi fa una domanda X dove vuole arrivare?
il dsm IV ormai non ha pi segreti per me...

Ma tutto questo ricercare, tentare di capire mi porta a bloccarmi durante gli incontri perchè non riesco a dire una parola...

Mi chiedo: perchè lo faccio? Ho poca fiducia in lei? Perchè non riesco a 'lasciarmi andare' almeno un pò? Perchè, nella teoria, so che non c'è un 'giusto ed uno 'sbagliato' ma, nella pratica, ho paura di dire quello che penso?

Dott.ssa, capitano anche a lei cose di questo tipo con la sua utenza? Come possiamo fare noi_dall'altro_lato_della_scrivania??

P.S. se sono troppo O.T. ditemelo che riapro in un nuovo post!!
un po' OT, ma ci sta, comunque!
Capisco benissimo la questione, è molto frequente soprattutto nelle persone che hanno problemi di ansia, fanno fatica a lasciarsi andare all'incontro, è come se volessero controllare tutto. Naturalmente se non ci fossero dei problemi non si andrebbe neppure dallo psi, giusto? :) quindi, niente di irrisolvibile. L'unico modo è sempre seguire la semplice, solita, banale regoletta d'oro, tanto semplice quanto difficile da applicare: parlarne col terapeuta. Anche questo non è immediato, però è uno sforzo che forse si può fare. Diciamo che finchè non si riesce a fare, la terapia si prolunga, e il terapeuta (che spesso ha capito) non può far altro che aspettare che scatti la fiducia e l'abbandono di difese troppo alte. E' incredibile quanto possa prolungarsi e incasinarsi una terapia solo per il semplice fatto che non si riesce a parlare di tutto. Non si tratta tanto del fatto in sè, (come se il terapeuta avesse bisogno di sapere ogni cosa), ma del meccanismo relazionale che porta a confidarsi pienamente: se è scattato, poi è molto più facile andare avanti spediti. Dico sempre "due anni per abbassare le difese, due mesi per superare tutto". Non è proprio così, ma ci somiglia. Provateci! :D
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 30 dicembre 2008, 17:53

Psyduck ha scritto:Nel frattempo mi sono aggiornata, provo a vedere se riesco a risp. a qualche tua domanda dark...
anche se come dice la dott.ssa non credo possa esserti di grande utilità la casistica(anche se forse aiuta a pensare come la psic. potrebbe pensare-->un aiuto per difendersi meglio!?).
1) è vero che la maggior parte delle persone affette da disturbi del comportamento alimentare hanno anke uno o più disturbi di personalità??
L'anoressia nervosa presenta alcuni tratti cognitivi caratteristici tra cui: l'errata percezione del proprio corpo, il pensiero tutto_o_nulla, pensiero magico,pensieri e rituali ossessivo-compulsivi.
Quest'ultima presenza ha portato gli esperti ad interrogarsi se il disturbo di personalità ossessivo-compulsivo coesistesse quindi con i DCA.
Studi longitudinali(Grilo et. al 2003), ampliati anche ad altri disturbi di personalità non hanno confermato la cosa.
Resta comunque da notare che la prevalenza di disturbi di personalità in soggetti con disturbi alimentari è alta.

2) quali sono i disturbi di personalità più frequenti?
Ossessivo compulsivo
diciamo che può funzionare come per le persone che soffrono di ipocondria: ogni cosa che leggono se l'attribuiscono, con risultato di credere di saperne di più e angosciarsi il doppio. In quanto al saperne di più, è cosa non vera, perchè la statistica è, come si sa, quella scienza per cui se io mangio un pollo e tu nulla, risulta che ne abbiamo mangiato mezzo per uno... con buona pace per l'utilità delle casistiche, ma applicate in altro modo.
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

Avatar utente
Psyduck
Messaggi: 159
Iscritto il: 22 giugno 2007, 19:04

Messaggio da Psyduck » 30 dicembre 2008, 18:47

:roll:

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

Messaggio da =darkgirl= » 30 dicembre 2008, 21:08

diciamo che può funzionare come per le persone che soffrono di ipocondria


in che senso???

Avatar utente
Psyduck
Messaggi: 159
Iscritto il: 22 giugno 2007, 19:04

Messaggio da Psyduck » 30 dicembre 2008, 21:56

=darkgirl= ha scritto:
diciamo che può funzionare come per le persone che soffrono di ipocondria


in che senso???
Credo che una persona ipocondriaca sia una persona morbosamente preoccupata per la sua salute e che quindi vada in ansia e si identifichi ogni qual volta sente parlare di una malattia temendo di avercela...

credo la dott.ssa voglia metterci in guardia dal cercare di auto-etichettarci...
Giusto?

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 31 dicembre 2008, 0:35

giusto :)
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

=darkgirl=
Messaggi: 87
Iscritto il: 7 gennaio 2008, 22:23

Messaggio da =darkgirl= » 31 dicembre 2008, 1:35

aaaah...ok grazie psy e anke alla dott! :)

ma fortunatamente pur essendo bulimica non ho disturbi di personalità...per questo dicevo ke le mie erano solo curiosità!!! :)

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”