TRADITA..LUI CREDO SIA BISESSUALE MA DICE DI NO

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
fango
Messaggi: 1
Iscritto il: 5 settembre 2014, 18:30

TRADITA..LUI CREDO SIA BISESSUALE MA DICE DI NO

Messaggio da fango » 5 settembre 2014, 18:50

Salve, ho 33anni questa è la mia storia (cercando di riassumerla senza trascurare importanti sfumature). La relazione con il mio compagno è iniziata 1 anno e mezzo fa, a distanza. Da 3 mesi stop ai pendolarismi, stiamo convivendo e bene. Il punto: mesi fa, prima di questa convivenza, ho scoperto che lui per lunghi mesi mi ha tradita con la donna che c’era “prima di me”, portando avanti la relazione con lei (peraltro donna con un’altra vita, dunque relazione senza prospettive). Son stati giorni, settimane d’inferno nelle quali ho constatato la sua maestria nel raccontarmi bugie per non prendersi le responsabilità del caso. Non mi fidavo più di lui, e spinta da ciò nel cercare altre “prove”.. Maria-hacker-della-CIA- ha trovato ben altro: scopre che da qualche anno il suo ex-santo-principe-azzurro frequentava un sito per incontri tra..uomini! Leggo scambi di mail che fanno tremare la terra sotto i miei piedi, il sangue mi batte in gola e in pochi minuti un anno di storia con lui crolla, frantumato davanti ai mei occhi. Non so come non sono svenuta. Quello è stato il punto di non-ritorno per me, il non-ritorno della mia ingenuità, il non-ritorno del mio credere che le mosche bianche possano esistere davvero. Il non-ritorno di Maria. Quella che era fino a gennaio non esiste più, polvere. Ho commesso l’errore di dirgli tutto, anzichè rivolgermi subito ad un terapeuta. (Ma chi, chi avrebbe resistito e finto nel frattempo?!) Lui ha negato, come forse era facile immaginarsi dato il soggetto. Erano solo parole, era solo un gioco che gli piaceva fare per sentirsi desiderato, per essere in grado di avere tutta l’attenzione su di sè. “Degli uomini, beh??!” “Con loro era più facile riuscirci, le donne poi su quel sito erano tutte a pagamento, finte. Con questi uomini -rigorosamente degli sconosciuti- non ho avuto alcun contatto fisico: mi facevo ammirare mentre loro si masturbavano di fronte a me.E’ iniziato tutto dopo la fine di una storia importante con una, ero depresso, mi sentivo molto solo e mi accorgevo che destavo interesse tanto e molto più facilmente nei ragazzi..” “Ma qui c’è scritto molto di più e di tuo pugno!” “Era tutta finzione, fantasie. Ci si fermava a questo, ho incontrato solo 3 persone in tutto e soprattutto non da quando ti conosco!”. Le sue mail parlavano di 3 rapporti sessuali in questi anni. Ci sono voluti due mesi -d’inferno- per sentirlo ammettere con un fil di voce d’aver avuto UN rapporto sessuale con un uomo, d’esser stato spinto ad averlo e che è stato un trauma, tanto non gli è piaciuto -ruolo passivo, ovvio-. Gli proposi di andare insieme da uno psicologo, così abbiam fatto anche se in fondo ritengo che avrebbe dovuto andare lui da solo e soprattutto che questa proposta sarebbe dovuta partire spontaneamente da lui. Lui avrebbe fatto qualsiasi cosa per non perdermi, io “la donna della sua vita” non credevo più a nulla e non sapevo cosa fare, dove prendere la forza per dar un minimo di credibilità alle sue parole eppure..sentire di volergli un gran bene, di avere un sacco di affinità con lui, la persona che dopo anni di delusioni e solitudine, ritenevo fosse quella giusta da far entrare nella mia vita. Da quella sua ammisssione ho trovato la forza per iniziare a perdonarlo e tornare a dargli un minimo di fiducia. Lui ha fatto e sta facendo il possibile per “recuperare”. Poi la convivenza. Siamo naturalmente ancora in terapia, con un dottore specialista con cui entrambi ci troviamo molto bene. Strano ma vero ancora non affrontiamo per bene il nodo centrale.. Come e cosa credere di un giovane uomo (abile bugiardo)che di quelle 3 esperienze omosessuali ne riconosce solo una? Che non si ritiene affatto bisessuale perchè “Gli uomoni non mi sono mai piaciuti lo sai,lo vedi! Mi fa schifo l’idea del corpo maschile, mentre venero quello femminile!”