Ciao a tutti. Esperienzie psicoterapeutiche

La psicoterapia è un’esperienza alla quale si ripensa quasi sempre con sentimenti di gratitudine ma a volte anche con rabbia e con delusione ma pochi sono i dati reali in nostro possesso. Vuoi collaborare aiutandoci a lavorare sempre meglio e a correggere i nostri eventuali errori? Raccontaci la tua esperienza in questo apposito spazio a tua disposizione.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

Braveheart84
Messaggi: 11
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 2:25

Ciao a tutti. Esperienzie psicoterapeutiche

Messaggio da Braveheart84 » 2 gennaio 2009, 16:55

Sono nuovo del forum, e vorrei raccontarvi la mia esperienza nella psicoterapia.
Tre anni fa circa ho iniziato una terapia breve strategica con una terapeuta. All'epoca non sapevo bene di cosa si trattasse, ma sapevo bene invece cosa volevo: un tornare indietro nel tempo, per rivivere quelle esperienze dolorose che m hanno fatto male, digerirle una volta per tutte e andare avanti senza pesi. Sono stato piuttosto chiaro con la dot.ssa, la quale ha affermato: certo, certo, scaveremo nel tuo passato. PEccato che, coem voi sapete bene, la terapia breve strategica non prevede assolutamente un lavoro di questo genere, ma si bassa tutto sul "qui e adesso"; se mi fosse stato detto fin da subito ciò, mi sarebbe andato pure bene PER UN PERIODO DI TEMPO, perché, per essere onesti, aver lavorato su alcuni miei sintomi ha prodotto dei discreti benefici. Il punto è che la persona in questione mi ha "trattenuto" da lei per 1 anno, e posso dire che, secondo me, mi ha gabbato in maniera bella e buona: prima mi ha fatto credere di voler fare il lavoro che io desideravo, mentre in realtà alla fine voleva farmi andare avanti imponendomi le SUE modalità. Inutile dire che mi sono trovato in una situazione in cui una parte di me voleva ribellarsi a quest'imposizione, e che mi creava disagio. Lei furbescamente diceva che erano le mie difese, la mia parte infantile che voleva "boicottare" il lavoro svolto con lei; invece, come mi disse l'altro terapeuta da cui sono andato, quel "boicottatore" non era nient'altro che la mia sofferenza che non potevo esprimere con lei. E infatti questo faceva lei: non mi faceva esprimere. Non potevo sollevare un dubbio, una perplessità, o il desiderio di voler parlare di certe cose, che lei o svicolava portando la conversazione su argomenti di cui desiderava parlare lei e non io (l'università e gli esami dare); e se io insistevo, a volte risponedeva in maniera stizzita che non si doveva parlare del passato! Inutile dire che quando gli ho confessato di aver fatto un transfert negativo nei suoi confornti (ma poi, a questo punto, più che un transfert mi parevano dei dubbi fondati) lei mi ha risposto: "ah, se non ti fidi di me, ci salutiamo". Cioè, un terapeuta non dovrebbe mai rispondere così...per no parlare poi delle PARTERNALI da 50 euro l'ora ("ah, tu devi andare all'università e seguire le lezioni, devi dare più di 2 esami a sessione"), come se la MIA vita fosse la SUA. Per non parlare poi del fatto che stava sempre a mettermi contro la mia famiglia ("i tuoi familiari sono nemici, e vanno combattuti"), facendomi così provare rabbia nei confronti dei famigliari.
Tempo fa poi ho voluto mandargli un sms chiedendogli di incontrarla perché volevo dirle, una volta per tutte, quello che pensavo in maniera libera e senza condizionamenti. Lei mi ha rispsto: non sei più mio paziente, quindi non c'è motivo di incontrarsi. E' vero che nel frattempo avevo inizato la psiconalisi (approccio che lei svalutava in continuazione, dicendomi che no serviva a nulla); però non so se sia cmq la sua una risposta corretta.
Ciao a tutti quanti!
Daniele

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Messaggio da Marta » 3 gennaio 2009, 16:00

scusa se dissento, ma a me la psicoanalisi non piace proprio! è "vecchia", dura anni, quindi viene a costare una barca di soldi, e poi l' interpretazione dei sogni a cosa serve??? mah...
preferisco le terapie più moderne e veloci!!!!
TAEDIUM VITAE

Braveheart84
Messaggi: 11
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 2:25

Messaggio da Braveheart84 » 3 gennaio 2009, 16:10

guarda che la psicoanalisi si è evoluta...non è più quelal classica di un avolta, con il lettino ecc ecc. A me poi a qualcosa è servito, te l'assicuro...

