DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

In questa sezione puoi aprire un tuo diario per presentarti scrivendo in modo libero quello che ti ha portato qui e, se ti va, cosa fai nella vita, di dove sei, che passioni/hobby hai, cosa ti attira o ti impaurisce dell'introspezione e della psicoterapia..
Sei comunque libero di sbizzarrirti e presentarti come meglio credi.

Moderatore: Elisa Iaffaldano

Rispondi
Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 17 dicembre 2013, 1:46

Mi chiamo Franco, ho quasi 35 anni, da 10 soffro di psicosi maniaco-depressiva, adesso so la causa della mia follia, i miei genitori non mi hanno mai amato, mia madre è una depressiva, me la ricordo sempre arrabbiata, mio padre era un ossessivo, anancastico, anaffettivo, me lo ricordo che mi sfotteva sempre.
Volevano solo 2 figli perchè non avevano soldi, ma siccome gli piaceva scopare mia madre rimase incinta di me, pensarono molto a lungo all'aborto, perchè loro i figli li facevano per moda, magari per il premio di maternità, ma poi diventavano una tassa almeno per 20 anni e loro, due personalità infantili e immature, ma soprattutto anaffettive, non ne volevano sapere di dover mantenere figli.
Siamo cresciuti tutti con una personalità ansiosa, mia sorella, la maggiore, tentò la prima volta il suicidio a 21 anni, mio fratello, il secondo, è un pervertito sessuale ed è diventato un ossessivo-compulsivo come mio padre, mio fratello minore, anche lui ansioso, è stato in psicoterapia per anni.
Tornando a me, lo sentivo prima di nascere che non ero voluto e non sono mai stato accettato, non hanno abortito per vergogna, il fatto di non ricevere affetto dai miei, mai un complimento, mai una carezza, solo rabbia e sfottò, mi ha portato a sentirmi sempre sbagliato e in colpa, allora ce la mettevo tutta per ricevere affetto, alle elementari ero già un piccolo genio, alle medie la mia ansia era talmente forte che non riuscivo più a studiare, cominciai a dedicarmi alle cose astratte, tipo la politica, mentre i miei amici giocavano alla play station, io leggevo Marx e Hitler, a 20 anni ero ormai un vecchio saggio che sapeva troppe cose brutte sul mondo.
A 23 anni mio padre morì, un mese dopo la mia ex mi tradì, un anno dopo cambiai città e lavoro e la mia ex mi abbandonò,
cominciarono le diagnosi: depressione maggiore, psicosi NAS, disturbo borderline di personalità, depressione ricorrente e chi più ne ha più ne metta,
solo quest'anno ho ricevuto la giusta diagnosi: disturbo bipolare con manifestazioni psicotiche incongrue con l'umore,
da 8 mesi prendo 10 compresse al giorno di psicofarmaci e faccio psicoanalisi
ma l'unica verità è che non ho mai ricevuto un briciolo d'affetto, mai un complimento, mai un rinforzo positivo, solo rinforzi negativi, rabbia e derisioni, mi sono autoconvinto di non valere niente, sono arrivato alla paralisi catatonica, ho vissuto 10 anni, giorno e notte nel panico più assoluto
adesso sento solo un atroce dolore somatizzato, è tutta l'immensa ansia che i miei mi hanno messo addosso.
Amati! è alla base di tutto.

MaryNeedsHelp
Messaggi: 85
Iscritto il: 13 ottobre 2012, 20:50

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da MaryNeedsHelp » 17 dicembre 2013, 11:10

Rendi ogni volta più difficile rispondere...o forse perché non vuoi una risposta ma semplicemente far sapere a qualcuno, chiunque sia, quanto e perché tu stia male. Mi sbaglio? Purtroppo non si può scegliere in quale famiglia crescere, non hai potuto scegliere i tuoi genitori, ma puoi scegliere la vita da condurre ora, puoi scegliere le persone con cui vivere.

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 17 dicembre 2013, 15:44

MaryNeedsHelp ha scritto:Rendi ogni volta più difficile rispondere...o forse perché non vuoi una risposta ma semplicemente far sapere a qualcuno, chiunque sia, quanto e perché tu stia male. Mi sbaglio? Purtroppo non si può scegliere in quale famiglia crescere, non hai potuto scegliere i tuoi genitori, ma puoi scegliere la vita da condurre ora, puoi scegliere le persone con cui vivere.
Scrivo di me, perchè scrivere è terapeutico
hai ragione, non ho scelto io questa famiglia e non ho scelto io che mi facessero diventare bipolare, ma scelgo io con chi vivere adesso e chi voglio essere, per questo prendo i farmaci e mi sbatto in analisi.
Amati! è alla base di tutto.

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 18 dicembre 2013, 5:05

ho fatto uno dei miei soliti incubi ansiosi e non riesco più a dormire.
Nutro ancora attrazione fisica verso la mia psicoanalista, il che mi fa pensare che non sono ancora uscito dal complesso edipico, mi mancano almeno altre 3 tappe per raggiungere la maturità, mi sa che ci vorrà un altro annetto... che tristezza, sono depresso.
Amati! è alla base di tutto.

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 19 dicembre 2013, 3:07

Sono depresso, faccio incubi ansiosi, le rare volte che esco di casa provo un ansia e uno stress incredibili e quando torno sono arrabbiato con mia madre, ancora non ho capito perchè, forse perchè do a lei la colpa della mia bassa autostima, darò un ultimatum allo psichiatra, dopo di che mi rassegnerò a vivere da pazzo a vita, sono stanco di lottare e sono stanco di sentirmi dire cazzate, non si guarisce dalla follia!
Amati! è alla base di tutto.

