Pagina 1 di 4

Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 10:05
da panorama
Eros/1

Nel topic che ho dedicato all’autorealizzazione ho scritto che la sociologa Catherine Hakim nel suo libro dedicato al “capitale erotico” afferma che questo è una risorsa personale ed è composto da un mix di bellezza, eleganza, doti relazionali, sex appeal e competenze sessuali.

Ma dal punto di vista psicologico che cos’è erotico e cos’ l’erotismo ? Sono due lemmi che ovviamente derivano da Eros.

Nella teoria psicoanalitica l'Eros può essere interpretato in due modi: secondo Freud o secondo Jung.

Sigmund Freud usò il lemma Eros per indicare, a livello inconscio, l’energia psichica innata, biologicamente determinata e collegata al principio del piacere. Secondo questo psicoanalista la libido (parola d'origine latina che significa desiderio) è alla base degli impulsi e dei comportamenti umani; indica l’energia della pulsione sessuale nei suoi aspetti psichici.

Per Carl Gustav Jung, invece, la libido è ’energia psichica, energia vitale presente in tutto ciò che è desiderabile dall’individuo, dunque energia non esclusivamente sessuale.

Qui utilizzo la frase “energia libidica” col significato di istinto sessuale, l’impulso che motiva l’individuo alla ricerca del piacere sessuale con la persona che considera attraente; pulsione di vita sostenuta dal desiderio, che si realizza nel rapporto genitale, considerato un mezzo naturale per provare il piacere, l’orgasmo, o per procreare, se si vuole. Siete d'accordo ?

La parola “erotico” deriva dal greco “erotikòs” e dal latino “eròticus”; evoca il desiderio sessuale, le fantasie erotiche, nel passato considerate “peccaminose”. Nel nostro tempo vengono finalmente accettate per quelle che sono, normali pensieri che aiutano il desiderio sessuale.

La fantasia erotica è una rappresentazione immaginaria conscia od inconscia che genera emozione o eccitazione sessuale. Ogni individuo ha un proprio immaginario erotico, fatto di ricordi, desideri: è uno spazio privato, segreto, che viene nascosto per timore della disapprovazione.

L’erotismo si riferisce agli impulsi, alle manifestazioni emotive e comportamentali collegate al desiderio sessuale, alla seduzione.

Il sociologo Francesco Alberoni nel suo libro titolato: “Erotismo” dice che quello maschile è soprattutto visivo e genitale, mentre quello femminile coinvolge i sensi, è influenzato dalle emozioni e dai sentimenti, dal valore del partner.

L’uomo può desiderare un rapporto sessuale con una donna anche quando non prova per lei alcun interesse sentimentale, la donna invece cerca nell’uomo anche un collegamento psicologico, o perlomeno qualche qualità morale o sociale. Può essere molto attratta da un uomo importante, un campione sportivo, un divo e desiderare di "relazionarsi" con lui, ma solo perché ha un valore. Può anche desiderare un uomo bello se considera importante la bellezza.

In entrambi i sessi l’immaginario è più frequente nella masturbazione.

Durante il rapporto sessuale il 90 per cento degli uomini e l’80 per cento delle donne hanno fantasie erotiche, che calano progressivamente con l’aumento dell’eccitazione, per poi sparire durante l’orgasmo.

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 10:25
da panorama
Eros/2

L’immaginario è lo starter che contribuisce all’attivazione e al mantenimento del desiderio.

Fantasie ed Eros sono utili nella coppia per stimolare il gioco erotico. E’ però importante che le fantasie vengano prima accettate psicologicamente dall'individuo ed in seguito comunicate e condivise con il/la partner.

Dare spazio all’immaginario erotico permette di esplorare le proprie sensazioni, pulsioni e desideri.

L’immaginario ha potere emotivo ed evocativo, può essere assimilato ad un sogno ad occhi aperti, intuizioni ed emozioni che fanno fantasticare scenari, personaggi e situazioni, che per “vivere” nella realtà hanno bisogno di realizzazione.

Uomini e donne hanno fantasie diverse e variano con l’età; al giovane basta pensare per avere l'eccitazione; l’uomo più maturo deve “vedere” e sempre di più, con il passare degli anni, deve toccare ed essere toccato, non basta che la sua donna si spogli perché arrivi l’erezione.

