i miei sogni che scivolano via..

Dedicato a chi non riesce a trovare uno spazio d’espressione di un proprio disagio interno, perché troppo forte è la sensazione di non poter essere compreso nella propria sofferenza.

In questo forum ci si propone di dar voce liberamente al proprio sentire, perché ciò che è vissuto come un malessere incomprensibile non è nient’altro che un’ espressione condivisibile della propria individualità.

Moderatore: Dr. Marco Guadalupi

Rispondi
solasola
Messaggi: 108
Iscritto il: 11 giugno 2008, 22:32

i miei sogni che scivolano via..

Messaggio da solasola » 11 agosto 2010, 23:17

bhe...sono giovane, ho solo 24 anni, sono una bella ragazza, e la gente direbbe cosa ti manca?? che domanda facile... i miei sogni stanno scivolando via ad uno ad uno, tutto l'entusiasmo (e ne avevo tanto...) di quando ero bambina si spegne ogni giorno di più.. di tutte le cose che volevo fare non ne ho fatto nessuna e non le potrò fare mai più, lo so. Ero brillante, piena di vita, volevo ballare, fare sport, laurearmi e lavorare, avere uno o più figli e costruirmi una famiglia bellissima..e invece, non sono andata a scuola di ballo, e non potrò mai più andarci perchè il mio compagno è negato e geloso e non condivide affatto l'idea della scuola di ballo, lo sport non lo posso fare perchè ho problemi di schiena fastidiosi, il lavoro non c'è e nonostante sono brava vengo sempre considerata un gradino sotto a tutti dato che il mio è un settore maschile figurati se mi considerano alla pari...il meglio che mi può accadere è che io faccio le cose e gli altri si prendono i meriti perchè ovviamente in un gruppo di soli uomini e una donna anche carina figurati se il lavoro se lo è accollato tutto lei che non ha nemmeno festeggiato pasqua e natale per finirlo mentre gli altri bivaccavano e se ne fregavano alla grande...
non so se potrò avere figli perchè il padre del mio ragazzo ha una malattia genetica rara, il mio compagno mi ha sempre detto che non c'erano problemi per i nostri futuri figli e invece non si sa niente se sia vero, e io vorrei fare delle visite che lui non capisco se non le vuole fare ma comunque rimanda e rimanda... in più suo padre ormai non è più autosufficiente per cui ha bisogno di continua assistenza e il mio compagno vuole che ci trasferiamo a vivere da lui che vive in una casa di campagna isolata in un piccolo paesino sperduto.. io volevo viaggiare, vedere il mondo.. uscire dalla vita mediocre che ho fatto fin'ora e per far questo mi sono impegnata moltissimo e onestamente nello studio raggiungendo sempre il massimo... eppure non è servito a nulla..i miei sogni sono rimasti sogni e lo rimarranno... a volte mi arrabbio perchè penso che questi sogni abbiano contribuito solo a farmi soffrire di più. Intanto vedere la mia vita scivolare via non fa altro che farmi star male, sono spesso nervosa, annoiata, triste, e mi sento un nodo enorme in gola, penso che tutto il mondo mi stia cascando addosso..sono ancora giovane ma vedo la mia bellezza sfiorire sempre di più. Piango spesso, la notte e di nascosto..al mattino faccio sempre più fatica ad alzarmi..e la sera per addormentarmi ci vuole sempre un bel pò... per non parlare della mia vita intima, (scusate la criticità dell'argomento e i termini che uso) ormai ho perso la speranza di sapere cosa significa divertirsi a letto... ho provato anche a parlare con il mio compagno e a spiegargli che non sto bene così ma lui a volte reagisce così duramente, mi dice che mi devo rilassare che devo stare tranquilla e se gli dico che non voglio andare a vivere in campagna lui dice che sono egoista e cattiva e che ho smanie da vip, ma io non ho smanie da vip: è solo che ho sempre vissuto nel sacrificio,rinunciando a molte cose che tutti gli altri avevano, e volevo migliorare adesso... e se gli dico che sono depressa a volte mi dice che se sono pazza non è un problema suo.. io gli voglio molto molto bene e so che anche lui mi ama molto, non so perchè dice ste parole a volte, forse sono io che non so come spiegargli il mio star male..in effetti mi rendo conto che io non so come devo pormi nei suoi confronti, sono molto timida in generale e quando gli dico ste cose a volte divento nervosa, mi sudano le mani e poi esagero con le parole perchè non so come dirgli le cose e mi arrabbio tantissimo perchè vorrei che lui le capisse senza che io gli spieghi sempre tutto...
vorrei che mi aiutasse lui. vorrei che mi sostenesse e mi aiutasse a realizzare qualche mio sogno.
Mi sento così sola.
Grazie dello sfogo

Omy
Messaggi: 65
Iscritto il: 28 ottobre 2009, 14:45
Località: Torino

Messaggio da Omy » 30 agosto 2010, 11:29

Ciao...
ma che brutto nickname!
ma dico, stiamo scherzando? Vuoi veramente comiciare così male?
Con un nickname che preannuncia tristezza e solitudine, credimi, il lavoro di uscita da questo stato, è molto più difficile.

