7anni per nn risolovere niente.qnt soldi buttati.

La psicoterapia è un’esperienza alla quale si ripensa quasi sempre con sentimenti di gratitudine ma a volte anche con rabbia e con delusione ma pochi sono i dati reali in nostro possesso. Vuoi collaborare aiutandoci a lavorare sempre meglio e a correggere i nostri eventuali errori? Raccontaci la tua esperienza in questo apposito spazio a tua disposizione.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

7anni per nn risolovere niente.qnt soldi buttati.

Messaggio da Bina » 30 agosto 2008, 7:36

Io sono stata in terapia dall'età di 11 anni sino ai 18. Tutto cominciò con un attacco di panico,da lì una serie infinita di paure,tant'è vero che passai tre mesi chiusa in casa,avevo paura anche di andare in cucina.Così i miei mi portarono dallo psicologo.Due volte a settimana,all'ora c'erano le lire,80 mila lire per mezz'ora di parole. Questa situazione è durata 7 anni. ero una bambina e ho interrotto che ero una donna.
Ora ho 23 anni,gli stessi attacchi di panico,le stesse paure.Forse ho imparato a conviverci,a non speventarmi più come quando ero bambina quando mi arrivano,però quando iniziai speravo che a 23 anni sarei stata capace di fare ciò che volevo,di essere sicura di me.Invece ho l'ansia appena mi allontano dai miei ambienti. Tempo e soldi buttati via. Questa è la mia esperienza.
bINA

Francesco71
Messaggi: 39
Iscritto il: 14 luglio 2008, 16:22

Messaggio da Francesco71 » 9 settembre 2008, 15:27

Veramente mi chiedo come sia possibile che alcuni psicologi mandino avanti per anni la terapia senza chiedersi se è questa è davvero utile al paziente, come se il valutare se la terapia dà o meno risultati e, conseguentemente, se ha senso oppure no andare avanti con la stessa, non facesse parte del loro lavoro, quando forse è invece l'aspetto più importante in assoluto, professionalmente parlando.
Anch'io dall'esperienza che ho avuto e di cui ho scritto qualcosa sul forum di consulenza, posso confermare quest'aspetto negativo presente nell'intervento di Bina e di diversi altri.

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Messaggio da Aikiko » 9 settembre 2008, 19:28

Tutte le volte che leggo questi interventi così negativi sulla psicoterapia, mi prende un attacco d'ansia pazzesco.
Io sono in terapia da "soli" 7 mesi e sono piena di speranze. Certo mi chiedo spesso da cosa mi dovrei accorgere che sto migliorando però, ero talmente messa male prima dell'inizio della terapia che già solo avere una speranza di cambiamento è, per me, un bel passo avanti.
A volte, in un delirio di onnipotenza, mi dico che sono stata così intelligente e fortunata da aver scelto l'unica psicoterapeuta al mondo che sa fare il suo mestiere... Spero tanto di non essere smentita dai risultati.
Ma tu, Bina, pensi che il fallimento sia da ascrivere esclusivamente al terapeuta che ti ha avuto in cura o ci sono stati fattori contingenti che hanno vanificato il lavoro che avete fatto insieme?
ciao

Francesco71
Messaggi: 39
Iscritto il: 14 luglio 2008, 16:22

Messaggio da Francesco71 » 10 settembre 2008, 1:31

Aikiko, devi pensare che ciascuna esperienza è a suo modo unica. Anche quella del paziente che incontra la tua terapeuta dopo di te, sarà diversa dalla tua.
Quello che volevo sottolineare è che può succedere che la terapia non vada bene, però ci deve essere a mio avviso una presenza del terapeuta dal punto di vista della valutazione, che, ad esempio, nel mio caso, non c'è stata per niente, proprio per evitare di andare avanti per anni con una terapia infruttuosa o addirittura dannosa. Un saluto

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

Messaggio da Bina » 10 settembre 2008, 7:06

io so solo che l'anno successivo all'interruzione della terapia io ero tutta un'altra persona,non avevo più paure,andai persino in vacanza in grecia DA SOLA,tant'è vero che benedivo ogni giorno il mio psicologo per avermi tirata fuori da quell'inferno.poi però alla prima difficoltà sn crollata e tutto è tornato come prima...quegli attacchi,quelle idee assurde che avevano abbandonato la mia mente sn tutte tornate.Allora mi chiedo a cosa è servito illudermi un anno....se con 7 anni di terapia ,alla prima difficoltà è andato tutto buttato,proprio nn mi è servita a niente
bINA

paciughina
Messaggi: 76
Iscritto il: 9 luglio 2007, 9:03
Località: Bergamo/Milano