. Che pensare d’un uomo che ha un odio verso la peluria maschile, e che adora le donne e le invidia per la loro possibilità di sbizzarrirsi nella creatività, ma che putroppo in quelle maledette mail fantasticava di travestirsi da cameriera in perizoma ed essere guardato spolverare a casa di uno..ma al tempo stesso è un feticista delle gambe e del piede femminile perciò adora donne in pantaloncini, minigonne e i collant sulle gambe femminili ma..una volta per gioco infilò una mia autoreggente?!!? La prima volta che lo vidi arrivare pensai “questo è gay”, data la sua delicatezza nei modi, nel camminare. Inoltre ha sempre avuto una spiccata sensibilità per cui infatti ha un lavoro creativo. Rimasi un pò perplessa quando mi disse che da piccolo gli piaceva guardare anche cartoni forse più per bimbe (dei minipony, di Hilary la ginnasta di ritmica..ma sottolineo l’anche: pure il calcio di Holly&Benji!!). Che pensare?! La nostra intesa sessuale è sempre stata hot ed in costante crescita..adoro il suo cunnilingus, e son stata io a proporgli il sesso “contro natura”, offrendogli il mio latob!! Cosa che forse per educazione ricevuta, ha faticato un pò ad accettare..da quel che dice ha sempre vissuto la sua sessualità non appieno, dice che nonostante le numerose esperienze sessuali avute con le ragazze, è con me che si sente libero di esprimersi(feticismo dei piedi) e che apprezza per la prima volta in vita sua tutte le gioie che il sesso può donare. Il sesso orale che gli pratico io “crea dipendenza” dice, mentre prima gli dava quasi fastidio questo gioco. Noi stiamo così bene a letto che..comunque dopo quanto scoperto non mi sono mai veramente allontanata da lui nonostante tutto, viaggiavo su un’altalena di stati d’animo e nei momenti buoni non ho rifiutato di far sesso insieme. Sapendo dei suoi rapporti, ho voluto provare a penetrarlo con sua gran soddisfazione (mi ha detto che a differnza degli uomini che pensano solo al oro piacere, io son stata molto delicata e attenta a lui. E TANA: qui a mio avviso si è contraddetto confermando la versione le sue mail: ha avuto più di un rapporto omosessuale, ma ..ma resta una vittoria di Pirro per me). Oltre che riceverne, dargli piacere è ciò che voglio, mi gratifica assai, per questo il fatto di aver scoperto questi suoi trascorsi mi aveva gettata in profonda crisi: non solo perchè in pratica mi ha tradita anche con gli uomini, ma perchè insomma un tradimento omosessuale come lo recupero?? Avrei anche potuto fare un sesso acrobatico, ma diventare un uomo no questo proprio non mi è possibile..E poi ancora: e se non li avessi scoperti io..per quanto ancora avrebbe continuato su internet, anche solo a giocare virtualmente mettendo/rispondendo ad annunci uomo-cerca-uomo?? E allora che fare?! Beh la nostra intesa continua..lui dice che non prova più alcun interesse verso quei giochi, e specialmente dopo tutto quello che hanno causato non ci pensa neanche più -dice-. Da poco stiamo esplorando addirittura soft ménage à trois.. non chiedetemi perchè ma a lui l’idea che un altro uomo mi possa guardare nuda e desiderare lo eccita moltissimo (in un contesto regolato dalla sua presenza, s’intende perchè la gelosia non gli manca) e a me, anche se non credo che gli avrei mai fatto una tal proposta, non dispiace essere al centro di tante attenzioni(una forma di vendetta, la mia?). In questi giorni sto riflettendo su questo appunto: è possibile che con questi nostri ménages lui esprimerebbe attraverso e con me le sue pulsioni esibizioniste verso gli uomini? Il fatto che io possa accarezzare intimamente un uomo da me eccitato, per lui a sua volta è fonte d’eccitazione perchè così almeno sublima quel che lui “non può” più fare direttamente? Purtroppo non ho amicizie omosessuali, forse avrebbero potuto aiutarmi nel capire la psicologia del mio compagno..o forse non servirebbe a nulla. Ancora mi chiedo: alla luce di tutti questi tasselli del puzzle, seppur pochi ancora, è sbagliata l’idea che mi son fatta di avere accanto un uomo con perlomeno un lato femminile piuttosto sviluppato? E mi ricordo bene quando al mio porgli questa domanda mesi fa, lui reagì non negandomi la cosa, ma invece chiedendomi con fare indagatore “E se così fosse ti dispiacerebbe?”.

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”