depressione da studio

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
sway296
Messaggi: 1
Iscritto il: 22 ottobre 2012, 11:10

depressione da studio

Messaggio da sway296 » 22 ottobre 2012, 11:14

salve, sono una ragazza che studia medicina e ho appena iniziato il 3 anno. a settembre ho appena dato un esame molto pesante, che mi ha messo fortmenete in crisi, perchè ho studiato per 6 mesi tale esame, l'ho provato una prima volta e nonostante il mio studio sn stata bocciata ingiustamente. la seconda volta l'ho passato e il prof mi ha messo un voto basso nonostante io avessi risposto a tutto, per cause ingiuste. ora, io sono una perfezionista, mi piace dare tanto per ricevere tanto, ho una media molto alta ed ero in regola con gli esami, ora per va d qst inconveninete me ne manca uno che darò a novembre ma per cui io non riesco assolutamente a studiare. è come se ora non mi sentissi più all'altezza, come se non avessi più fiducia in me, perchè nonostante mi sia impegnata tanto ho avuto una doppia delusione, che, per chi punta sempre al massim ocome me, è difficile da sopportare. è come se non risucissi a perdonare a me stessa d non avercela fatta. ed ora mi sento da meno agli altri che, invece ce 'hanno fatta e sono più vanti di me. nella mia vita cono sempre stata una leader, una che sta sempre il prima fila che traina tutti. ora sono arrivata in ultima fila. e nn lo sopporto. non me lo perdono. inoltre tutti si aspettano motlo da me, anche i miei genitori ed o ho paura d deluderli... ma aprire il libro per me ora significa piangere per tutto il giorno. inoltre il fatto di non riuscire a studiare mi manda ancora più giù, perchè prima ero abituata ad avere ritmi di studio pazzeschi, anhe svegliarmi alle 4 e 30 e contonuare a studiare con solo un'ora d pausa a prano fino alle 21.30, 22. ora il non riuscire ad essere più cos concentrata mi abbatte e mi sto affossando sempre di più aspetto una sua risposta.

blackbird
Messaggi: 171
Iscritto il: 16 febbraio 2007, 22:39

Re: depressione da studio

Messaggio da blackbird » 25 ottobre 2012, 1:20

ciao Sway296.
mi dispiace che tu stia vivendo un periodo di sconforto.
Mi ha incuriosito il tuo messaggio perchè, da titolo, attribuisci allo studio uno stato depressivo. Tuttavia la descrizione che hai fatto della tua situazione rivela una situazione di malessere dovuta più che altro ai risultati che non configurano le tue aspettative e quelle dei tuoi genitori.
Mi sembra, leggendo, che questi ultimi abbiano un ruolo molto importante nel giudizio delle tue azioni.
La frustrazione che consegue per non aver "rispettato" l'andamento normale delle tue azioni, mi sembra provenire dal riferimento ad uno standard estremo di "super-donna" a cui tendere. Non mi sembra sia ammesso il fatto che l'errore, la dèfaillance, ecc.. facciano parte della vita. Tuttavia nessuno di noi non può dire di averla mai sperimentata..
Il tuo stato attuale potrebbe dipendere dalla perdita di motivazione per la perdita di autostima.. Ma la motivazione stessa deriva da un bisogno, fondamentale, di essere accettati.. per quello che si è il più delle volte. Combattiva, rampante, leader..ma con possibilità d'errore in quanto essere umana.

eryr
Messaggi: 5
Iscritto il: 15 marzo 2006, 15:15
Località: verona

Re: depressione da studio

Messaggio da eryr » 25 ottobre 2012, 11:50

Ciao Sway,
non sai come ti capisco! io ho iniziato infermieristica, sono andata avanti finchè sono incappata in un esame che proprio non mi piaceva...e l'ho ridato 3 volte...non perchè nelle altre due non fossi preparata, ma perchè mi agitava così tanto il fatto che nel primo tentativo nn fossi riuscita e non avessi per giunta preso il mio classico trenta, che a metà chiedevo scusa, mi alzavo e me ne andavo...per poi chiudermi in bagno in pieno attacco di panico, piangente...
Anch'io sono perfezionista, al liceo sono uscita con cento e menzione d'onore...e non avrei accettato di meno...ma tornando a infermieristica...l'ansia di non riuscire a passare l'esame si è riversata su tutto, finchè sono scappata anche dal tirocinio, in lacrime...sono corsa a casa e mi sono imbottita di medicinali...mi ha bloccato il mio ragazzo, venuto a casa mia allarmato dalla mia confusionaria chiamata in cui gli dicevo che non ce la facevo più...
Dopo quell'episodio mi sono chiusa in casa per un anno...non uscivo più, non ho più aperto un libro, non mi sono nemmeno fatta viva con la mia tutor...sono sparita dal mondo...
I miei non hanno avuto pazienza di vedere se mi risollevavo e mi hanno fatto ritirare dall'università, con mio grande dolore e senso di sconfitta...
Non arrivare a questo, non arrivare a mollare! fatti seguire da uno psicologo che ti aiuti ad accettare che non sei e non sarai mai perfetta ma che in questo sta la tua forza e la tua personalità...lo so, è difficile accettare di aver bisogno di aiuto...ma credimi, ora che mi sono appoggiata alla psicologa (per questo e altri motivi) sto risalendo...se avessi i soldi tornerei persino in università, con uno nuovo spirito...Quindi il mio consiglio è: fatti aiutare! Coraggio...

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”