cancellato

In questa sezione puoi aprire un tuo diario per presentarti scrivendo in modo libero quello che ti ha portato qui e, se ti va, cosa fai nella vita, di dove sei, che passioni/hobby hai, cosa ti attira o ti impaurisce dell'introspezione e della psicoterapia..
Sei comunque libero di sbizzarrirti e presentarti come meglio credi.

Moderatore: Elisa Iaffaldano

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

cancellato

Messaggio da verità » 1 ottobre 2008, 13:27

cancellato
Ultima modifica di verità il 3 ottobre 2008, 19:02, modificato 1 volta in totale.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

cancellato

Messaggio da verità » 1 ottobre 2008, 16:02

cancellato
Ultima modifica di verità il 3 ottobre 2008, 19:02, modificato 1 volta in totale.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 2 ottobre 2008, 11:42

cancellato
Ultima modifica di verità il 3 ottobre 2008, 19:03, modificato 1 volta in totale.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 2 ottobre 2008, 13:41

cancellato
Ultima modifica di verità il 3 ottobre 2008, 19:03, modificato 1 volta in totale.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 3 ottobre 2008, 0:52

cancellato

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 20 ottobre 2008, 21:14

Forse questa volta ce la faccio: speriamo!
Ringrazio per questo le persone che qui dentro mi hanno ispirato.
Ma mi sta bene che questo diario si intitoli cancellato.
Che cosa ho cancellato?
Ho cancellato l'esordio in questo forum, perchè nella sofferenza non basta sfogarsi contro gli altri, ma cercare delle soluzioni.
Ho cancellato la vanità di certo mio scrivere. Amo la poesia, ma si vede che non è ancora tempo e neppure ne sono all'altezza. E' più urgente il dialogo con me stessa e con gli altri.
E sono ancora tante le cose che devo cancellare e chissà che un po' questo diario non mi possa aiutare.
A proposito di aiuti: nel rispetto delle regole del forum, per me chiunque voglia entrare in questo spazio è moooolto ben accetto.
Io non sono tanto per le delimitazioni. Per me la buona fede consente tutto e se non c'è buona fede c'è perdono, quindi va bene uguale.
Quindi venite pure....
Ah ....non sono neppure una ninfomane: non fraintendete, vi prego!
Sembrerà una specificazione stupida, ma quando una persona cerca amore, ed io lo cerco in tutto, nel tempo, negli oggetti, nelle parole,...oltre che nelle persone, può fare un po' paura. Lo capisco: chi cerca amore sembra sempre voler fagocitare gli altri. Ma per fortuna le mie braccia non possono attraversare l'etere per stringervi o soffocarvi, quindi non abbiate paura di me!
Anch'io cercherò di non avere più paura di me e di non cancellarmi, dopotutto di allenamento in questi ultimi giorni sul forum ne ho fatto.....

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 20 ottobre 2008, 23:04

Le bimbe finalmente dormono e io continuo....
Ho sempre delle difficoltà ad inserirmi nei posti nuovi, forse perchè sono figlia di emigranti (dal sud Italia)....
Però ce l'ho il passaporto per stare qui perchè ho ben due patologie (e forse pure di più!):
Una si chiama Anorgasmia, per l'altra invento io il nome: Sindrome del grande fratello.
Sulla prima c'è poco da dire, è ben conosciuta, caso mai c'è da fare, e vedremo...
La seconda è più interessante. Nel mio caso si tratta di un mix fra una tara legata alla mia infanzia ed un problema attualissimo che riguarda un po' tutti.
Oggi siamo tutti spiabili: intercettazioni telefoniche, intercettazione via internet, memoria di tutti gli strumenti informatici che utilizziamo, micro-microfoni, le telecamere che mettono i vigili ai semafori, il satellite,....
Perchè, però, a me la cosa procura tanta sofferenza?
Perchè io il controllo lo subisco in maniera esagerata da che ero piccola.
Come già accennato, sono nata con un problema di salute da un padre disabile ed una madre molto giovane. Entrambi un po' troppo cristianamente ignoranti (brave persone però!) Non vi dico: tutto vietato!
E che miscuglio in questi divieti: non capivo più se quello che non dovevo fare era impedito dal mio problema alla gamba, che poteva peggiorare (guarire mai!), o dal fatto che non c'erano soldi, o dal fatto che non stava bene.
DIO TI GUARDA!
E che delusione che dopo tanto che ha gurdato non mi ha neppure guarita!
Ma la vita è dura per tutti e alla fine se devo fare un bilancio mi è pure andata bene: sono passabile in tutto. Beh...tutto tranne quella cosa lì...
Solo che finchè Dio (ovvero tutti coloro che controllano a fin di bene ma senza amore) continua a guardare e a giudicare, senza aiutarmi, come faccio a farlo bene: come dico io e con chi voglio io, almeno per una volta nella vita?
Voglio fare sesso come Dio comanda!
Ecco l'ho detto, WOW!
Questa volta la legge del contrappasso ha funzionato: tanto sono stata timida e silente sull'argomento per più di trent'anni, che adesso mi metto a gridarlo ai quattro venti: stupendo!
Mi vergogno, ma sento che comunque è un progresso. Non posso smettere di pensare che chi stimo (+o-) possa leggere e rimanerne deluso, ma posso provare a non farmi più bloccare da questo!