Spesso queste fantasie accompagnano l’attività sessuale e facilitano l’autostimolazione genitale.

Come già scritto, una forte libido non garantisce la competenza sessuale, ma chi possiede questa caratteristica ha maggiori probabilità di acquisire le necessarie esperienze.

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 17:29
da panorama
Si, in tarda età la natura concede all'uomo poche erezioni, anche se ricorre a riti propiziatori con offerte alle divinità.

Non gli permette performance nell’attività sessuale, cede alla copula con malcelata riluttanza e solo per il tempo necessario.

Viagra e Cialis possono illudere i maschi per qualche ora, ma le femmine anziane ? Rassegnate ?

Ovviamente sto scherzando. Ci sono uomini e donne che si dedicano spesso e volentieri all’attività sessuale anche in vecchiaia.E non soffrono di eiaculazione precoce :D :evil:

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 21:00
da francesca
se gli si ammoscia, non è detto che sia per eiaculazione precoce :|

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 21:54
da panorama
Beh, dipende anche dalla partner metterlo a proprio agio, non fargli avere l'ansia da prestazione. Non deve inibirlo.

Immagine

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 21:55
da francesca
ee, quante esigenze :evil: :D

Re: Eros

Inviato: 22 luglio 2012, 22:11
da panorama
Francesca, a proposito d'inibizione..., la libido è dinamica, varia nel tempo e può subire disfunzioni.

I “disturbi nel desiderio sessuale” sono diversi e complessi. I più comuni sono:

eccesso di desiderio sessuale (iperattivo);

diminuzione del desiderio sessuale (ipoattivo);

inibizione del desiderio sessuale;

avversione sessuale.

Il termine desiderio deriva dal latino “desiderium”; indica la volontà di avere una cosa che ci manca. E‘ un impulso che motiva l’individuo ad esaudire il suo bisogno, anche sessuale.

Il desiderio sessuale è una pulsione di origine psico-biologica che stimola e sostiene l’eccitazione, si espande nella sensualità, alle fantasie erotiche, ed induce al coto per raggiungere l’orgasmo.

L’attività sessuale non è limitata alla dimensione genitale ma è coinvolta dalla percezione, dall’attrazione fisica, la sensualità, le emozioni, l’eccitazione, il piacere.

L’uomo e la donna hanno diverse esigenze per farsi coinvolgere dal desiderio sessuale, attivato da stimoli sia interni (immaginario erotico, affettività, ecc.) sia esterni (attrazione fisica o altro). Il desiderio è condizionato da variabili individuali. Perciò i maschietti e le femminucce devono fare attenzione per poter giungere in modo soddisfacente all'orgasmo.

Re: Eros

Inviato: 23 luglio 2012, 6:52
da panorama
amore. ha scritto:Che brutta immagine hai messo sopra, Panorama, quei due sembrano odiarsi.
più che odiarsi a me sembrano delusi dal coito. Lui le ha fatto credere di avere tra le gambe una Ferrari invece lei ha constatato una "500" mal funzionante :D :)

L'attività sessuale non dipende soltanto dall'istinto, dalla libido, coinvolge i sensi, l'affettività, la storia personale, gli aspetti psicologici, lo sviluppo biologico e corporeo.

Il giornalista Massimo Fini ha scritto: “…se potesse l'uomo farebbe volentieri a meno del coito. E' un dovere biologico e sociale, una fatica, uno stress, implica un'erezione problematica, costringe il maschio a mettersi alla prova, a sottoporsi al giudizio della donna per qualcosa che, in definitiva, va a vantaggio molto più di lei che di lui. Invece nei preliminari, cioè nel gioco erotico vero e proprio, è lui il padrone della situazione, che maneggia, scompone, sconcia a suo piacere l'inquietante giocattolo (ma anche questa è illusione e apparenza: il gioco erotico è necessario all'erezione del maschio, ma in funzione della femmina, la vera protagonista dell'amplesso)."

Re: Eros

Inviato: 23 luglio 2012, 14:06
da francesca
Infatti ho sentito diversi uomini lamentarsi che le donne la concedono troppo facilmente, e che non c'hanno più gusto, cioè che le donne fanno loro un po' ribrezzo, basta uscire la sera, andare in un locale adatto e trovi l'avventura subito.
E la mattina dopo non si ricordano più neanche chi era.

