Perchè mi sento sola?

In questa sezione puoi ottenere informazioni generali di carattere psicologico dal moderatore o da membri autorizzati, psicologi o psicoterapeuti, dalle Pagine Blu. Gli psicologi possono fornirti tutte le informazioni necessarie per offrire un contributo in merito alla prevenzione del disagio mentale, familiare e sociale ma in nessun caso possono fornire diagnosi o indicazioni sui trattamenti da effettuare.

Moderatore: Dr.ssa Eleonora Arduino

Rispondi
lelewriter
Messaggi: 40
Iscritto il: 28 novembre 2008, 23:06

Perchè mi sento sola?

Messaggio da lelewriter » 15 gennaio 2009, 1:45

Ho diciotto anni compiuti vigilia di Natale e sono una ragazza abbastanza tranquilla, abbastanza felice. Ho una famiglia fantastica, degli amici straordinari e una vita piena di opportunità e attività in cui mi lancio di continuo. Dovrei essere la persona più felice della terra, eppure mi sento irrimediabilmente sola. Non sono mai stata fidanzata nella mia vita, mai dato il primo bacio, solo una volta sono stata innamorata "davvero", due anni fa, ma era un amore non corrisposto. Non riesco a trovare qualcuno che possa essere mio, qualcuno che mi ami, che mi completi. ho paura che sia colpa mia, anche se non capisco che cosa sbaglio! Non sono brutta e nemmeno stupida. Eppure mai nessun ragazzo si è davvero avvicinato a me. O quelli che mi sono stati più vicini perchè parte del nostro gruppo, ora sono fidanzati con le mie amiche. Prima eravamo una bella compagnia, una ventina di persone. Ma non tutte erano coppiette, io, mia cugina e due amiche per me importanti eravamo single e mai state fidanzate. Ora siamo rimaste single solo io e mia cugina. Lei la vive più o meno come me, forse meno peggio. Ho difficoltà a stare con gli altri del gruppo, ormai mi sento perennemente un terzo incommodo e comunque vederli sempre appiccicati a baciarsi e abbracciarsi da un lato mi rende felici per loro, però dall'altro mi rende più triste perchè sento di aver perso le mie migliori amiche e penso che per me il momento che tanto aspetto non arriverà mai!
Non è certo iniziato ieri, questo discorso, però ultimamente è terribilmente peggiorato. Mi sento depressa quando penso all'amore e mi sento sola e non posso non riuscire a chiedermi "quanto devo aspettare"? "Che cos'ho che non va"? "Perchè non riesco a trovare quello giusto"?
So che sono noiosa, ma questa tristezza mi comincia a spaventare, adesso! :-([/u]

Avatar utente
Dr.ssa Eleonora Arduino
Messaggi: 1880
Iscritto il: 2 novembre 2005, 0:28
Località: Torino

Messaggio da Dr.ssa Eleonora Arduino » 16 gennaio 2009, 0:56

carissima, può succedere e può avere così tante cause che è davvero improprio addentrarsi in spiegazioni che non siano sostenute da riflessioni approfondite e personalizzate. Sono certa che molte persone vorranno rispondere provando a fare ipotesi che le possono servire da stimolo.
18 anni non sono ancora così tanti da doversi preoccupare davvero, può darsi che lei sia semplicemente piuttosto esigente e che ci sia una certa discrepanza tra ciò che le sarebbe più congeniale e ciò che sogna e desidera a livello affettivo, creando una "forbice" troppo ampia tra sogno/aspettative e realtà. diciamo che può essere tipico di persone che tendono a idealizzare, o semplicemente ad innamorarsi di altri che rappresentano parti di sè troppo nascoste e quindi che appaiano troppo diverse per trovare corrispondenza. Facciamo un esempio, per spiegarmi: se una ragazza sarebbe brillante, estroversa e socievole ma per qualche motivo non riesce ad esserlo, si muove in modo dimesso, si presenta più nascosta e ritratta, ma si innamora del classico "capopopolo", uomo in primo piano ammirato e sicuro di sè, cercando in questo innamoramento una specie di completamento per quella parte di sè inespressa. Ma spesso i "capopopolo" amano accompagnarsi a uguale tipologia, e quindi non corrispondono l'amore di una timida, sensibile e dolce fanciulla, di cui invece si innamora il timidone (ma assai più consistente) ragazzo della compagnia, che però a sua volta non viene considerato dalla fanciulla in questione, magari neppure visto. Insomma, un gioco di proiezioni di cui ho fatto uno schematico ma indicativo quadretto. Per uscirne bisogna esserne consapevoli e poi accettare di avviare rapporti anche se possono sembrare troppo tiepidi per i propri gusti, lasciandosi il tempo di ritirare le proiezioni e scoprire l'eventuale intesa che invece può esserci. Ma non è certo facile come a dirsi!
Dr.ssa Eleonora Arduino - psicologa e psicoterapeuta - Torino
moderatore dei forum "consulenza psicologica"
www.eleonoraarduino.it

