Roma, 4 Aprile 2014: “La comunità, le comunità"

Questa sezione del forum è riservata a comunicazioni di carattere professionale, informativo, culturale e scientifico, tra operatori della salute mentale.

Moderatori: Luca Esposito, Redazione Pagine Blu

Rispondi
Avatar utente
Adriano Legacci
Site Admin
Messaggi: 140
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 12:56
Località: Padova

Roma, 4 Aprile 2014: “La comunità, le comunità"

Messaggio da Adriano Legacci » 11 marzo 2014, 14:49

La comunità terapeutica può definirsi come un micro sistema sociale la cui finalità è quella di produrre salute per chi vi entra in contatto . E’ una comunità costruita artificialmente per sopperire alle carenze della comunità di appartenenza di persone con gravi disagi psichici. Funziona principalmente tramite fattori aspecifici: un particolare clima emotivo, una particolare qualità dell’accoglienza e modalità di soluzione dei conflitti. Ma il bisogno
di appartenenza e di comunità è un’esigenza specifica dei pazienti psichiatrici o è un’esigenza più generale dell’intero corpo sociale? Si rimane infatti colpiti dall’emergere e dal proliferare di comunità: la comunità del quartiere, dei familiari, dei filippini, dei bocciofili, l’insieme di condomini, la comunità di facebook, la comunità degli studenti, la comunità dei motociclisti…
Ma è sempre vero che una Comunità, per il semplice motivo di essere tale, genera plusvalenze di benessere e salute distribuendo ai suoi componenti i suoi dividendi? Cosa chiede in cambio? Quali responsabilità? Quali sono invece gli effetti collaterali della vita comunitaria? Quali eventualmente quelli evitabili? Che rapporto c'è tra i cambiamenti culturali di una società e l'ingresso di nuove forme e manifestazioni di malessere psichico?
Ma cosa deve accadere perché un insieme diventi Comunità? Esiste un quid che fa di un insieme una Comunità? Quando questo quid diventa un’opportunità e quando un sintomo?
Sembra quindi che quanto più una società diventa una società globalizzata tanto più tende a manifestarsi, per contrapposizione, l’esigenza di ricostituire o reinventarsi delle“situazioni” che - di qualunque tipo esse siano e a prescindere che si pongano obiettivi terapeutici o meno - paiono voler riprodurre proprio quegli elementi di maggiore coesione e intimità sociale. La possibilità è che ,all’inter¬no di un sistema sociale che sembra favorire la dispersione dei legami - con una spinta delle relazioni verso direzioni individualistiche -possano nascere delle strutture collettive fondate su principi ordinatori diversi, che controbilancino quelle spinte, e forniscano modelli alternativi improntati su ideali di solidarietà e partecipa¬zione. La giornata di studio vuole esplorare e mettere a confronto esperienze differenti approfondendo l’interfaccia tra i vari saperi verso una forma di dialogo aperto e dialettico. Vuole divenire un luogo dove questi saperi provano a conoscersi, a migliorarsi specchiandosi gli uni negli altri ...

PROGRAMMA
Ore 8.50 Presentazione della giornata: Marino de Crescente

Ore 9.00 Alessandra Cipolloni presenta: Marta Vigorelli, Psicoterapeuta,
Associazione mito e Realtà: " La comunità` terapeutica: una realtà` in
controtendenza"

Ore 9.45 Antonio Maone presenta: Aldo Bonomi, Sociologo : " la comunità di
cura fra rancore e operosità`"

Ore 10.30 Antonello Angelini presenta Corrado Pontalti, Psichiatra e
Gruppoanalista: 'Il mito della famiglia patogena: e` possibile un`alleanza
comunitaria?"

Ore 11.15 Coffe Break

Ore 11.30 , Marino de Crescente presenta: Edoardo Re , Psichiatra : "Dalla
riabilitazione individuale alla riabilitazione di microarea (o di comunità`):
un processo bidirezionale"

Ore 12.15 , Pino Ionta presenta : Franco Arminio, Scrittore, Paesologo: "
Vivere al tempo dell'autismo corale"

Ore 13, Pausa Pranzo

Pomeriggio

Ore 14,30 Josè Mannu presenta : Antonietta Censi Sociologa, Psicoanalista "
Fiducia rischio e comunità`':

Ore 15.15 Mauro Carta presenta Mario di Fiorino , Psichiatra Sociale : Le
aspettative nei confronti delle comunità` terapeutiche. Corsi e ricorsi"

Ore 16 Walter Procaccio presenta: Fabrizio Sabelli, Antropologo; " Legami
comunitari e malessere psichico: le rivolte silenziose nella società`
digitalizzata"

Ore 16.45 Claudio Bencivenga presenta: Arturo Casoni, Neuropsichiatra IPRS,
ISAP: " Spazio condiviso e psicopatologie contemporanee"

Ore 17.30 discussione con il pubblico.

Ore 18.30 Fine lavori

Comitato scientifico

Antonello Angelini,Comunità Passaggi
Claudio Bencivenga , comunità per adolescenti ` Eimi`
Mauro Carta, Comunità, Casa Godio
Alessandra Cipolloni , Comunità Casetta Rossa
Marino de Crescente, Comunità Passaggi
Giuseppe Ionta, Comunità Maricae
Antonio Maone,comunità Sabrata
Josè Mannu, Comunità Urbania
Walter Procaccio, Comunità L'Airone


Sede del convegno: Via Salaria 113 Roma

Per maggiori informazioni: http://www.psicologi-psicoterapeuti.it/eventi/?p=287

Sarà possibile partecipare al congresso anche in streaming (video-conferenza)
attraverso il portale. La partecipazione in streaming sarà
particolarmente coinvolgente grazie ad un sistema di telecamere che offrirà
primi piani sugli speakers e panoramiche sulla sala. Sarà possibile inoltre
partecipare alle sessioni di domande e risposte. Grazie alla tecnologia del
portale yucan, sarà resa disponibile agli iscritti la registrazione dell'intero
congresso. Sarà possibile iscriversi allo streaming del congresso direttamente
sul portale pagando la quota di 30euro via carta di credito o
bonifico bancario.
Dr. Adriano Legacci
Direttore Pagine Blu degli Psicoterapeuti

Forum Admin

Rispondi

Torna a “Forum per psicologi e psicoterapeuti”