Re: Eros

Inviato: 23 luglio 2012, 16:04
da panorama
Amore e Francesca è forse sbagliato pensare che l'attività sessuale soddisfacente ed il reciproco vero amore tengano lontani la depressione ed il bisogno del psicoterapeuta ? Se è giusto ciò che dico molte persone potrebbero fare a meno dello psicologo.

“Fare l’amore” significa dare e ricevere piacere fisico e psicologico, con il tempo che necessita.

Willy Pasini nel suo libro titolato “I tempi del cuore. Lentezza e fretta nella vita e nell’amore”, dice che il fattore tempo non deve condizionare l’erotismo, né far diventare problematica la sessualità.

Nel rapporto a due i tempi individuali, legati alle abitudini, finiscono per confrontarsi con quelli dell’altra/o per migliorare la sincronizzazione.

Non esiste una “giusta misura”, ci sono coppie che copulano soltanto una volta al mese e sono soddisfatte, altre, “ad alto voltaggio” desiderano rapporti sessuali anche più volte al giorno. Il problema nasce quando i due desideri non s’incontrano, e l’erotismo frenetico di un partner si scontra con il languore dell’altro/a.

La frequenza dei rapporti sessuali è variabile e può generare malintesi nella coppia. Secondo uno dei luoghi comuni il maschio dovrebbe avere desideri per frequenti amplessi e tempi erotici più ravvicinati. Non è così. La cosiddetta liberazione sessuale femminile ha fatto comprendere che la donna fisiologicamente è in grado di far l’amore più frequentemente e più a lungo senza stancarsi. Non è soggetta al “periodo refrattario” maschile, che impone all’uomo una pausa tra un rapporto e l’altro e gli concede in genere un solo orgasmo; le donne, invece, potenzialmente possono avere più di una fase orgasmica nel corso dell’amplesso. Beh, ma queste sono cose che sapete, però potrebbero interessare a qualcuno dei nostri rari lettori. :D

Re: Eros

Inviato: 24 luglio 2012, 14:39
da francesca
No, no , io non le so tutte queste cose, interessante, che l'uomo ha bisogno della pausa ecc.

Comunque non sono d'accordo che il sesso appagante e l'amore vero tengono lontano lo psicologo.

L'esistenza è così complessa...è necessario avere qualche angoscia, qualche obiettivo, qualche preoccupazione, se non ne hai, te la trovi, sennò che motivazioni hai?

Se ogni desiderio è appagato e pienamente soddisfacente, ti suicidi subito :mrgreen:

Re: Eros

Inviato: 24 luglio 2012, 20:47
da panorama
Eros /5

Francesca ha scritto:
è necessario avere qualche angoscia, qualche obiettivo, qualche preoccupazione, se non ne hai, te la trovi, sennò che motivazioni hai?
:D Sei simpatica Francesca. Mi hai fatto ridere. Insomma la serenità psicologica fa male. :lol: Vivere senza angosciarsi e senza angosciare gli altri è insopportabile. Occorre per forza crearsi problemi e raccontarli allo psicologo, che va pagato. In passato si ricorreva gratuitamente dal confessore in chiesa, ma ora non va più di moda.

Tornando all’eros, debbo dire che l’immaginario erotico maschile è qualitativamente diverso da quello femminile.

Gli uomini preferiscono fantasie sessuali di tipo oro-genitale. voyeuristiche, poligamiche. Invece le donne hanno l’immaginario sessuale più variegato. Ci sono quelle che preferiscono le fantasie esibizionistiche e pensano di essere guardate e toccate da un uomo molto eccitato; altre rievocano scene di amplessi. Sono numerose quelle che fantasticano di essere desiderate da più uomini oppure avere rapporti sadomasochistici. Il subire "violenza" rientra nell’immaginario femminile non patologico, ma come fugace pensiero, inaccettabile nella realtà.

Diversamente dagli uomini, le fantasie erotiche femminili sono spesso legate all’affettività, ai cinque sensi.

L’immaginario a sfondo sessuale agisce da supporto al comportamento razionale. Rende desiderabile e soddisfacente il coito. Ma nella coppia le rispettive fantasie erotiche devono sintonizzarsi ed integrarsi…

L’attività sessuale in alcuni casi si basa su proiezioni, intense suggestioni immaginative, come il sesso virtuale tramite Internet, praticato con la consapevolezza che l’incontro fisico potrebbe rompere l’incantesimo.