Beh, mi spiace frantumare le tue convinzioni, ma non sei sola.
Sappilo.

E non è che non sei sola perchè io ti sto rispondendo adesso, ma perchè non sei l'unica a pensare di vivere un momento grigio della tua vita.
Tanti come te adesso, ma anche domani, si sentiranno giù di corda, ma è importante rendersi conto che questo è un momento della vita, una parentesi, e come tale ha avuto un inizio e avrà una fine.
E forse domani sarai tu a cercare di dar loro una mano.

Hai fatto una descrizione e una prima analisi, di quelli che sono i motivi che rendono la tua visione infelice.
Questo è già un ottimo risultato. Molta gente dice di esser triste e non sapere neanche bene il perchè.
Questo significa che sei attenta, razionale, sensibile e obiettiva.

Ma forse hai anche un problema.
Stai (e non dico "sei") soffrendo di insicurezza.
Questo ti sta limitando nelle scelte, nel prendere delle decisioni, nel voler fare le cose che vorresti, sia nel lavoro che nel divertimento.
E cosa ben più grave, hai paura che alcune tue azioni danneggino gli altri.
Succede a tanti di noi, forse troppo sensibili.

Non mi voglio soffermare sul fatto che hai descritto molte delle cause della tua infelicità attribuibili al tuo compagno.
Potrei dirti che hai ragione, che non è giusto che lui dica o faccia certe cose, che nessuno dovrebbe limitare le scelte e la vita di chi gli sta a fianco, soprattutto chi amiamo. E se lo fa, non ci sta amando.
E se le cose che ci vengono proposte assumono più l'aspetto di un peso che non di un'opportunità, non va bene, non passerebbe un mese che tutto verrebbe stravolto.
I tuoi sogni stanno scivolando via? Stai perdendo l'entusiasmo?
Beh...fermati.

La vita è tua, e come dico spesso "tu sei la persona più importante che conosci"
Una persona che ritieni importante non lasci che subisca scelte che non condivide, non lasci che venga demoralizzata, demotivata, perchè questa persona è importante, tu sai che questa persona è brillante, piena di vita e che può fare grandi cose.
Certo ci sono i sacrifici, le difficoltà, le salite.
Non è che ci possiamo mettere in testa che a questa persona importante tutto venga dovuto.
Dobbiamo preservare i nostri obiettivi, sempre.
Perchè sono le uniche cose che alimentano quell'entusiamo di cui parli.
Ma ci sono anche i compromessi.
Un compromesso accontenta entrambe le parti.

Non avere paura di parlare in difesa di quella persona importante.
Non serve rabbia e odio per difenderla, serve tranquillità e ragione.
Ma serve anche fermezza e determinazione quando si espongono le proprie ragioni, quando si propone il proprio compromesso.

Devi provare a esprimere in questo modo i tuoi pensieri, chiedere disponibilità a trovare compromessi, l'amore è anche questo.

Ricordati che spesso facciamo tutti un grande errore.
Pensiamo che debbano essere gli altri a darci una mano a risolvere i nostri problemi, che sono loro responsabili della nostra felicità.
Alcuni quando si scontrano con la dura realtà, reagiscono in malo modo, attribuiscono colpe, è un modo per scaricare la disperazione di non veder risolto un loro problema.
Forse è la reazione che sta avendo lui con te.
La sua attenzione adesso è focalizzata sulla risoluzione di quel problema e non può prendere in considerazione i tuoi.

Tu focalizza quali sono i tuoi problemi.
Verifica in quali di questi, sei tu la persona che può risolverli e in quali di questi sei dipendente da altre persone.
Se riuscirai a vedere con un punto di vista allargato, ti renderai conto che non esiste mai una sola soluzione, e che soprattutto, se vuoi, non dipendi mai da altri.

Scusa la lunghezza.
Se ti serve mi trovi qui.

:-)
Mi piace ripartire da dove ci si ferma e rinascere da dove ci si credeva morti...

josephine-Ameliè
Messaggi: 3
Iscritto il: 10 febbraio 2011, 19:11

Re: i miei sogni che scivolano via..

