malessere

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
xyz
Messaggi: 1
Iscritto il: 30 agosto 2012, 11:05

malessere

Messaggio da xyz » 30 agosto 2012, 11:06

Ho 21 anni, i miei genitori si sono separati a 11.
Mi hanno sempre amato, ma da allora la mia vita non ha fatto altro che peggiorare.
Adesso vivo con mia madre e mio fratello maggiore, 27 anni, mentre mio padre vive da un'altra parte.
Adesso sono una persona che non sta bene con se stesso e di conseguenza non sta bene con gli altri.
Non sono mai riuscito a perdonarli per quello che è successo, nessuno mi ha mai fornito delle spiegazioni adeguate e sono stato trattato come un moccioso al quale non si dice nulla perchè tanto è piccolo. Da allora ho cominciato a chiudermi in me stesso e con la mia famiglia adesso non ho un bel rapporto. Diciamo che li tratto come conoscenti, con loro non mi confido e non cerco il loro appoggio, anzi cerco di evitarli il più possibile.
Con gli amici e le persone esterne alla mia famiglia sto meglio, ma anche con loro faccio comunque fatica ad esternare i miei sentimenti e non è una bella cosa, anzi.
Credete che l'unica soluzione per uscire da questo tunnel sia il perdono? Io in fondo li odio per quello che è successo e per quello che sono diventato e non voglio spiegargli quello che sento dentro, loro non mi hanno detto niente di quello che andava detto ai tempi, io non gli dirò nulla adesso, non se lo meritano, a costo di farmi del male(non ditemi non farti del male perchè lo so anch'io che mi sto facendo del male ma è questa la faccenda). Le uniche persone a cui potrei confidare il mio stato sono psicologi ed una eventuale fidanzata, forse, anche se non sarebbe facile. Ne ho avuta una per un pò di anni e comunque non sono riuscito a confidarle tutto. Neanche al mio migliore amico ho le forze di raccontare tutto ciò. Mi piacerebbe scappare da tutto e tutti, ma forse questi problemi rimarrebbero dentro di me lo stesso...il punto è che sono sedimentati da troppi anni ed è difficile toglierli.

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: malessere

Messaggio da Haries Cavalier » 30 agosto 2012, 20:25

Ciao xyz,

piacere di poter leggere le tue poche ma essenziali righe su ciò che, senti Dentro .
Mi dispiace, per la situazione in cui ti trovi ed è giusto che ti dica prima di leggere il resto del testo che, non sono nella tua stessa situazione : i miei stanno insieme ma comunque posso dichiararti che, tra coetanei e giovanissimi tanti, mi hanno confidato le loro storie dei loro genitori separati :
La separazione dei propri genitori non è mai una cosa bella e da essa, nel figlio possono germogliare quali situazioni e sentimenti dolorosi ...
Non ti do consigli perchè non sono nessuno per dirti cosa è meglio o, nò ma semplicemente credo che, per quanto sia stato disonesto il fatto che, i tuoi non ti abbiano confessato la motivazione, del loro divorzio ... ecco io credo che non debba esisterci la Vendetta per cui, ora immerso nella Rabbia e nel Dolore,non vuoi provare a GRIDARE ciò che senti Dentro e perchè ...
in fondo; certo anch' io ti dirò che ho provato momenti di rabbia, nei confronti dei miei genitori ed in un periodo anch' io avevo deciso di Mascherarmi e non mostrare le mie emozioni e sentimenti negativi ( tanto che, sono arrivata come persona a scaricare in un altro modo ciò che, portavo Dentro ... ) sono pur sempre i nostri genitori e dopo quel periodo che ho avuto fino a poco tempo fa, sto capendo che,
"loro" sono i nostri genitori: se non ci fidiamo di loro di chi, possimo fidarci ?.
Tendo ancora adesso a tenermi tutto dentro ma grazie anche a un periodo di Guarigione, finito pochi mesi fa ...un po' alla volta cerco di esprimere i Sentimenti, questi maledetti sentimenti ...

