Paura e blocco nelle decisioni relative al lavoro

Un filo diretto con la direzione delle Pagine Blu degli Psicologi e degli Psicoterapeuti

Moderatore: Dr. Adriano Legacci

Rispondi
Lore89
Messaggi: 1
Iscritto il: 23 agosto 2016, 13:15

Paura e blocco nelle decisioni relative al lavoro

Messaggio da Lore89 » 23 agosto 2016, 13:30

Buonasera.

Ho 27 anni e mi sono laureato un anno e mezzo fa.
Sto attraversando un periodo molto difficile perché ho ansia e panico di affrontare il lavoro che dovrei iniziare a breve.
Ho già fatto un'esperienza di stage ed è andata molto bene. Anche questa esperienza come la precedente è all'estero tuttavia ora sono bloccato con dolori al petto, insonnia e mal di testa.
Da tre anni prendo delle gocce di Cipralex (5, a volte 7, a volte 4 a seconda dei periodi). Queste mi hanno molto aiutato in una precedente fase di decisione e smarrimento, sempre dovuta a una rinuncia.
Il fatto è che sono molto timido, mi sottovaluto e tendo a vedere tutto nero. Penso che non mi basteranno i soldi (stage da 750 euro a Bruxelles), penso che sarò solo, che lavorerò 8 ore in un ufficio dove non ci sono vacanze (da contratto) e a tutte altre cose che mi spingono a rifiutare.
Tuttavia, rifiutando rischio di restare sempre "indietro" rispetto ad altri coetanei. Sono una persona in gamba e spesso mi capitano buone posizioni come questa ma la mia paura rischia di bloccarmi e dover ripartire da capo.
Mia mamma ha telefonato alla psichiatra per capire se mi possono essere di aiuto altri farmaci (ansioliti, per il sonno...).
Ad ogni modo la scelta si avvicina sempre di più visto che dovrei iniziare il 15/9 e ho pensato di chiedere di iniziare 15 giorni dopo nella speranza che cambi qualcosa.
Avete dei suggerimenti o consigli?

Dovrei farmi forza (se solo riuscissi) e partire oppure fare un lavoretto (servizio volontario) più umile e con meno responsabilità e lavoro di ufficio?
Grazie mille

Rispondi

Torna a “Un nuovo spazio”