Perdonare

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
_Angelica
Messaggi: 40
Iscritto il: 17 ottobre 2012, 1:24

Perdonare

Messaggio da _Angelica » 13 novembre 2012, 18:12

Perdonare ... Di solito credo che noi tutti ci mettiamo sempre nei panni di chi deve perdonare e scusare , e spesso ci sembra un'impresa molto grande e non sempre saremmo disposti a perdonare perché ci sentiamo feriti e ci sembra a volte molto difficile se non assurdo poter perdonare offese gravi anche quando vi è la richiesta di perdono; mai o quasi mai però ci mettiamo nei panni di chi cerca il perdono, forse perché il nostro pensiero è focalizzato quasi solo al fatto che chi ha bisogno di essere perdonato sia colpevole di aver causato sofferenze o che non senta un profondo dispiacere o che non meriti il perdono. In realtà anche la situazione di sofferenza di chi chiede di essere perdonato è assai grande. La sofferenza dell'offeso e di chi ha offeso sono della stessa intensità anche se diametralmente opposte. C'è un modo per perdonare e farsi perdonare in maniera da cancellare la sofferenza di entrambi e tornare a sorridersi? Quale dovrebbe essere la predisposizione d'animo da parte di entrambi per realizzarlo? L'orgoglio e l'insicurezza possono essere per entrambi dei grossi ostacoli alla realizzazione del perdono?

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Perdonare

Messaggio da Davide49 » 13 novembre 2012, 21:03

_Angelica ha scritto:Perdonare ... Di solito credo che noi tutti ci mettiamo sempre nei panni di chi deve perdonare e scusare , e spesso ci sembra un'impresa molto grande e non sempre saremmo disposti a perdonare perché ci sentiamo feriti e ci sembra a volte molto difficile se non assurdo poter perdonare offese gravi anche quando vi è la richiesta di perdono; mai o quasi mai però ci mettiamo nei panni di chi cerca il perdono, forse perché il nostro pensiero è focalizzato quasi solo al fatto che chi ha bisogno di essere perdonato sia colpevole di aver causato sofferenze o che non senta un profondo dispiacere o che non meriti il perdono. In realtà anche la situazione di sofferenza di chi chiede di essere perdonato è assai grande. La sofferenza dell'offeso e di chi ha offeso sono della stessa intensità anche se diametralmente opposte. C'è un modo per perdonare e farsi perdonare in maniera da cancellare la sofferenza di entrambi e tornare a sorridersi? Quale dovrebbe essere la predisposizione d'animo da parte di entrambi per realizzarlo? L'orgoglio e l'insicurezza possono essere per entrambi dei grossi ostacoli alla realizzazione del perdono?

credo che il perdono (chiesto, ricevuto, dato) sia una delle più sincere fonti della gioia.

_Angelica
Messaggi: 40
Iscritto il: 17 ottobre 2012, 1:24

Re: Perdonare

Messaggio da _Angelica » 19 novembre 2012, 12:12

Davide49 ha scritto:
_Angelica ha scritto:Perdonare ... Di solito credo che noi tutti ci mettiamo sempre nei panni di chi deve perdonare e scusare , e spesso ci sembra un'impresa molto grande e non sempre saremmo disposti a perdonare perché ci sentiamo feriti e ci sembra a volte molto difficile se non assurdo poter perdonare offese gravi anche quando vi è la richiesta di perdono; mai o quasi mai però ci mettiamo nei panni di chi cerca il perdono, forse perché il nostro pensiero è focalizzato quasi solo al fatto che chi ha bisogno di essere perdonato sia colpevole di aver causato sofferenze o che non senta un profondo dispiacere o che non meriti il perdono. In realtà anche la situazione di sofferenza di chi chiede di essere perdonato è assai grande. La sofferenza dell'offeso e di chi ha offeso sono della stessa intensità anche se diametralmente opposte. C'è un modo per perdonare e farsi perdonare in maniera da cancellare la sofferenza di entrambi e tornare a sorridersi? Quale dovrebbe essere la predisposizione d'animo da parte di entrambi per realizzarlo? L'orgoglio e l'insicurezza possono essere per entrambi dei grossi ostacoli alla realizzazione del perdono?
.
credo che il perdono (chiesto, ricevuto, dato) sia una delle più sincere fonti della gioia.
Ed io credo che tu sia una persona dotata di non comune sensibilità. :)

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”