Un abraccio forte,

Haries Cavalier
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: malessere

Messaggio da Davide49 » 30 agosto 2012, 20:47

a 11 anni (e anche dopo, sempre) un ragazzo sente il bisogno di una famiglia unita, di un ambiente sereno in cui sentirti accudito, protetto, amato, e attraverso questo crescere più sicuro per affrontare la vita. ma la vita non sempre fa questo regalo a tutti. e ogni famiglia ha i suoi problemi. non mne conosco una che non abbia avuto tensioni, burrasche, conflitti, dolore.
fa male che i genitori si separino, come avrebbe fatto male, (forse ancor di più) vivere in una famiglia dove i genitori si detestano, litigano ogni giorno, non parlano, si disprezzano.
e capisco anche il bisogno di una spiegazione.
ma... tu non sai il perché e forse non sai quanto è costato a loro, magari anche a uno solo di loro due, separarsi. nessuna coppia si divide senza dolore. può anche darsi che separarsi sia stato un atto di coraggio, non lo so, anche per evitare danni maggiori, per proteggere te. non si può sapere.
non sempre si può sapere tutto. ogni persona ha diritto ad uno spazio tutto suo, e così ogni coppia. e vale anche per te in rapporto ai genitori, vale per i genitori in rapporto a te. non tutto si può dire, non tutto va detto. e bisogna accettare lo spazio di "segreto" dell'altro.
credo anche che siamo umani, fragili, che facciamo quello che possiamo.
poni una grossa domanda:
"Credete che l'unica soluzione per uscire da questo tunnel sia il perdono? ".
io credo di sì. che la risposta sia sempre cercare di capire, di amare, di mettersi nei panni dell'altro.
ma senza cadere in sbrigative e frettolose semplificazioni. perdonare è una cosa grossa, ci vuole tempo e maturità, è cosa per chi ha coraggio e forza, non per chi è fiacco. il perdono non è un atto improvviso ma è il risultato di un processo di crescita e diconsapevolezza, e richiede tempo, il tempo che guariosce certe ferite, possono essere necessari anni. ma volerlo è già un passo avanti che aiuta a essere più sereni con se stessi. l'odio logora sempre noi stessi, prima e più che gli altri. io la penso così.
ciao

luigi968
Messaggi: 9
Iscritto il: 24 agosto 2012, 10:06

Re: malessere

Messaggio da luigi968 » 31 agosto 2012, 9:09

Sono fondamentalmente in accordo con Davide, anche se perdonare non è sicuramente molto semplice ma credo che sia necessariamente l'unica strada percorribile affinchè tu possa diventare più sereno!!
Come dice Davide, vivere in casa con i genitori che non si sopportano sarebbe stato molto complicato e credo che ti saresti trovato in una situazione molto più complessa.
Nonostante io abbia 42 anni e a mia volta sono padre, mi sento ancora molto figlio e quando vado a casa dei miei, che stanno oramai insieme da più di 50 anni, mi rendo conto che il loro rapporto è andato avanti per inerzia ed oggi non si sopportano un granchè!!! probabilmente fanno parte di quella generazione per cui era molto difficile separarsi e bisognava semplicemente stare insieme e sopportare; la cosa mi disturba ancora moltissimo e quando si punzecchiano non vedo l'ora di andare via da casa......e questo, ti ripeto, alla veneranda età di 42 anni con tanto di figli a seguito!!
Anche io, come te, non mi sono mai aperto con loro, sono sempre stato molto pudico nei sentimenti e questo ha fatto in modo che io soffra ancora nel vedere certe situazioni, certi atteggiamenti!
Il consiglio che ti posso dare è quello di aprirti con loro, oramai sei grande e puoi permetterti di chiedere loro il motivo della separazione e cercare di capire che non solo sono i tuoi genitori ma anche un uomo ed una donna che ad un certo punto della loro vita hanno preso una grande decisione, probabilmente fra le più difficili della loro vita!
Ciao.

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”