consigli su come iniziare al meglio un percorso terapeutico

La psicoterapia è un’esperienza alla quale si ripensa quasi sempre con sentimenti di gratitudine ma a volte anche con rabbia e con delusione ma pochi sono i dati reali in nostro possesso. Vuoi collaborare aiutandoci a lavorare sempre meglio e a correggere i nostri eventuali errori? Raccontaci la tua esperienza in questo apposito spazio a tua disposizione.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

Rispondi
marlbo173
Messaggi: 6
Iscritto il: 8 gennaio 2010, 0:58

consigli su come iniziare al meglio un percorso terapeutico

Messaggio da marlbo173 » 8 gennaio 2010, 1:29

Sto per iniziare un percorso terapeutico per migliorare il mio modo di comunicare in famiglia e relazionarmi con gli altri e soprattutto controllare la mia ira.
Vorrei dei consigli, ma prima faccio questa premessa:
- ho un lavoro che non mi permette di andare via tutti i minuti ma solo in determinate fasce orarie (faccio il commerciante);
- non mi posso permettere di spendere + di una data cifra al mese

detto questo vorrei sapere:
- quale e' la frequenza consigliata mediamente per un buon percorso (io pensavo in base ai miei impegni 1 volta ogni 15 giorni);

- qual'e' la spesa media a seduta? Un mio conoscente mi diceva che spendeva per una seduta famigliare di 50 minuti 150 euro, e' molto? e' la cifra giusta? sinceramente per le mie possibilita' e molto, soprattutto se devo andarci una volta a settimana, poi non mangio :lol:

- quanto dura un percorso terapeutico mediamente? Ho letto nel forum di gente che e' in terapia da 4 anni e passa e un poco mi sono spaventato.

Scusate se le domande possno sembrare sciocche ma ho bisogno di capire prima di iniziare qualcosa e poi accorgermi di avere buttato dei soldi.

grazie per l'aiuto.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 8 gennaio 2010, 10:51

ciao,

credo che molto dipenda dall'obiettivo della terapia. Ma per quanto riguarda la durata, non credo che la si possa "garantire a priori". Anche la frequenza deve essere stabilita con il terapeuta, valutando certo gli aspetti economici, ma anche l'efficacia della terapia stessa. Una terapia ha tempi e ritmi che non dipendono "da quanto ti costa".

Non so nella tua terapia si tratta di sedute familiari o singole, ma se si trattasse di una seduta singola credo che mediamente si parli di cifre abbastanza inferiori ai 150 Euro. Nello specifico io spendo 60 per sedute di 45 minuti. Comunque il terapeuta non lo scegli perché ti fa lo sconto, ma per quello che riesce a comunicarti...
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

marlbo173
Messaggi: 6
Iscritto il: 8 gennaio 2010, 0:58

Messaggio da marlbo173 » 8 gennaio 2010, 18:22

Sergio67 ha scritto:ciao,

credo che molto dipenda dall'obiettivo della terapia. Ma per quanto riguarda la durata, non credo che la si possa "garantire a priori". Anche la frequenza deve essere stabilita con il terapeuta, valutando certo gli aspetti economici, ma anche l'efficacia della terapia stessa. Una terapia ha tempi e ritmi che non dipendono "da quanto ti costa".

Non so nella tua terapia si tratta di sedute familiari o singole, ma se si trattasse di una seduta singola credo che mediamente si parli di cifre abbastanza inferiori ai 150 Euro. Nello specifico io spendo 60 per sedute di 45 minuti. Comunque il terapeuta non lo scegli perché ti fa lo sconto, ma per quello che riesce a comunicarti...
Ti ringrazio per i preziosi consigli, che terro' in considerazione; ovviamente so' benissimo che il terapista non si sceglie perche' ti fa' lo sconto, ma nel mio caso devo tenere conto anche di questo perche' se le sedute devono essere molto frequenti, poi come pago l'affitto? :lol:
Comunque grazie mille

sbisio
Messaggi: 1
Iscritto il: 14 maggio 2011, 15:57

Messaggio da sbisio » 8 gennaio 2011, 8:56

marlbo173 ha scritto:
Sergio67 ha scritto:ciao,

credo che molto dipenda dall'obiettivo della terapia. Ma per quanto riguarda la durata, non credo che la si possa "garantire a priori". Anche la frequenza deve essere stabilita con il terapeuta, valutando certo gli aspetti economici, ma anche l'efficacia della terapia stessa. Una terapia ha tempi e ritmi che non dipendono "da quanto ti costa".

Non so nella tua terapia si tratta di sedute familiari o singole, ma se si trattasse di una seduta singola credo che mediamente si parli di cifre abbastanza inferiori ai 150 Euro. Nello specifico io spendo 60 per sedute di 45 minuti. Comunque il terapeuta non lo scegli perché ti fa lo sconto, ma per quello che riesce a comunicarti...
Ti ringrazio per i preziosi consigli, che terro' in considerazione; ovviamente so' benissimo che il terapista non si sceglie perche' ti fa' lo sconto, ma nel mio caso devo tenere conto anche di questo perche' se le sedute devono essere molto frequenti, poi come pago l'affitto? :lol:
Comunque grazie mille
Caro marlbo,
credo proprio tu abbia perfettamente ragione, checchè ne dica il caro sergio...
E' ovvio che uno non sceglie il terapeuta per lo sconto, ma è purtroppo vero che uno non può finire in mezzo a una strada con lo sfratto esecutivo per morosità per pagare il terapeuta!!!

Per la cifra non se per la terapia familiare fanno tariffe doppie o triple, per una terapia singola puoi trovare a molto meno di 150 euri.
Per la durata ha ragione Sergio, garanzie non ce ne sono, se ne discute col terapeuta, cercando di trovare un buon compresso tra budjet ed esigenze.
Cmq garanzie non ne hai in nessun modo, in moltissimi casi la psicoterapia non serve a niente altro che a riempire le tasche dello psicoterapeuta e a farti venire un fegato steatosico a te... devi stare attento ad accorgertene abbastanza presto prima di sprecare troppo denaro, troppo tempo e a perdere ogni fiducia nella casta degli psicologi.

Avatar utente
francesca
Messaggi: 1132
Iscritto il: 24 aprile 2006, 15:45

Messaggio da francesca » 8 gennaio 2011, 21:59

Senti un po', ma queste statistiche incoraggianti sono dati scientifici? :D

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 10 gennaio 2011, 16:13

Credo che spesso ciascuno di noi tenda a universalizzare la propria esperienza psicoterapeuta. Ci sono persone che dicono che è stato solo uno spreco e persone che dicono che gli ha cambiato la vita.

Personalmente propendo per una maggioranza delle seconde, ma non ho dati scientifici. In ogni modo credo sia sempre opportuno chiedersi periodicamente lo "stato" della terapia.
Che esistano psicoterapeuti poco professionali è un dato di fatto, ma da questo a dire che la psicoterapia serve solo a ingrossare le tasche dei terapeuti c'è un gran salto.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “La mia psicoterapia … perché è iniziata e come è finita”