Sensibilità ecologica e scelta etica

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Avatar utente
francesca
Messaggi: 1132
Iscritto il: 24 aprile 2006, 15:45

Re: Sensibilità ecologica e scelta etica

Messaggio da francesca » 7 ottobre 2012, 12:43

amore. ha scritto:
francesca ha scritto: Il cane ti dà sempre ragione, infatti, è il tuo compagno ideale! :mrgreen:
Anche questo è un luogo comune: non è vero che il cane ti dà sempre ragione. Ogni cane ha la sua personalità; ci son cose che gli piacciono e cose che non gli piacciono e andrebbero rispettati. Infatti è per la mancanza di rispetto verso di loro che a volte aggrediscono anche i cosiddetti padroni.
Il mio compagno ideale è la persona ragionevole, non irascibile, buona, leale, sincera, e con tanta capacità di amare da non stancarsi mai ! Neanche a letto ! :D
eh te hai visto l'Americaaa..

ho letto solo di una persona così, ma lo faceva per lavoro.

era uno psichiatra che per comunicare al meglio con un suo paziente che si metteva a quattro zampe, si mise a quattro zampe anche lui e comunicavano abbaiando! :mrgreen:

:lol:

Avatar utente
francesca
Messaggi: 1132
Iscritto il: 24 aprile 2006, 15:45

Re: Sensibilità ecologica e scelta etica

Messaggio da francesca » 7 ottobre 2012, 13:11

amore. ha scritto:
fracesca ha scritto: ho letto solo di una persona così, ma lo faceva per lavoro.

era uno psichiatra che per comunicare al meglio con un suo paziente che si metteva a quattro zampe, si mise a quattro zampe anche lui e comunicavano abbaiando! :mrgreen:

:lol:
Già stai brilla Francè? Attenta che alle donne l'alcol fa ancora più male !

in verità qui ho accanto il mio cane che dorme, e se ne frega di me, sta russando, ahah :D

Importante è capire che il cane è un cane, la differenza è che per lui noi siamo cani, mentre noi siamo in grado di distinguere la sua "canità" :mrgreen:

lo psicologo del cane conosce il cane, lo rispetta in quanto conosce il suo linguaggio, studia quello che loro "vedono",così anche per gli esseri umani, tanto più conosci il loro linguaggio e sai metterti sul loro punto di vista, sai guardare con i loro occhi e sai vedere quello che vedono loro, tanto più li rispetti.

Solo Walt Disney ha messo gli occhi umani ai cani, a Lilly, a Pongo, a Napoleone e Lafayette. :D

ed è impensabile immaginare un uomo che non si adira, buono, disponibile, che non si stanca mai, anche che riesce sempre a vedere quello che stai vedendo tu. :)

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Sensibilità ecologica e scelta etica

Messaggio da Davide49 » 7 ottobre 2012, 17:00

amore. ha scritto: Che noi siamo consapevoli di esistere e consapevoli che oltre noi esistono e soffrono e gioiscono altri esseri come noi è una responsabilità molto grande che grava su di noi ed è un motivo in più per rispettare gli animali. Se poi queste creature siano in grado o meno di distinguere la loro essenza, il loro essere diversi da noi, ciò non li rende soggetti meritevoli di maltrattamenti o incuria.
Certo, ed io per prima sono d'acordo che non si debbano "umanizzare" gli animali, e proprio da questo comincia il rispetto di quello che essi sono.

E per questo motivo si dovrebbe abolire lo sfruttamento e l'abuso degli animali nei circhi.

concordo anche qui, come direi quasi tutta questa discussione.
purtroppo sono pessimista (è uno dei miei limiti come cristiano) e credo che il mondo stia andando molto velocemente verso un peggio per l'umanità, e temo che dunque questa sarà totalmente totalmente totalmente totalmente indifferente alla soffrenza animale.
del resto, se dopo 5000 anni di storia ancora si ammazza animali per "sport "e divertirsi... ancora peggio che l'uomo del paleolitico, quelli ammazzavano per non morire di fame

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”