Messaggio da paciughina » 14 settembre 2008, 9:00

Bina ha scritto:io so solo che l'anno successivo all'interruzione della terapia io ero tutta un'altra persona,non avevo più paure,andai persino in vacanza in grecia DA SOLA,tant'è vero che benedivo ogni giorno il mio psicologo per avermi tirata fuori da quell'inferno.poi però alla prima difficoltà sn crollata e tutto è tornato come prima...quegli attacchi,quelle idee assurde che avevano abbandonato la mia mente sn tutte tornate.Allora mi chiedo a cosa è servito illudermi un anno....se con 7 anni di terapia ,alla prima difficoltà è andato tutto buttato,proprio nn mi è servita a niente

Bina ciao,
da quest'ulimo racconto vedo che avevi fatto progressi, e ti e' stata d'aiuto la psicoterapia, dici che alla prima difficolta' tutto e' crollato...e ci puo' stare, ed e' li' capire cosa ti ha fatto crollare, durante la terapia dove sei riuscita a star bene, avete sviscerato il problema del perche' venivano attacchi di panico ecc ecc? siete arrivati in fondo alla questione o nocciolo (come vogliamo chiamarlo!!)

Non posso pensare che non si risolva nulla, e se ci sono ricadute, puo' succedere....ma si e' in grado di capire il perche'e aggiustare.
Premesso che gli psicologi, non sono maghi o santi....Loro ci aiutano, il resto lo dobbiamo fare noi :D Quindi coraggio.

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

Messaggio da Bina » 14 settembre 2008, 13:24

la ricaduta l'associo all'inizio dell'università e alle continue pressioni di mia madre ( causa secondo il mio vecchio psicologo delle mie insicurezze) durante gli esami.Io l'esperienza dell'università la sto vivendo in maniera tremenda,ho il terrore che a qualche esame possano bocciarmi perchè poi qui a casa scoppia l'inferno con mia mamma subito pronta a farmi sentire la più fallita e stupida del mondo.ogni volta che si avvicina un esame per me è uno stress assurdo,mi sta sempre dietro persino a controllare quante pagine faccio in un giorno e cose del genere.Io sn sicura che l'ansia mi è tornata per questo perchè prima che cominciassi l'università io ero rinata e come vi ripeto neanche mi ricordavo più come fosse un attacco di panico.Per questo ora sn anche triste perchè mi dispiace troppo.Considerate poi che i miei nn sanno che ora ho di nuovo questi problemi perchè mia madre me ne direbbe di tutti i colori compreso magari il fatto che avrebbe coraggio di dirmi che è una scusa per nn studiare magari. Non so come superare di nuovo quest'ansia
bINA

paciughina
Messaggi: 76
Iscritto il: 9 luglio 2007, 9:03
Località: Bergamo/Milano

Messaggio da paciughina » 15 settembre 2008, 9:57

Bina ha scritto:la ricaduta l'associo all'inizio dell'università e alle continue pressioni di mia madre ( causa secondo il mio vecchio psicologo delle mie insicurezze) durante gli esami.Io l'esperienza dell'università la sto vivendo in maniera tremenda,ho il terrore che a qualche esame possano bocciarmi perchè poi qui a casa scoppia l'inferno con mia mamma subito pronta a farmi sentire la più fallita e stupida del mondo.ogni volta che si avvicina un esame per me è uno stress assurdo,mi sta sempre dietro persino a controllare quante pagine faccio in un giorno e cose del genere.Io sn sicura che l'ansia mi è tornata per questo perchè prima che cominciassi l'università io ero rinata e come vi ripeto neanche mi ricordavo più come fosse un attacco di panico.Per questo ora sn anche triste perchè mi dispiace troppo.Considerate poi che i miei nn sanno che ora ho di nuovo questi problemi perchè mia madre me ne direbbe di tutti i colori compreso magari il fatto che avrebbe coraggio di dirmi che è una scusa per nn studiare magari. Non so come superare di nuovo quest'ansia
Bina cara, ma quanti anni hai?
Mi spiace tantissimo del tuo stato d'animo.
Non dovresti stare cosi', e dovresti tenere caro gli esiti terapici di un tempo, cerca di ricordarteli e rimettili in pratica.