Molte persone fantasticano poco e convivere con loro scolorisce l’esistenza. Altre si interdicono ogni fantasia sessuale ed hanno bisogno di immagini pornografiche per alimentare i loro desideri irrealizzabili.

“Fare sesso” senza fantasia diventa un atto meccanico, distante e distinto dall’erotismo che è psicologico.

La durata di una relazione monogamica dipende anche dalla capacità di rinnovare la realtà con l’aiuto dell’immaginario erotico, influenzato dai ricordi, le fantasie, le esperienze, e si esplica attraverso i preliminari, i giochi erotici, le posizioni corporee.

Re: Eros

Inviato: 25 luglio 2012, 16:21
da francesca
Cioè, lui ragiona in generale, sulla media.
come nelle rubriche dei rotocalchi.
così ti fa vedere quella che dovrebbe essere la condizione normale e, statisticamente, alcune variazioni.

Così come potrei io ragionare sui proverbi, ad esempio

"Il sesso non vuole pensieri", oppure, "Lontano dagli occhi, lontano dal cuore" e così via.

Però è istruttivo leggerle, e in qualcosa possiamo riconoscerci :D

come è vero che l'eccessiva serenità psicologica fa male all'Eros, secondo me, perchè si tramuta in piattezza :mrgreen: uccide la fantasia!

Re: Eros

Inviato: 26 luglio 2012, 22:02
da panorama
Gentile amiche virtuali varie incombenze mi tengono lontano dal computer, ma dalla prossima settimana sarò più presente.

Amore, credimi, non sono un narcisista, non ho avuto tutto dalla vita.

Concordo con te che “Una considerevole parte della nostra vita è nelle mani del caso, del destino, di un insieme di eventi determinanti….”

Lo so, “non siamo tutti uguali e non abbiamo tutti le stesse possibilità.”

Amore:”Devi avere un buon carattere Panorama, sarai certamente una persona ottimista e simpatica.” So ridere di me, ho il pregio dell’autoironia. Ma di sbagli ne ho commessi e ne commetto ancora. Ormai vivo giorno per giorno senza angosciarmi. Non ne vale la pena.

Amore:”…apriamo topic solamente per disquisire su determinati argomenti di interesse generale, come fosse una rivista on line. Siamo unici !!! Gli amministatori del sito dovrebbero essere grati spero.” E’ vero Amore, offriamo gratuitamente una rivista on line. Ma ci leggeranno ? Dove sono i lettori ?

Scrivere un post è come scrivere un breve articolo sui giornali, piacevole passatempo cui mi sono dedicato per tanti anni.

Amore: “Abbiamo sicuramente bisogno di cambiamenti nel corso della nostra vita, di cambiare la realtà, a volte deludente, in nostro favore perché il nostro vivere è un continuo divenire.”Si, è vero. Ma spesso cambiare la nostra realtà quotidiana significa frangere la quotidianità di chi ci sta vicino e ciò può provocare lacrime, dolori affettivi.

Hai ragione Francesca, nei miei post tematici mi riferisco in generale, su come dovrebbero essere le cose. Leggo libri, rifletto, e scrivo i post.
Ti sono grato per avermi involontariamente suggerito l’adeguato titolo da dare ai miei appunti in “Caro diario”.Infatti in quel topic dopo i primi post dedicati ai ricordi personali ho virato verso altri argomenti, meritevoli di un topic per ogni tema, oppure un unico topic titolato “Bloc-notes”. Ora non posso più cambiare e spostare nulla, perché impossibile in questo forum. Lo farò in un altro sito se ne avrò la possibilità.

A presto. Vi attendono altri miei post sull’erotismo e sull’autorealizzazione. Due argomenti che meritano le vostre opinioni.

Re: Eros

Inviato: 27 luglio 2012, 14:56
da francesca
Bene!

:o
Una curiosità, ma da dove li prendi, scrivi di tuo o sono prese dai libri?

Perchè fa più piacere se colloqui con l'autore e lui ti dice quello che c'è dietro allo scritto, come hai fatto ora.
il divertente nei forum non è parlare con gli scritti, ma con le persone, la differenza col leggere una rivista è questa.

Incontro con gli autori: Panorama e Amore, cari due lettori due, fategli delle domande :P