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 21 ottobre 2008, 1:07

Forse dovresti leggerti il Diario di Davide49...
ti scrivo ad esempio solo gli ultimi post, da cui tutti potremmo imparare..


Quante paure e inquietudini stanno alla base di scelte sbagliate.
Ma tante scelte sbagliate non fanno ancora una vita irrimediabilmente sbagliata. C'è sempre più in là lo spazio del nuovo, dell'amare che dà un senso, del ricominciare, e della verità che rende liberi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Davide49



Registrato: 31/05/06 14:42
Messaggi: 1387


MessaggioInviato: Ven Ott 17, 2008 1:45 pm Oggetto: Rispondi citando
Conoscere se stessi non credo sia facile.
Arrivare ad esserlo veramente, forse è ancora più difficile.
Ma mi convinco sempre di più che non c'è gioia fuori di questa vocazione a essere se stessi fino in fondo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Davide49



Registrato: 31/05/06 14:42
Messaggi: 1387


Nuovo messaggioInviato: Lun Ott 20, 2008 8:59 pm Oggetto: Rispondi citando
il criterio è sempre lo stesso: la gioia.
Il criterio della gioia.
Scegliere ciò che mi dà la gioia più vera, più sincera, più piena, più profonda.
Se quello che scelgo mi dà gioia, vuol dire che quella è la mia strada.
Top
Profilo Invia messaggio privato



PS. Scusa davide ma hai scritto delle cose bellissime e le ho prese in prestito!!

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 21 ottobre 2008, 6:52

Ciao Doom.....

...si è vero: grazie Davide!


P.S.:Però anche noi, nel nostro piccolo, siamo brave!:lol:

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 21 ottobre 2008, 9:33

Bene: ho lasciato le bimbe a scuola con la loro brioche appena sfornata per merenda.
Adesso sono libera e posso scrivere un po'.
A dir la verità sono libera perchè la mia depressione pre e post-matrimonio mi ha reso sempre più debole sul lavoro e così sono arrivata ad un mini part-time.
Si dice che non tutti i mali vengano per nuocere e potrebbe essere vero, perchè vivo nelle condizioni di potermi finalmente fermare a riflettere e ritrovare me stessa.
Caspita l'alienazione è bruttissima. Comincia con piccole cose e poi ne fa succedere di sempre più brutte. Io probabilmente ne soffrivo già prima di sposarmi ma dopo: mamma mia....
Ho cominciato, da piccola, in maniera che a tutti sembrava innocua, anzi un pregio: quando stavo male e le cose non andavano come volevo io, cominciavo a inventarmi delle storie nella mia testa (belle, romantiche, avventurose) così il mio corpo, ben distratto, si comportava bene anche quando c'erano le punture o semplicemente il dentista.
Ho fatto così anche per il mio matrimonio: qualche sera prima mia zia (povera!) tentava di farmi dire se c'era qualcosa che non andava, ma io ero distratta e così sorridevo tanto per l'album delle foto...
Però dopo era sempre più difficile distrarsi: il viaggio di nozze è stato così triste e poi a casa..Il mattino quando mi svegliavo non riuscivo a farlo bene, c'erano tutte delle fasi strane in cui ero un po' sveglia e un po' no e delle cose brutte che sognavo, sembravano allucinazioni per quanto vere e vicine.
Per fortuna sono arrivate le bambine.
Gli occhi di mia figlia (la prima), visibili anche di notte al buio, hanno agganciato per la prima volta nella mia vita i miei in un vero sguardo d'amore. Non sto esagerando: per me è stato un miracolo. Forse fino ad allora, un po' per i miei problemi, un po' per la timidezza e freddezza di chi mi circondava, non ero mai riuscita a guardare davvero una persona negli occhi. Provate anche voi: è bellissimo!
Eppure qualche piccola difficoltà ancora me la trascinavo: ero dolcissima e coccolosa con la mia principessa, il mio primo vero gioco libero, però la pediatra mi diceva che dovevo strappazzarla un po' questa bambina...
Io non capivo cosa intendesse perchè solo con più esperienza, e purtroppo sì, più con la seconda, ho imparato a lasciarmi andare davvero....
La seconda non mi limitavo a coccolarla: me la mangiavo! Quando ho visto quanto cresceva bene così, all'inizio anche un po' meglio della prima, ho cominciato a capire. Ho capito cosa era mancato alla mia vita.
Le prove difficili (lutti, malattie, povertà,......) è vero ci segnano, anzi sono quelle che cominciano a farci vacillare, ma il colpo di grazia te lo può dare solo la mancanzad'amore.
Sicuramente i miei mi volevano bene ma non riuscivano (poverini) a dimostrarmelo: non baciavano, non accarezzavano, pochissimi e impacciatissimi abbracci e neppure molto riuscivano a fare con le parole. Anzi, mio padre con le parole riusciva a distruggerti. Lui mi diceva che certe brutte cose di me me le doveva dire lui, così poi io ero più preparata alla vita e non ci rimanevo male con gli altri.
Per essere un uomo intelligente, e lo è, sta teoria dove cavolo l'ha tirata fuori?
Ti ammazzo io così sei già morta prima che ti trovino gli altri.
E infatti gli altri (soprattutto gli esseri umani dell'altro sesso che tanto mi piacevano) mi hanno trovato morta!