Avatar utente
Aikiko
Messaggi: 198
Iscritto il: 12 giugno 2008, 21:52

Messaggio da Aikiko » 3 gennaio 2009, 21:06

Secondo me tutte le terapie psicologiche hanno un loro valore intrinseco. Bisogna scegliere quella più adatta alla persona e alla situazione che si sta cercando di risolvere.
Certo la scelta non è sempre facile, nel caso di Braveheart mi sembra che ci sia una responsabilità precisa del terapeuta che ha cercato di manipolarlo e di imporgli la propria visione senza ascoltare le sue necessità. E' necessario riuscire a mantenere una lucidità di giudizio anche quando si è in preda al panico e c'è bisogno davvero di qualcuno che ti dia una mano altrimenti non ci vuole niente a finire nelle mani di persone che, magari anche in buona fede, sono convinte che la terapia che applicano sia l'unica assolutamente efficace e buona per tutte le stagioni.

Braveheart84
Messaggi: 11
Iscritto il: 2 gennaio 2009, 2:25

Messaggio da Braveheart84 » 3 gennaio 2009, 21:21

Aikiko ha scritto:Secondo me tutte le terapie psicologiche hanno un loro valore intrinseco. Bisogna scegliere quella più adatta alla persona e alla situazione che si sta cercando di risolvere.
Certo la scelta non è sempre facile, nel caso di Braveheart mi sembra che ci sia una responsabilità precisa del terapeuta che ha cercato di manipolarlo e di imporgli la propria visione senza ascoltare le sue necessità. E' necessario riuscire a mantenere una lucidità di giudizio anche quando si è in preda al panico e c'è bisogno davvero di qualcuno che ti dia una mano altrimenti non ci vuole niente a finire nelle mani di persone che, magari anche in buona fede, sono convinte che la terapia che applicano sia l'unica assolutamente efficace e buona per tutte le stagioni.
Quoto! E secondo me questa cosa non è nemmeno tanto legale...ma non è possibile parlare con il supervisore della mia terapeuta e dirgli quello che è accaduto? Oppure contattare l'ordine degli psicologi? Perché questa persona continua a fare piscoterapia...

Francesco71
Messaggi: 39
Iscritto il: 14 luglio 2008, 16:22

Messaggio da Francesco71 » 17 gennaio 2009, 14:34

Già il fatto che la terapeuta si sia rifiutata di chiarire la situazione dietro richiesta esplicita da parte di Daniele è senz'altro un indicazione molto negativa sul suo modo di intendere la professione che svolge.
Credo infatti che un terapeuta in gamba non dovrebbe mai rifiutare un chiarimento soprattutto quando ci si lascia in modo non positivo col paziente, anzi secondo me dovrebbe essere il terapeuta stesso a prendere l'iniziativa per avere un chiarimento che servirebbe molto anche a lei, e non solo all'ex paziente.

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 19 gennaio 2009, 14:15

Marta ha scritto:scusa se dissento, ma a me la psicoanalisi non piace proprio! è "vecchia", dura anni, quindi viene a costare una barca di soldi, e poi l' interpretazione dei sogni a cosa serve??? mah...
preferisco le terapie più moderne e veloci!!!!
senz'altro dura per parecchio tempo...
sui sogni non mi trovi d'accordo è una tua parte inconscia che ti vuole comunicare qualcosa
terapie moderne e veloci? magari! Ma se la 'nevrosi' è ben radicata dubito che facciano miracoli...

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Messaggio da Marta » 29 gennaio 2009, 19:28

se uno non ha alcuna nevrosi, ma solo difficoltà ad affrontare e gestire la propria vita, allora non dovrebbe andare nemmeno da uno psico, basterebbe un coach life!!!
la mia ultima seduta mi ha fatto venire in mente il post di braveheart!
lo psico mi vuole dare una mano a vivere (vivere dal punto di vista pratico) mica guarire una nevrosi che manco ho!!!
:( :( :(
TAEDIUM VITAE

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 29 gennaio 2009, 20:53

La terapia breve strategica è l'unica che ho provato quindi anche l'unica che conosco in maniera diretta.
Si parlava poco, non c'era mai tempo nè voglia da parte sua di intraprendere discorsi che avrei voluto approfondire. Mi sembrava che non si analizzasse un bel niente, più che altro si facevano degli esercizi che comunque non mi sono stati utili.

