..sono depressa?

La psicoterapia è un’esperienza alla quale si ripensa quasi sempre con sentimenti di gratitudine ma a volte anche con rabbia e con delusione ma pochi sono i dati reali in nostro possesso. Vuoi collaborare aiutandoci a lavorare sempre meglio e a correggere i nostri eventuali errori? Raccontaci la tua esperienza in questo apposito spazio a tua disposizione.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

..sono depressa?

Messaggio da valery_j » 17 maggio 2010, 21:48

Ciao a tutti,sono Valeria.E' da un po' di tempo che sono profondamente triste e poco contenta di me e della mia vita.Provavo in tanti modi a sentirmi felice(almeno in parte),ma credo di essere arrivata al mio limite.Il mio lavoro e' precario,la mia vita sentimentale sta andando a rotoli,sono la pecora nera di una famiglia che non mi ha mai accettata per quella che sono,una delle mie migliori amiche mi ha lasciata per andare a vivere una nuova vita ecc..ecc..Credetemi,non so cosa ho fatto di male,ma ora sono veramente al limite..sono sempre triste.Sabato ero a un compleanno di una mia amica e sono scappata via per non mettermi a piangere dinanzi a tutti.Poi non ho la voglia piu' di uscire di casa come prima e sono quasi tutto il giorno a letto e poca vvoglia di mangiare.Cosa mi succede?Ho paura di me stessa.Scusate questo mio sfogo.Ma ho voglia di tornare a essere quella ragazza solare che ero prima.. grazie.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 17 maggio 2010, 23:24

non c'è proprio niente da scusarsi. "fai bene a buttare fuori" la tensione che hai dentro, ma cerca anche di guardare il positivo che di sicuro c'è, e magari ogni tanto anche un'occhiata a chi è messo in condizioni più difficili della tua (e della mia... lo dico anche a me stesso).
ciao

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 10:26

..giusto..la cosa che mi sorprende di me stessa e' questa..cioe'..so che ci sono persone che stanno peggio di me,so che ho delle persone che mi vogliono bene e che posso avere le capacita' di fare qualcosa di buono della mia vita..ma sono ormai mesi che vivo sul mio letto e che con pochissima gioia esco di casa.La mia famiglia mi ha vista sempre come la pecora nera,per un lungo periodo le difficolta' e i loro continui discorsi su come sono mi scivolavano via ma ora a 30 anni e dovendo stare ancora a condividere la casa con persone che ti vogliono bene ma criticando ogni tuo passo..sai..tutto diventa molto difficile..Poi comincio qualcosa di nuovo e non riesco a continuare a portarla avanti.Per nn parlare poi dell'amore..

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 11:05

..sono fidanzata da piu' di 12 anni,anche se ci siamo lasciati piu' volte sia sempre stati insieme.Ci siamo rimessi insieme un paio di settimane fa dopo circa tre mesi di alti e bassi.La mia crisi nasce dal fatto che mia ha sempre detto di amarmi e che vuole un futuro con me,ma sono tanti anni che in realta' poi nn andiamo avanti..Io credo nel suo amore,ma come puo' una persona che ti ama non aiutarti ad andare via da una situazione fagliare difficile?!Abbiamo fatto anche un corso prematrimoniale,mi ha regalato un bellissimo anello e poi nulla..Sono stata anche operata due volte alle ovaie(la prima volta per una cisti endometriosica di 12 cm)e da parte sua nulla..e io mi domando come puo' una persona che ti ama non pensare a te e alle difficolta' che un domani puoi avere nel formare una famiglia..

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 11:39

..ovviamente pure io ho contribuito..non so perche' sono arrivata a tradire..oppure si..con lui per la prima volta non dipendevo da nessuno e nessuno dipendeva da me.Non volendo mi spronava nel migliorarmi!Sapevo che mi voleva,ma io ho provato a essere sua amica..ma con il passare del tempo mi sono unita a lui tanto da diventare sua complice..Ero me stessa e con questo voglio dire che non ero solo una bella persona ma anche una persona cattiva che sbaglia..ma..mi sentivo viva..Poi tutto e' finito ancora prima di cominciare..e lui ora non mi puo' vedere..Insomma un disastro..

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 12:59

Ora con il mio fidanzato vogliamo riprovare ma e' come se si fosse rotto qualcosa che non riesco piu' a riparare.Io so che non riuscirei a vivere una vita dove lui non esiste,ma,mi sembra di vivere una vita a meta' quando lui sta al mio fianco.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Messaggio da Sergio67 » 18 maggio 2010, 13:57

