Tra 10 gg

In questa sezione puoi parlare di tutto cio' che desideri, a ruota libera.

Rispondi
Omer
Messaggi: 20
Iscritto il: 29 settembre 2010, 21:59

Tra 10 gg

Messaggio da Omer » 27 gennaio 2016, 13:11

Tra dieci giorni lascio l'Italia definitivamente e torno nel "mio" paese, che ormai non lo è più. Per "definitivamente" intendo disdire la mia residenza in Italia e quando tornerò sarà come un vero e proprio turista. Non voglio tornare in Israele, ma ancor meno voglio rimanere in Italia. I due paesi sono assai simili con l'unica differenza che mentre qui sarò un immigrato di lavoro (mi sono laureato luglio scorso), lì sono un cittadino. Essendo di origine caucasica e con un cognome facilmente pronunciabile in italiano (ma scritto con la "y" anziché la "i"), durante questi dieci anni trascorsi qui, in Italia, sono stato davvero bene. Benissimo.

Non voglio rimanere né voglio tornare, ma mi manca il coraggio di fare la mia prossima mossa, quella giusta per me. Posticipo la questione più in là (tornando a vivere felicemente con i miei) con la inconscia speranza di trovare qualche inghippo che renderà la situazione tollerabile. Sarebbe questa la mossa giusta?

Ricapitolando: la vita è bella e la voglio vivere. Rimanere in Italia significherebbe fare una cosa che non voglio fare mentre tornare nel mio paese essere in un posto dove non voglio essere. So che la speranza di fare un altro trasloco è valida soltanto come speranza. Da vicino tutte le più belle modelle hanno le rughe e la mattina prima di lavarsi i denti anche un alito non particolarmente gradevole. L'internet ci permette di eliminare tutte le rughe e di produrre il profumo perfetto, ma là fuori fa caldo e si suda oppure fa freddo e bisogna pagare per il riscaldamento. Funziona così ovunque?

Qui in biblioteca si sta bene. Il riscaldamento paga il comune (hanno ridotto notevolmente sia la temperatura che le ore di funzionamento del termo) e le ragazze sono belle profumate. Un posto straordinario che non appartiene alla vita reale. Qui ci sono gli studenti e i disoccupati cronici (quelli diversamente abili). Il primo non lo sono più e il secondo non lo voglio diventare. Quello che mi spaventa e di rientrare nel mercato di lavoro di cui non faccio parte da oltre un decennio...

Sperò di non avervi annoiato con questo messaggio e sarò lieto di sapere cosa ne pensate.
Omer

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Tra 10 gg

Messaggio da Haries Cavalier » 30 gennaio 2016, 12:38

Buongiorno Omer,

Scegliere la propria strada non é mai facile, ritornate nel paese natale é sempre un passò emozionante e spaventa. La scelta migliore? Seguire quel che le dice il cuore, ascoltare se stesso mettere a confronto quello che é giusto per lei.Ricordandosi anche quale luogo considera la sua casa,

Un saluto sincero e buon viaggio,

En H. C
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Omer
Messaggi: 20
Iscritto il: 29 settembre 2010, 21:59

Re: Tra 10 gg

Messaggio da Omer » 30 gennaio 2016, 21:53

Buonasera Haries,

Ti ringrazio per il tempo dedicato a leggere e rispondere al mio messaggio.
Vedo il mio rientro in patria come un'occasione da non sprecare, da sfruttare al meglio mediante una meditazione a priori (o forse una riflessione ad alta voce) su quello che verrà. Quando sarò lì dovrò reagire abbastanza in fretta per raggiungere i miei obbiettivi, e sperò che avere delle idee mi faciliti le cose.

Ancora una settimana di piacevolissimo "brain-storming".
Grazie di nuovo
Omer

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Tra 10 gg

Messaggio da Haries Cavalier » 31 gennaio 2016, 11:57

Si figuri,

Allora segui quella strada, quel che vuole. Combatta per ciò che desidera.
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Rispondi

Torna a “Libera/Mente, Inaspettatamente”