Messaggio da josephine-Ameliè » 17 febbraio 2011, 17:11

Ciao,
ho letto quello che hai scritto e mi ritrovo molto in alcuni punti ...infatti se posso vorrei dirti quello che penso sperando ti possa essere d'aiuto.Prima di tutto hai solo 24 anni quindi è presto per dire i miei sogni non si realizzeranno mai...è presto per dirlo ne avessi 50 ti capirei :).Comunque credo sia normale essere insoddisfatti della propria soprattutto in un periodo come questo dove in Italia riesce solo chi è ammanicato,ha i soldi o ha culo,purtroppo la meritocrazia è una questione utopica al giorno d'oggi,ma non devi buttarti giù di morale .là fuori è pieno di gente che sta nelle tue stesse condizioni ...se uno insiste prima o poi riceverà qualche merito ma l'importante è che non dai mai i tuoi meriti ad altri (che indubbiamente nn ne meritano).Forse dovresti soltato prendere in mano la tua vita e reagire ...dire "no,ok così non va!" ,anche quando parli del tuo compagno sembra quasi una persona che ti limita con cui continui a stare solo perchè gli "vuoi bene" ...hai scritto che potrebbe avere questo problema genetico e che ti limita non solo in alcuni tuoi sogni come il ballo ma anche nel comprenderti e ti ritrovi a piangere di nascosto ...se le cose stanno così rifletti seriamente se è la persona con la quale vuoi trascorrere gli anni a venire ,perchè ora ne hai 24 e lo puoi "salutare" dando spazio a tutti i tuoi sogni ,tra 10 ,20 anni non lo so.Io inoltre sono dell'idea che se una persona non ti comprende non può stare accanto a te ,perchè non è capace.Il fatto è che sta a te dire "basta io voglio essere felice,voglio sentirmi viva davvero e voglio il meglio per me e tutto il resto non conta nulla",forse a volte un pò di sano egoismo non farebbe del tutto male .Non so magari la tua potrebbe essere anche paura di rischiare di provare qualcosa di nuovo che potrebbe anche confermare il fallimento che senti ora.Prova a cimentarti in qualcosa di nuovo e se qualcuno te lo impedisce pensa seriamente se ne vale la pena.
Spero di esserti stata d'aiuto :)

Avatar utente
nikiland
Messaggi: 193
Iscritto il: 19 aprile 2007, 11:58

Re: i miei sogni che scivolano via..

Messaggio da nikiland » 9 marzo 2011, 6:31

24 anni sono ancora pochi per le cose che vuoi fare...

la prima cosa che mi salta in mente di chiederti è questa: ma vuoi veramente realizzare questi sogni, oppure no? perché inizialmente ho pensato che fosse semplicemente responsabilità del tuo ragazzo e poi, in seguito, ho cambiato idea... ecco perché ti chiedo se vuoi veramente realizzare i tuoi sogni... sembra che il tuo ragazzo sia il capro espiatorio della tua vita! forse la prima cosa che devi fare è chiarirti dentro per quanto riguarda quello che per te è più importante... prova a farti una scaletta... quanto è importante il tuo compagno rispetto al resto? quanto ti appaga il vostro rapporto rispetto al resto? a volte bisogna "sacrificare" alcuni sogni per qualcosa di più importante, a volte bisogna prenderseli con la forza certi sogni, senza necessariamente dover concludere la storia con la persona che ti ama. a volte si può arrivare a compromessi... ci sono coppie invece che si lasciano perché le esigenze personali sono eccessivamente forti... magari ridimensionare la vita affettiva può aiutare, ma anche ridimensionare i sogni... ovviamente non sono io a dirti cosa è giusto fare... solo tu lo sai... di sicuro in questo momento il tuo ragazzo non è nella tua stessa lunghezza d'onda (come tu non lo sei verso la sua) e dovreste probabilmente provare a ritrovarvi, a cercare punti in comune e consolidare questi... o forse proprio non vi trovate più nonostante ci sia del sentimento... di sicuro suo padre è una priorità in questo momento e magari lui si aspetterebbe più aiuto da parte tua... potresti proporre altre idee, iniziative, soluzioni per aiutarlo senza trasferirvi... oppure potrebbe essere una parentesi di vita cambiare paese... potresti provarci e se proprio non funziona puoi sempre tornare indietro... dovreste aiutarvi di più... aiutare lu a capire che anche tu hai bisogno di alcune cose, che non sono solo capricci e che potresti renderlo parte attiva e fondamentale nei tuoi sogni... fargli capire che lui è importante nel realizzare i tuoi sogni... che se ci tiene a te deve imparare a fidarsi di più etc... (un po' dipende da te avvicinarti a lui, ma dipende anche da lui se ci tiene a te... che potresti essere disposta a rinunciare ancora per un periodo, ma non per sempre... che vorresti per lo meno provarci a vivere i tuooi sogni prima di capire che i tuoi sogni potrebbero non essere così importanti... auguri! :D

Rispondi

Torna a “Nessuno può capire il mio star male...”