Ciao,

nei tuoi post ci sono moltissimi spunti di riflessione, ma per il momento mi soffermo su "ma sono ormai mesi che vivo sul mio letto e che con pochissima gioia esco di casa". Momenti anche lunghi di tristezza possono succedere a tutti, ma quando la tristezza comincia a dominare la tua vita, è il momento di cambiare rotta.
Posso anche capire che il fatto che ci siano persone "che stanno peggio di te" non significhi molto. Il fatto è che spesso giudichiamo il meglio o il peggio sulla base di fattori "esteriori": il benessere economico, il lavoro, arrivare alla fine del mese... etc. Ma raramente ci soffermiamo a guardare il benessere "interiore". E sinceramente non credo sia possibile definire una graduatoria della sofferenza.
Quando hai la sensazione che la tua vita ti stia scivolando via, che sei in una gabbia da cui non è possibile uscire, è difficile consolarsi con le difficoltà degli altri.
Ritrovare la gioia di vivere può sembrare addirittura un'impresa troppo ardua.
In cuore nostro magari pensiamo che sia necessario fare scelte radicali e non ci sentiamo in grado di farle, e questo non fa che peggiorare le cose, aumentando la sensazione di "impotenza".
Ma non è proprio così.
La strada è forse più lunga di quello che vorremmo, ma più breve di quello che sembra. E' un percorso all'interno di se stessi per comprendere qualcosa che, se rileggi queste righe, forse ti è sfuggito.
Quando hai "la sensazione"... "magari pensiamo"... quella gabbia che ci imprigiona è frutto dei nostri stessi pensieri!
Ma per comprendere questo fatto a un livello profondo, spesso è necessario l'aiuto di persone esperte.
Hai mai pensato di rivolgerti a uno psicoterapeuta?
Non si tratta di "malattia" o di "farsi curare", ma di farsi accompagnare da una "guida" in un percorso che ci porta a distinguere la realtà dalle nostre proiezioni negative.
Un percorso che ci porta anche a capire che ora è il momento. In qualsiasi istante della tua vita, hai sempre la possibilità di scegliere di fare qualcosa di positivo per te stessa. E non importa se perdi un'occasione, ne hai sempre infinite davanti a te.

Un abbraccio
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 17:28

..grazie delle risposte..tutto quello che dite e' giusto..infatti credo sia arrivato il momento di essere aiutata un po'..ma nn so a chi rivolgermi e nn ho molti soldi per affrontare questa situazione.Delle volte quando esco ho solo voglia di ubriacarmi un po'in modo da non pensare a quella che sara' la serata,oppure per essere piu' allegra e quindi di compagnia..delle volte(raramente)mi sono distrutta,altre volte sono riuscita a nn esagerare.Apparentemente sono ancora una persona solare e razionale..ma in realta'non sono del tutto così..Credo che se mi lasciassi andare sarei molto distrutivva per me e per gli altri.

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 17:36

Io so che la mia famiglia mi vuole bene e so che in tante cose ho sbagliato io,ma non riesco piu' a vivere con persone che se leggessero cio'che ho schitto..si arrabbierebbero con me invece di tendermi una mano per aiutarmi.

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 17:54

Delle volte mi domando se so amare e se ho mai amato dando tutta me stessa..Io so di amare il mio ragazzo,ma questo a modo mio..pero' mi sento spenta nei suoi confronti.Voglio solo dare me stessa a lui perche' e' questo quello che vuole e così so di farlo felice.Nn c'e' cosa piu' bella di poter contare su qualcuno..E nn mi fate la domanda..e per te cosa vuoi?!perche' nn saprei rispondervi.Vorrei tante cose che pero'sono contaddittorie tra loro.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 18 maggio 2010, 19:05

valery_j ha scritto: Io so di amare il mio ragazzo,ma questo a modo mio..pero' mi sento spenta nei suoi confronti.
che significa che lo ami a modo tuo?

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 18 maggio 2010, 19:08

valery_j ha scritto: Voglio solo dare me stessa a lui perche' e' questo quello che vuole e così so di farlo felice
???
credo che si debba "voler dare s stessi perché si vuole l'altro/a e si ama, non perché l'altro/a vuole noi.
o no?

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 18 maggio 2010, 19:11

valery_j ha scritto: come puo' una persona che ti ama non aiutarti ad andare via da una situazione famigliare difficile?!
personalmente credo che a 30anni una persona questa forza debba trovarla in primo luogo dentro di sè.

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Messaggio da Davide49 » 18 maggio 2010, 19:13

valery_j ha scritto: sono arrivata a tradire....Poi tutto e' finito ancora prima di cominciare..e lui ora non mi puo' vedere..Insomma un disastro..
scusa, ma se tu ami, come scrivi, il tuo fidanzato, che te ne importa se con quest'altro è finita in un disastro?

valery_j
Messaggi: 9
Iscritto il: 17 maggio 2010, 20:22

Messaggio da valery_j » 18 maggio 2010, 19:43

..credo che un modo di amare sia quello di donare se stessi alla persona che ci ama.Si e' vero la forza devo trovarla in me stessa..ma quando stai per costruire qualcosa come una famiglia con il tuo uomo speri che sia lui vedendoti in difficolta' ad aiutarti..Io sono una persona che non dice mai il TI AMO,ma che quando prova un forte sentimento per qualcuno lo dimostra e poi anche se la storia finisce,non diventica e rimane sempre per chi ha "amato"..Comunque ci tengo molto al suo giudizio perche' rispetto le sue idee,anche se mi ha ferita molto.Io nn volevo legarmi così tanto..ma ora voglio solo allontanarmi da lui..Pero' devo ringraziarlo perche' grazie a lui ho conosciuto una bellissima persona,alla quale ora voglio un mondo di bene,il mio caro amico Dav.

Rispondi

Torna a “La mia psicoterapia … perché è iniziata e come è finita”