LA mamma.........prendi le distanze e dille di NON stressarti, e se tanto vuole risultati, che faccia Lei l'uiversita'. :D

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

Messaggio da Bina » 15 settembre 2008, 12:30

Ho 23 anni...vorrei tanto rimettere in pratica i risultati di un tempo...ora quando prendo l'album delle foto scattate in grecia mi prende un nodo pazzesco allo stomaco....vedo la mia immagine in quelle foto,l'immagine di una ragazza che era passata per l'inferno ma era riuscita a vincere, a diventare sicura,senza più paure. Il 2004 è stato l'anno più bello della mia vita.Vi assicura che prima ero stata malissimo,avevo passato addirittura 3 mesi della mia vita chiusa in camera perchè anche se andavo in cucina mi prendeva un attacco d'ansia,poi piano piano con lo psicologo ne ero uscita e nel 2004 la scelta di andare in grecia in vacanza,prendere l'aereo,stare lontana da tutti e mettermi alla prova.Risultato vacanza stupenda,ero tornata piena di entusiasmo,sicura di me come nn mai.Ora a distanza di 4 anni sn da punto a capo,ho paura a stare a casa sola,di prendere la macchina e allontanarmi troppo,mi vengono pensieri assurdi in testa.Eppure nessuno se ne accorto,solo il mio fidanzato sa della mia situazione,sn tre anni e mezzo che di nuovo ho l'ansia,gli attacchi di panico.come posso tornare quella che ero diventata dopo tanta fatica?
bINA

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 15 settembre 2008, 15:34

Bina ha scritto:l Io l'esperienza dell'università la sto vivendo in maniera tremenda,ho il terrore che a qualche esame possano bocciarmi perchè poi qui a casa scoppia l'inferno con mia mamma subito pronta a farmi sentire la più fallita e stupida del mondo.ogni volta che si avvicina un esame per me è uno stress assurdo,mi sta sempre dietro persino a controllare quante pagine faccio in un giorno e cose del genere.
mi permetto di intervenire xchè a 22 anni ho passato quello che stai passando tu... nn sono uno psic, ne voglio fare una psicoterapia da 4 soldi su un forum poi...
pero' una cosa mi sento di dirti , a parer mio, la psicoterapia non ha risolto i tuoi problemi ma solo accontatonati per un po'...
la tua famiglia e ,da quel che scrivi tua madre in particolare... è portatrice di ansia, prima prendi le distanze meglio è per te
ma pensa che stai studiando x te e per il tuo futuro e nn per tua madre :)
con affetto tersite

paciughina
Messaggi: 76
Iscritto il: 9 luglio 2007, 9:03
Località: Bergamo/Milano

Messaggio da paciughina » 15 settembre 2008, 18:34

Bina ha scritto:Ho 23 anni...vorrei tanto rimettere in pratica i risultati di un tempo...ora quando prendo l'album delle foto scattate in grecia mi prende un nodo pazzesco allo stomaco....vedo la mia immagine in quelle foto,l'immagine di una ragazza che era passata per l'inferno ma era riuscita a vincere, a diventare sicura,senza più paure. Il 2004 è stato l'anno più bello della mia vita.Vi assicura che prima ero stata malissimo,avevo passato addirittura 3 mesi della mia vita chiusa in camera perchè anche se andavo in cucina mi prendeva un attacco d'ansia,poi piano piano con lo psicologo ne ero uscita e nel 2004 la scelta di andare in grecia in vacanza,prendere l'aereo,stare lontana da tutti e mettermi alla prova.Risultato vacanza stupenda,ero tornata piena di entusiasmo,sicura di me come nn mai.Ora a distanza di 4 anni sn da punto a capo,ho paura a stare a casa sola,di prendere la macchina e allontanarmi troppo,mi vengono pensieri assurdi in testa.Eppure nessuno se ne accorto,solo il mio fidanzato sa della mia situazione,sn tre anni e mezzo che di nuovo ho l'ansia,gli attacchi di panico.come posso tornare quella che ero diventata dopo tanta fatica?
Dai Bina coraggio, torna ad esser quella ragazza, son sicura che trovi il bandolo della matassa e riesci a ritornare quella che eri.

Non'e che forse ingoi troppo da parte di tua madre?

Se e' Lei la causa delle tue ansie esplondigli in faccia e dille di non esser oppressiva.

Coraggio, oppure torna dalla tua psic.
con affetto Paciu.