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 29 gennaio 2009, 21:52

sarina perché non provi con una psicoterapia di orientamento analitico, sarebbe più adatta a te e poi senza offesa ma uno psichiatra o uno psicoterapeuta di scuola analitica è anche più competente, ovviamente devi anche avere la fortuna di trovare una brava e onesta persona, perché non basta avere la qualifica per essere bravi terapeuti, invece Le terapie brevi non sono adatte a risolvere malesseri profondi e generali indipendentemente dalla bravuta dello psicologo.

X marta: ho letto che vuoi un ragazzo degli amici, tornare a studiare,....e invece il tuo psicologo su questo non ha effetto!!! Ti credo, è uno psicologo non un consulente matrimoniale! Per realizzarti in quelle cose devi prima cambiare te stessa e il modo con cui guardi le cose, e poi forse comincerai a stare meglio. Uno psicologo ti può aiutare in questo senso, ma non può fare le cose al posto tuo. Da quanto fai la terapia? Sei sicura che sia il tipo di terapia adatto a te?

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Messaggio da Marta » 29 gennaio 2009, 23:21

x doomgeneration
i miei pensieri un po li ho modificati, cerco di essere quanto più possibile ottimista e positiva, ma la realtà non mi permette di sognare!!!
mica voglio che lo psico raddrizzi la mia vita?
dico solo che visto che i miei problemi sono perlopiù pratici ed ho mancanze materiali che non sono ancora state colmate, allora che senso ha frequentare uno psico?
sì, mi tira un po su, mi conforta, ma mi fa anche molto innervosire e agitare!
cerca di scuotermi ok, ma io sono e rimango apatica, ho rari sprazzi di entusiasmo!
faccio psicoterapia da circa un anno e non lo so se è il tipo di terapia adatto a me! lui continua a dire da mesi che sono a metà strada, ma è da mesi che non faccio progressi! il mio problema è l'immobilismo, per questo lui mi suggerisce cosa fare e cosa non fare! per farmi fare qualcosa!
ma non è compito suo, lui dovrebbe occuparsi solo della mia mente!
TAEDIUM VITAE

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 30 gennaio 2009, 14:16

bene penso che prima di tutto non siamo tutti uguali
nel senso che una terapia x Marta puo' non essere adatta a tersite (è solo un esempio...)
la ricerca della terapia adatta non è affatto semplice e dipende ovviamente da quanto sono radicati i problemi che si vogliono risolvere... puo' essere utile fare un indagine su se stessi e capire cosa c'è che non va in noi e da dove ha origine tutto questo

P.S: noto una tendenza da parte di qualcuno, anche qui nel forum a 'medicalizzare' tutto , se la tua ragazza ti ha lasciato, se hai difficolta' nello studio, se sei troppo chiuso in te stesso ... non necessariamente hai bisogno di uno psicologo :) ma magari solo di buttarti nella vita


non è il mio caso purtroppo...

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 30 gennaio 2009, 15:15

doomgeneration ha scritto:sarina perché non provi con una psicoterapia di orientamento analitico, sarebbe più adatta a te e poi senza offesa ma uno psichiatra o uno psicoterapeuta di scuola analitica è anche più competente, ovviamente devi anche avere la fortuna di trovare una brava e onesta persona, perché non basta avere la qualifica per essere bravi terapeuti, invece Le terapie brevi non sono adatte a risolvere malesseri profondi e generali indipendentemente dalla bravuta dello psicologo.
Si, ora lo so, ma all'epoca qui dove vivo io c'era solo questa psicologa e non potendomi spostare troppo ho provato.
Ora come ora non sento bisogno di alcuna terapia, nè analitica, nè breve strategica.

doomgeneration
Messaggi: 1081
Iscritto il: 21 settembre 2007, 13:26

Messaggio da doomgeneration » 30 gennaio 2009, 15:37

Beh certo, intendevo solo se in futuro sentirai il bisogno di riprovare.

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Messaggio da Marta » 2 marzo 2009, 21:45

cancellato
Ultima modifica di Marta il 5 gennaio 2010, 23:59, modificato 1 volta in totale.
TAEDIUM VITAE

Rispondi

Torna a “La mia psicoterapia … perché è iniziata e come è finita”