Non so cosa fare e sto male

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
gio1979
Messaggi: 2
Iscritto il: 13 agosto 2010, 21:01

Non so cosa fare e sto male

Messaggio da gio1979 » 13 agosto 2010, 21:18

Salve a tutti,
sono un ragazzo di 30 anni in preda ad una forte crisi a causa del lavoro. Da quando ho iniziato a lavorare, 6 anni fa, non mi è mai piaciuto il mio lavoro, quello per il quale ho studiato. Forse ho semplicemente scelto le specializzazioni e i posti di lavoro sbagliati, non lo so, oppure forse ho sbagliato completamente a scegliere come indirizzo di studi l'informatica. Una volta, quando ero ragazzino, mi appassionava, così come mi appassionava la tecnologia in generale. Oggi non vedo più nulla in quel settore che possa accendere in me un barlume di interesse. Pazienza, tanti lavorano in un campo senza esserne appassionati, ed è quello che ho fatto tenendo duro in tutti questi anni. Ma ormai sono arrivato ad un punto che non ce la faccio più ad andare avanti. Passare tutti i giorni riunchiuso in un ufficio davanti ad un pc a cercarmi di concentrare su qualcosa che non mi interessa è ormai una tortura incredibile, e inoltre mi sembra di sprecare la mia vita.
Perchè non cambio? non per paura del cambiamento, ma perchè non riesco a trovare un'alternativa, a formulare un progetto per un'attività diversa che possa piacermi almeno un po'. Non so perchè non sia capace in questo.
Sto malissimo, vivo con l'ansia perenne, passo tutti i giorni a chiedermi quale possa essere una via d'uscita, è ormai un chiodo fisso, ma non riesco a venire a capo con un'idea.
Cosa deve fare uno nella mia situazione? Chi mi può aiutare?
Sto addirittura pensando di licenziarmi e farmi un lungo viaggio-vacanza per il mondo giusto per andarmene da lì, ma non risolverei il problema e oltrettuto mi ritroverei senza lavoro.
Grazie per avermi letto

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Non so cosa fare e sto male

Messaggio da Davide49 » 13 agosto 2010, 21:29

gio1979 ha scritto: Sto addirittura pensando di licenziarmi
secondo me sarebbe l'errore più grande, coi tempi che corrono. anche a me a volte il lavoro pesa, devo fare cose o ci sono aspetti che non mi coinvolgono, ma insomma cerco di rendermeli sopportabili. credo che tanta gente senza lavoro ti invidierebbe comunque per il solo fatto che hai un lavoro e uno stipendio sicuri.

Avatar utente
paolettaswim
Messaggi: 14
Iscritto il: 13 agosto 2010, 21:45

Messaggio da paolettaswim » 13 agosto 2010, 21:54

come ti comprendo...il lavoro e'' stato per me per anni ed anni fonte di stress, angoscia, depressione, tristezza e malumore...ed ho fatto proprio quello che vorresti fare tu, mi sono licenziata da un lavoro fisso e posto sicuro per l''ignoto...piena di mille ansie e paure...ero arrivata ad un punto in cui o mi rovinavo la salute o riprendevo in mano la mia gioia e spensieratezza...e cosi e'' stato...ora faccio un lavoro che mi piace, certo non sono in regola, non ho la sicurezza di uno stipendio fisso e neanche di poterlo fare per sempre, ma sono felice, mi sveglio contenta di affrontare una nuova giornata e la domenica non mi viene piu l''ansia del lunedi...devi pero'' valutare bene la tua situazione e magari farti aiutare da qualcuno a capire se il lavoro e'' proprio la causa del problema o e'' un''insoddisfazione che arriva da un altro campo...in bocca al lupo e se ti posso dire la mia si vive una volta sola non ti rovinare gli anni piu belli...

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 13 agosto 2010, 22:17

mi piace molto la risposta di paoletta

gio1979
Messaggi: 2
Iscritto il: 13 agosto 2010, 21:01

Messaggio da gio1979 » 14 agosto 2010, 10:47

Grazie per le risposte.
Gli anni più belli ormai se ne sono andati e sono stati orribili, ora si tratta di capire se dovrò passare gli anni che mi restano imprigionato in un ufficio o se potrò trovare qualcosa di meglio.
paloetta, come hai fatto a trovare un'alternativa al tuo lavoro? E' ovvio che le professioni ad alta specializzazione, ad esempio il medico, sono da escludere, e professioni quali cameriere, facchino, tassista, imbianchino non mi attirano di certo. Come si fa a trovare un'alternativa che sia allo stesso tempo attraente e fattibile??? E' impossibile!

Lormar
Messaggi: 10
Iscritto il: 12 agosto 2010, 15:49

Messaggio da Lormar » 29 settembre 2010, 22:05

Io ho perso il lavoro..... E sto peggio rispetto ai momenti peggiori in cui non l'avevo.

Ma forse sono io che ho bisogno di qualche sicurezza.

Avatar utente
paolettaswim
Messaggi: 14
Iscritto il: 13 agosto 2010, 21:45

Messaggio da paolettaswim » 18 ottobre 2010, 0:13

non dire cosi gli anni piu belli devono ancora arrivare dai sei giovane con una vita davanti piena di speranze e possibilita...il mondo non é tutto nero ma ci sono milioni di colori basta saperli vedere...
anche io avevo un lavoro d''ufficio ed entrare li al mattino mi metteva un''ansia terribile mi sentivo in una prigione...come se soffrissi di claustrofobia...poi quasi per gioco ho fatto un corso...io sono abbastanza creativa, ho un po'' la vena artistica ed ho sfuttato le mie capacita''...oggi faccio un lavoro che mi soddisfa tantissimo, mi impegno molto e mi sento molto meglio...ho intrapreso da poco un percorso psicologico ed ho un dottore meraviglioso che mi aiuta tanto...i nostri incontri mi sembrano una bella chiaccherata tra amici, lui mi sta aiutando a ritrovare quella fiducia in me stessa che avevo perso ed anche il sorriso...
per questo ti dicevo che con l''aiuto di qualcuno potresti riuscire ad uscire da questa spirale di negativita...dai coraggio

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”