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

Messaggio da Bina » 15 settembre 2008, 20:39

avete ragione...forse l'analisi aveva solo accantonato il problema vero ossia il fatto che mia mamma scarica su di me tutta la sua ansia e con l'università avendo lei ritirato fuori il meglio di se io sn di nuovo crollata.....l'unica soluzione infatti è sbrigarmi a finire gli studi e allontanarmi dalla sua ossessione e possessività.ma ora mi tocca starci ho ancora un anno e mezzo per laurearmi.martedi 23 ho un esame difficilissimo e lei già mi sta dicendo che devo passarlo,se ho studiato abbastanza,quante pag mi mancano ecc... che stress ragazzi nn potete immaginare.anche oggi in macchina ho avuto un attacco d'ansia forte sempre perchè avevo paura di queste sensazioni di derealizzazione e paura di perdere il controllo.
bINA

paciughina
Messaggi: 76
Iscritto il: 9 luglio 2007, 9:03
Località: Bergamo/Milano

Messaggio da paciughina » 16 settembre 2008, 8:22

Bina ha scritto:avete ragione...forse l'analisi aveva solo accantonato il problema vero ossia il fatto che mia mamma scarica su di me tutta la sua ansia e con l'università avendo lei ritirato fuori il meglio di se io sn di nuovo crollata.....l'unica soluzione infatti è sbrigarmi a finire gli studi e allontanarmi dalla sua ossessione e possessività.ma ora mi tocca starci ho ancora un anno e mezzo per laurearmi.martedi 23 ho un esame difficilissimo e lei già mi sta dicendo che devo passarlo,se ho studiato abbastanza,quante pag mi mancano ecc... che stress ragazzi nn potete immaginare.anche oggi in macchina ho avuto un attacco d'ansia forte sempre perchè avevo paura di queste sensazioni di derealizzazione e paura di perdere il controllo.
Ok Bina, arrivata a questa consapevlezza, frena, ossia, rivolgiti con calma a tua madre, e dille che tutta la sua ansia, il suo volere, la sua oppressione, ti disturbano, ti generano ansia, non ti fanno star tranquilla, non sei serena, e che e' ora di finirla di stressarti, e che se non andra' bene l'esame lo ridarai, ma per favore parla con Lei e dille tutto cio' che ti disturba da donna a donna.
Non permettergli di asfissiarti, e Tu rinascerai ancora.

Parer mio.
bacio :D

Bina
Messaggi: 93
Iscritto il: 11 febbraio 2008, 13:58

Messaggio da Bina » 16 settembre 2008, 13:05

Lo so ma nn è facile....mia mamma è una cosa assurda,nn le puoi dir niente che ha sempre ragione lei,capisce tutto lei,vuole sempre decidere tutto della mia vita. Io ho dovuto sempre fare ed essere ciò che lei aveva programmato che io fossi. Poi fa sempre la vittima per tutto,bisogna sempre star lì a dirle che è vero,che lei è la più sfortunata del mondo ecc. Quando sente che qualcuno ha qualcosa lei deve sempre stare peggio. mi sento tanto soffocata che nn potete capire. nn sn libera di fare nessuna scelta se lei è in disaccordo. pensate che al liceo quando i diplomai presi 94,io ero felicissima ed orgogliosissima di quel voto,lei invece siccome altre mie amiche avevano preso 100 e io no,mi disse che si vergognava e neanche i quadri venne a vedere.questo è un piccolo esempio di quelle che per me sn state grandi umiliazioni fonte di forti dispiaceri.....
bINA

paciughina
Messaggi: 76
Iscritto il: 9 luglio 2007, 9:03
Località: Bergamo/Milano

Messaggio da paciughina » 17 settembre 2008, 8:16

Bina ha scritto:Lo so ma nn è facile....mia mamma è una cosa assurda,nn le puoi dir niente che ha sempre ragione lei,capisce tutto lei,vuole sempre decidere tutto della mia vita. Io ho dovuto sempre fare ed essere ciò che lei aveva programmato che io fossi. Poi fa sempre la vittima per tutto,bisogna sempre star lì a dirle che è vero,che lei è la più sfortunata del mondo ecc. Quando sente che qualcuno ha qualcosa lei deve sempre stare peggio. mi sento tanto soffocata che nn potete capire. nn sn libera di fare nessuna scelta se lei è in disaccordo. pensate che al liceo quando i diplomai presi 94,io ero felicissima ed orgogliosissima di quel voto,lei invece siccome altre mie amiche avevano preso 100 e io no,mi disse che si vergognava e neanche i quadri venne a vedere.questo è un piccolo esempio di quelle che per me sn state grandi umiliazioni fonte di forti dispiaceri.....
No Bina, capisco che per rispetto a tua madre porti pazienza, ma a tutto c'e un limite e dovresti farti rispettare.
Quello che qui' sopra leggo e' orribile, quindi prendi in mano la situazione fai una bella chiaccherata con tua madre e dille come ti fa' sentire.
Alla peggio trovati un posto dove vivere e vai lontana da Lei.

Assurdo si subire queste umiliazioni, sembra che non ci sia soluzione, invece secondo me ci sono, prendi in mano la tua vita coraggio.

ciao :)

Rispondi

Torna a “La mia psicoterapia … perché è iniziata e come è finita”