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Messaggio da Aikiko » 21 ottobre 2008, 21:37

verità ha scritto:E che delusione che dopo tanto che ha gurdato non mi ha neppure guarita!
Ciao Verità, ti confesso che non mi stavi troppo simpatica. L'impressione avuta dai tuoi primi messaggi mi dava l'idea di qualcuno troppo teatrale. Ti immaginavo un tipo un po' viziato e snob.
Un pessimo transfert insomma :wink:
Per questo leggevo i tuoi ultimi messaggi in modo un po' distratto.
Poi mi è capitata sott'occhio questa frase e mi sono rotolata per terra dalle risate. Ho pensato che da una persona che scrive una frase così ironica in un contesto così drammatico, c'era qualcosa da imparare. Allora mi sono messa a leggere con più attenzione e attraverso i post di questo diario ho scoperto che in realtà mi stavo sbagliando di grosso (gli inganni della rete ahimé). Ho trovato una persona vera, intelligente e sensibile che ha avuto le sue brave sofferenze e che, a differenza di me, è riuscita a costruirci qualcosa sopra.
Perdona il pregiudizio e la lunghezza del messaggio.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 21 ottobre 2008, 22:01

....cara AikiKo non hai sbagliato: si vede che il transfert funziona sempre!
L'antipatia che suscito all'inizio (mi capita spesso) dipende dal "mio" impaccio ad affrontare il principio.
Viziata e snob ora un po' lo sono davvero. Dicono che capiti quando hai avuto un'infanzia difficile e se ti sei comportato bene, troppo bene, da bambino.
E' una sorta di compensazione da cui non riesco a sottrarmi: un ingiusto aspettare il risarcimento. Guardando le mie figlie (stupende) mi dico "non posso pretendere altro" e invece zan! ripenso alla bambina che ero io e la voglio coccolare a tutti i costi.
E voglio anche le coccole degli altri, se poi sono i migliori (snob!) meglio ancora. Solo che per fortuna i canoni che utilizzo per il giudizio non sono quelli classici ed emarginanti di cui si può sospettare. Tutto sommato sono ancora una persona affidabile.
O, almeno, io mi voglio abbastanza bene nonostante questi miei difetti.
E credo che questa cosa, di volersi bene, la debba fare anche tu, se ancora non è così.
Questo, almeno, non è impossibile, caso mai è dagli altri che si fa più fatica ad ottenere qualcosa, come cercavo di spiegare, ma come forse bisogna anche accettare.
Sulla teatralità poi...è una vera coincidenza: giusto oggi pensavo di iscrivermi ad una scuola di teatro per svagarmi un po'.... e per baciare altri senza commettere adulterio. :lol:

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 22 ottobre 2008, 19:59

Vpglio provare a raccontare una cosa che mi è successa circa 8 anni fa!
Lo voglio fare perchè è stata un'esperienza importantissima e significativa (la prima volta che ho cominciato a rientrare in me stessa) e perchè forse qui qualcuno può darne interpretazione.

Avevo già la prima bimba ed un lavoro impegnativo. Forse perchè mi stancavo troppo, forse perchè soffrivo dentro senza voler dare nome alla mia sofferenza, ho contratto una pleuropolmonite.

Ho rifiutato il ricovero e quindi mi hanno dato una forte dose di antibiotico e cortisone insieme. A casa ero a letto con febbre altissima, sveglia con i miei parenti nell'altra stanza.

Ho avuto delle allucinazioni, come credo possa avvenire quando uno si droga, forse...

Erano stupende.