lelewriter
Messaggi: 40
Iscritto il: 28 novembre 2008, 23:06

Messaggio da lelewriter » 16 gennaio 2009, 15:32

Di solito me la cavo bene con l'introspezione, ma cercare di capire in quale ragazzo ideale potrebbero essere ritratte le mie aspirazioni più nascoste mi viene difficile! Accidenti! :) Riesco a ricostruire a questo punto l'interesse di alcuni amici per le ragazze che desiderano...ma entro sul "personale" e...ops! Può darsi davvero che metta un'etichetta ai ragazzi, ma prima di riuscire a fronteggiarla dovrei capire qual è questa etichetta. Come posso capire se il problema è davvero questo? Così su due piedi mi verrebbe in mente che non è un problema di "scarti"! Non so, non c'è davvero nessuno che sembra fare, anche lontanamente, al caso mio, ma perchè davvero trovo che i ragazzi che conosco siano già impegnati per qualcun altro o completamente disinteressati a me o davvero completamente diversi. Anche perchè anche togliendo l'etichetta, o cercando di allargare i miei orizzonti :) (che poi la riflessione che sto dando mi fa un pò sorridere perchè mi ricorda il ragionamento una persona che va a comprare un vestito, sorry x l'off...message) dovrei comunque tenere dei limiti. Cioè, se so che un ragazzo che magari è interessato a me è solito prendere in giro le ragazze o cercare storie per niente serie, siccome abbiamo obbiettivi diversi dovrei escluderlo a priori!...O no!? Forse sto andando in confusione...è giusto escludere a priori?
Comunque GRAZIE davvero per la risposta. So che non avrei dovuto usare il maiusc, ma giuro che non sta lì per simulare un urlo...se mai solo per rafforzare il concetto del "grazie"!
Vale

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Messaggio da Aikiko » 17 gennaio 2009, 1:32

La risposta più sensata sarebbe dirti che sei così giovane e che, col tempo, troverai qualcuno di cui innamorarti e che ti amerà.
Però quel tuo sentirti così "sola" mi ricorda tanto come stavo io alla tua età, il senso di esclusione dalla compagnia, il girare a vuoto senza intravedere nessuno che potesse essere "adatto" a me, sentirsi sempre di troppo. Un continuo ritirarsi che mi ha portato, più di vent'anni dopo, ad essere davvero e, forse irrimediabilmente, sola.
Il consiglio che ti do' è quello di provare, di soffrire e far soffrire, di accettare inviti anche da chi ti sembra "inadatto", di metterti in gioco per poter scoprire cosa veramente cerchi in un rapporto. Se non lo fai adesso in futuro sarà sempre più difficile e rischierari di sentirti ancora più inadeguata.
Se poi hai anche solo il semplice sospetto, anche soltanto l'ombra di una sensazione di qualcosa che non va in te, nel tuo modo di relazionarti agli altri, di un qualche "blocco" che non riesci assolutamente a superare, allora non esitare a chiedere un aiuto concreto, anche soltanto una consulenza psicologica, giusto per capire se c'è davvero qualcosa che non va o se semplicemente il tuo disagio è legato solo ad un momento che si risolverà crescendo.
Un abbraccio

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Messaggio da Marta » 17 gennaio 2009, 18:07

se il problema è solo non aver trovato ancora il ragazzo allora io non mi preoccuperei più di tanto, hai tanto di quel tempo a disposizione per trovare qualcuno adatto a te!!!!
io alla tua età ero veramente sola, cioè senza nemmeno gli amici, e ora, a 25 anni, lo sono ancora, vivo in solitudine 24 ore su 24!!!
con il passare del tempo mi sono chiusa in un guscio e non riesco più ad uscirne!
non credo sia questo il tuo problema, magari sei solamente molto selettiva e non ti fidi facilmente...e questo è anche un bene!!!
mi trovo più o meno nelle condizioni di aikiko, mi sa.... :(
TAEDIUM VITAE

Rispondi

Torna a “Forum di consulenza psicologica”