Ne faccio una malattia, o la è? Caduta dei capelli

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
Perplesso93
Messaggi: 1
Iscritto il: 24 dicembre 2015, 1:42

Ne faccio una malattia, o la è? Caduta dei capelli

Messaggio da Perplesso93 » 24 dicembre 2015, 1:58

Salve.
sono un giovane ragazzo di 22 anni e da qualche anno ho un problema. Molto precocemente ho cominciato a perdere i capelli.
All'età di 15 anni mi recai da un dermatologo che, per arginare la caduta, mi prescrisse del minoxidil.
Il mio medico curante non ne volle sapere. Mi condannò ad un tragico destino (?).
Da lì ebbe inizio il mio declino. Anno dopo anno sempre meno capelli. Ma non sono stati solo i capelli ad andarsene. Anche la mia popolarità tra il gentil sesso è andata via via calando. Le donne preferiscono chi ha "tutto quel che serve sulla testa".
La mia è una situazione difficile. Ho pur sempre 22 anni ed una vita da vivere davanti a me. Ma, al momento sono parecchio infelice. Nei miei sogni l'immagine che ho di me è ben diversa, passare davanti allo specchio è sempre una doccia gelata. Non è l'immagine che voglio di me, e per questo mi "nego" a foto di gruppo e individuali. La mia immagine mi fa star male. In mezzo alla gente mi sento diverso, chi non mi conosce mi da nel migliore dei casi 30 anni, e le mie coetanee guardano altrove. La mia vita è nettamente cambiata, prima ero un ragazzo dinamico e socievole, adesso sto mal volentieri tra la gente. Avere 22 anni e stare così, non è facile. Indubbiamente c'è chi sta peggio di me. Però non è facile ignorare i propri problemi e non si può prendere come unico rimedio il ritiro a vita privata. Per cercare di migliorare me stesso vado in palestra, ma avere un petto definito non mi aiuta ad eludere la calvizia. Questa parola per me è veramente pesante da scrivere. A casa dipingono me come esagerato, dicono che non sono i capelli a contare, ma quello che si ha dentro, i valori. Peccato che la nostra sia una società prettamente estetica e condannabile, ma questa c'è, ed emarginarsi per non soffrire non mi sembra che stia portando quei gran frutti.

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”