Non ricordo tutto alla perfezione però so che ripetevo, fra me e me per non farmi sentire, diverse canzoni a memoria che non credevo neanche di conoscere e componevo poesie così dal nulla. Però, soprattutto c'erano due presenze: una femminile ed una maschile, che mi spiegavano la vita. Mi portavano di fronte alle sofferenze del mondo e di fronte a queste immagini io dicevo no. Passavamo anche sopra paesaggi naturali bellissimi. Ad un certo punto la presenza maschile mi ha come presa da parte e mi ha spiegato l'amore fra un uomo e una donna.
Purtroppo adesso non ricordo bene, però allora mi ha aperto gli occhi. Mi ha fatto pensare per la prima volta che esiste ed è meraviglioso. E' come se me ne avesse dato prova, perchè mi ha fatto sentire, ma non con la parte superficiale del corpo, non era niente di lontanamente paragonabile ad un rapporto sessuale, era un sentire totale.

Nonostante tutto sono e rimango una gran cinica: sicuramente si è trattato solo di una reazione chimica, però da allora, anche se non l'ho ancora trovato, credo nell'amore fra un uomo e una donna e questo solo crederci già mi aiuta.

Il sesso, non mi stancherò mai di dirlo, deve essere anche una cosa bella, anzi bellissima di per sè, se quello con cui lo fai ti piace! Mi confesso anche fino al ribadire che mi basterebbe anche solo quello, se dovesse capitare. Perchè, dicono tutti, se ne è parlato anche in questo forum, è più facile che solo di quel genere di forte attrazione si tratti e si trovi.
E' probabile, ma non certo.
In quella lontana sera io l'ho sentito l'amore, febbre o no, e da allora sono stata un po' meglio nella mia vita, anche se la ricerca non è mai finita....

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 25 ottobre 2008, 0:21

Stasera non mi basta neanche il forum per riprendermi...
L'alienazione non funziona più.
E le coccole delle mie bambine mi fanno solo sentire più in colpa.
Più in colpa per non essermi svegliata prima, quando non avrei fatto male proprio a nessuno impedendo agli altri di farne a me.
Adesso un po' hanno capito anche i miei genitori, però, in sostanza mi dicono: "Avresti dovuto disobbidire prima, adesso è troppo tardi"
Grazie.
Mio marito fa sempre la parte di quello che non c'entra. Va bene è stato in coma per l'incidente in cui mi sono ancor più fratturata anch'io . Ma prima, quando eravamo fidanzati, perchè mentiva....e dopo, quando si è ripreso, perchè l'ho aiutato anch'io, e lui sa quanto, perchè non capiva tutti i miei messaggi di sofferenza. E durante il matrimonio che bisogno aveva di mentire ancora: lui così buono e caro! Non è che mentiva per fregare me, no? Per tenermi buona nel mio ruolo. Magari lo faceva a livello inconscio. I bravi ragazzi il livello conscio non lo raggiungono mai. E neanche posso dirgli che sbaglia lui, perchè il vero errore è non sapere prendersi ciò che si vuole nella vita, che è una e passa pure male e in fretta.
Comunque adesso stiamo pagando in due, come sempre quando si sbaglia in due.
E mi sa che dopo questa delusione non ci sarà più tanto posto nella mia vita per un due che sia coppia.
A lui invece glielo auguro: bando all'avarizia!
Spero almeno di essere un una migliore. In fondo credo di potercela fare ed è questo ciò che conta.
E.... mi verrebbe da dire una cosa alla Grillo, ma biiip..., non si può.

verità
Messaggi: 322
Iscritto il: 24 settembre 2008, 20:45

Messaggio da verità » 26 ottobre 2008, 23:04

1.L'importante è la salute.
2.Al secondo posto ci sono i soldi.
3.L'amore non esiste.


Eccole qua le tre frasi che più odio al mondo. Eppure tutti le vogliono spacciare per verità.
La salute certo: quante persone muoiono per quello e per quell'altro, quanti genitori piangono per quello e per quell'altro e il dolore fisico poi...come se non lo conoscessi... quello e quell'altro.

Con i soldi ci compri la libertà: senza sei ancora più schiava.

Ma l'amore: perchè nessuno vuol credere all'amore?
E' questo il vero grande tradimento: non credere all'amore.
Io l'ho compiuto: già da ragazzina sapevo che il mio unico vero credo era l'amore, eppure mi sono sposata abiurandolo!
E dopo sempre a pensare di non essere capace, di non essere degna...fino all'autolesionismo.
Ma adesso basta!
Ci sono mogli sposate con i loro mariti, suore sposate con Dio, ma io, d'ora in avanti, mi riterrò sposata solo all'amore. Per tutto il resto sarò zitella. Sì! Zitella!

Rispondi

Torna a “Il tuo diario”