MaryNeedsHelp
Messaggi: 85
Iscritto il: 13 ottobre 2012, 20:50

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da MaryNeedsHelp » 19 dicembre 2013, 9:39

Scrivi della tua vita come fosse solo questo, farmaci e terapia. Forse perché è così, nel tempo sei rimasto solo con il tuo dolore, ma l'hai detto anche tu...puoi scegliere! Non so perché tu stia con tua madre, ma magari un primo passo verso la riconquista di te stesso e di una nuova vita può essere andare a vivere da solo, per poter essere più libero, alleviare l'ansia che ti comporta vivere con lei. Se non c'è un particolare motivo che ti costringe a stare ancora lì, cambia casa, cambia aria...con questo non voglio dire di abbandonarla, semplicemente prendere una casa tutta tua perché da quanto posso capire, vivi praticamente ancora in quella famiglia, nel passato!!! Che ti ha portato tanto dolore e continua a farti soffrire, anche solo il suo ricordo. Devi cercare di convincerti che solo cambiando puoi cambiare anche tu, attraverso scelte diverse. Se ciò che fai ora ti mantiene in questo stato, è inutile continuare a mettere in atto sempre gli stessi comportamenti, il mondo non cambierà da solo. Pretendi la libertà e la felicità da te stesso.

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 19 dicembre 2013, 13:52

è un circolo vizioso, vivo in questa casa perchè sono troppo depresso e ansioso per lavorare, ho bisogno che i farmacvi mi aiutino per potermene andare
Amati! è alla base di tutto.

MaryNeedsHelp
Messaggi: 85
Iscritto il: 13 ottobre 2012, 20:50

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da MaryNeedsHelp » 19 dicembre 2013, 19:20

Conosco fin troppo bene i circoli viziosi. Sapere bene come funziona il proprio può essere utile, anzi indispensabile, per trovare il modo di romperlo e uscire dagli schemi. Non saranno i farmaci ad aiutarti :( non puoi contare su di questi. Possono aiutarti ma non solo la soluzione e lo sai perfettamente, sperare che siano questi a tirarti fuori ti fa solo rimanere fermo e in attesa. Hai bisogno piuttosto di uno stimolo!!! E lo stimolo può essere il desiderio di andartene.

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 19 dicembre 2013, 20:47

io non ce l'ho il coraggio di vivere e se uno una cosa non ce l'ha, non ce l'ha e basta.
Amati! è alla base di tutto.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Davide49 » 20 dicembre 2013, 10:51

Frà79 ha scritto:io non ce l'ho il coraggio di vivere e se uno una cosa non ce l'ha, non ce l'ha e basta.
tra "avere il coraggio di vivere" e "uno non ce l'ha e basta", non ci può essere una via di mezzo, il riuscire a costruirsene quanto basta x vivere la nostra piccola grande avventura su questo mondo? l'unica che ci è data da vivere, e il nostro diritto a cercare di essere felici, l'unico e irripetibile tempo che abbiamo?

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 20 dicembre 2013, 14:36

io di sopravvivere non mi accontento
Amati! è alla base di tutto.

MaryNeedsHelp
Messaggi: 85
Iscritto il: 13 ottobre 2012, 20:50

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da MaryNeedsHelp » 20 dicembre 2013, 17:35

Di sopravvivere non ti accontenti, e chi si accontenterebbe? Sostieni di non avere il coraggio di vivere, praticamente ti sei condannato...quindi sai che nulla cambierà, che vivrai in questo stato fino alla fine dei tuoi giorni. Non è giusto accettare tutto questo. Il coraggio puoi non averlo, ma puoi anche trovarlo. Affermi con convinzione che non c'è speranza, che non ce la fai, vuoi convincere anche chi ti legge...vuoi sentirtelo dire?? :(

Avatar utente
Frà79
Messaggi: 185
Iscritto il: 8 settembre 2013, 18:46

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Frà79 » 20 dicembre 2013, 17:46

MaryNeedsHelp ha scritto:Di sopravvivere non ti accontenti, e chi si accontenterebbe? Sostieni di non avere il coraggio di vivere, praticamente ti sei condannato...quindi sai che nulla cambierà, che vivrai in questo stato fino alla fine dei tuoi giorni. Non è giusto accettare tutto questo. Il coraggio puoi non averlo, ma puoi anche trovarlo. Affermi con convinzione che non c'è speranza, che non ce la fai, vuoi convincere anche chi ti legge...vuoi sentirtelo dire?? :(
si, ho bisogno di sentirmelo dire, perchè sono stanco di lottare.

Comunque per la precisione, fino all'anno scorso avevo solo una personalità borderline... e già quello era un inferno!
Amati! è alla base di tutto.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Davide49 » 20 dicembre 2013, 18:33

Frà79 ha scritto:io non ce l'ho il coraggio di vivere e se uno una cosa non ce l'ha, non ce l'ha e basta.
sei tu che l'hai detto.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: DIARIO DI UN MANIACO-DEPRESSIVO

Messaggio da Davide49 » 20 dicembre 2013, 18:40

MaryNeedsHelp ha scritto: Di sopravvivere non ti accontenti, e chi si accontenterebbe?
Mary forse tutto sta ad intendersi sulle parole.
ma in fondo non c'è per quasi tutti uno scarto fra la realtà e le aspirazioni? non vale anche per un atleta, uno scienziato, un poeta o artista che, raggiunto un livello, vogliono arrivare ad altro? possiamo chiamare "sopravvivere" questo scarto? e non è in fondo nella natura umana? non è ricerca? e a mio parere anche in questa ricerca vi è lo spazio per la felicità.
ciao

Rispondi

Torna a “Il tuo diario”