aiuto

Dedicato a chi non riesce a trovare uno spazio d’espressione di un proprio disagio interno, perché troppo forte è la sensazione di non poter essere compreso nella propria sofferenza.

In questo forum ci si propone di dar voce liberamente al proprio sentire, perché ciò che è vissuto come un malessere incomprensibile non è nient’altro che un’ espressione condivisibile della propria individualità.

Moderatore: Dr. Marco Guadalupi

Rispondi
bonni7333
Messaggi: 2
Iscritto il: 16 febbraio 2011, 20:25

aiuto

Messaggio da bonni7333 » 17 febbraio 2011, 17:47

salve..
ho un grosso problema.... credo con me stessa.. sto attraversando un periodo di stress sia sul lavoro sia con il mio fidanzato... mi sento male.... ho una madre malata di Alzheimer e non riesco ad accettare la malattia... mi sento sola... e non mi sento amata.... forse è l'uomo sbagliato.. lui non ha esigenze di starmi vicino e di sentirmi dice che sono troppo opprimente e io invece vorrei che mi aiutasse in certi momenti in cui mi sento disperata..
non so che fare......
grazie
bonni7333

Avatar utente
°°Orchidea°Selvaggia°°
Messaggi: 178
Iscritto il: 22 dicembre 2009, 15:52
Località: Bologna

Re: aiuto

Messaggio da °°Orchidea°Selvaggia°° » 5 marzo 2011, 3:36

La situazione è molto delicata, sicuramente hai bisogno di aiuto ma non solo a livello morale, ma anche pratico probabilmente.
Il dolore che porti dentro per tua madre è un qualcosa di così delicato ed intimamente personale che va assolutamente rispettato.
Non spieghi molto il rapporto con il tuo fidanzato ma lasci intendere che lui sta con te ma non ti fa sentire il suo appoggio morale come tu vorresti e stai rivalutando il rapporto.

Solo che se tu lo mollassi ti sentiresti disperata perchè non avresti nemmeno più la sua "presenza" che anche se non ti fa sentire aiutata come avresti bisogno, è sempre una persona a cui sei affezionata e che comunque ti distrae.

Non parli molto di lui nello specifico però, ad esempio non dici quanti anni avete nè da quanto tempo state insieme... nè se hai parenti che ti aiutano in questa situazione.
|
| "Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore." (Albert Einstein)

Avatar utente
nikiland
Messaggi: 193
Iscritto il: 19 aprile 2007, 11:58

Re: aiuto

Messaggio da nikiland » 12 marzo 2011, 23:29

Be' la malattia di Alzheimer non è un raffreddore!
Accettare una malattia come quella credo sia complesso. Probabilmente ci vuole molto tempo. Come si dice: il tempo cura le ferite! Il tempo aiuta ad accettare i cambiamenti della vita, la morte di qualcuno (in generale) e tutto il resto...
Non ti accusare di non riuscire ancora ad accettare questa situazione, anzi: il fatto che tu sia qui a scrivere significa che prendi a cuore questa situazione, che vuoi trovare una soluzione, insomma stai reagendo! Ed è già più che un inizio. Il fatto che il tuo compagno non riesca a starti vicina potrebbe dipendere anche dal fatto che non è pronto ad accettare questa malattia, probabilmente crea in lui dei forti problemi, con la differenza fra te e lui che per te la persona colpita dal male è tua madre e quindi sei decisamente più coinvolta e ti senti più responsabile. Non è detto che il tuo compagno non sia l'uomo adatto a te. E' possibile invece che lui non ce la faccia a reggere una situazione come questa. Purtroppo non sempre le persone che ci stanno vicine riescono ad essere vicine nel momento di bisogno.
E allora potresti farti forza chiedendo aiuto a qualcun altro (un parente a te vicino, un'amica...) che sappia aiutarti di più. Potrebbe anche succedere con sorpresa che muovendoti verso l'esterno, il tuo compagno (magari per reazione) sentendo meno forte il peso della situazione si avvicini... ma non voglio illuderti!
Un passo alla volta... :D

Rispondi

Torna a “Nessuno può capire il mio star male...”