Il mio problema sono io

Dedicato a chi non riesce a trovare uno spazio d’espressione di un proprio disagio interno, perché troppo forte è la sensazione di non poter essere compreso nella propria sofferenza.

In questo forum ci si propone di dar voce liberamente al proprio sentire, perché ciò che è vissuto come un malessere incomprensibile non è nient’altro che un’ espressione condivisibile della propria individualità.

Moderatore: Dr. Marco Guadalupi

Rispondi
petitpapillon
Messaggi: 2
Iscritto il: 6 giugno 2011, 10:24

Il mio problema sono io

Messaggio da petitpapillon » 6 giugno 2011, 10:47

Ciao a tutti. Sono una ragazza di 21 anni e sono consapevole di avere un problema che mi sta uccidendo. Sono al terzo anno di Scienze della Formazione primaria, voglio diventare una brava maestra elementare. Tutta la mia vita è stata permeata dal mondo della scuola e lo sarà ancora per tantissimo tempo, ma il mio problema ha avuto inizio da subito, da quando frequentavo le elementari. Io mi sono sempre confrontata con le mie compagne più brave: da piccola c'era Michela, la mia migliore amichetta e la più brava della classe, poi alle medie c'è stata Laura, grande amica e bravissima a scuola, alle superiori c'era sempre laura e si è aggiunta ilaria, entrambe prime della classe. Ora all'università c'è Valentina, una persona fantastica, con la quale ho legato moltissimo e che mi capisce davvero, ma che ha tutti 30. Io non riesco a prendere 30, non so perchè, nonostante io mi ammazzi sui libri e rischi di farmi venire un esaurimento non ci riesco e mi sento inferiore, piccola e stupida. Sono una stupida. Mi devo sempre confrontare con qualcuno. Perchè? Nella mia vita ho sempre cercato di essere perfetta: la famiglia, l'amore, l'aspetto, tutto. Ma non ci sono mai riuscita nella scuola. Non mi voglio più sentire così. Quando pubblicano i risultati di qualche esame sul sito di facoltà controllo sempre anche il risultato di Valentina, ma non per congratularmi con lei ma per vedere se ha preso più di me. E mi sento in colpa, tutte le volte, perchè io sono io, lei è lei, anche se siamo grandi amiche. Sono stanca. Non ce la faccio più a continuare così. Non riesco a trovare una via d'uscita, non riesco a risolvere il mio problema da sola. Voglio davvero diventare una brava insegnante, so che lo posso fare e che lo diventerò, ma mi sto rovinando la vita da sola.

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Re: Il mio problema sono io

Messaggio da Sergio67 » 6 giugno 2011, 15:33

Se sei tu il tuo problema, allora sei tu la tua soluzione :).
Leggendo quello che scrivi mi sembra che tu abbia "ragionevolmente chiaro" il problema. Cioè, ti sei sempre scelta come amiche persone più brave di te, in modo da sentirti "inferiore" rispetto a qualcuno, quando probabilmente nel corso ci saranno moltissime persone che prendono voti parecchio inferiori ai tuoi...
Ecco, secondo me non sarebbe male cercare di capire come mai, ma senza giudicarti per questo. E se non ci riesci da sola, se la cosa ha assunto una dimensione insonstenibile, allora probabilmente varebbe la pena parlarne con uno psicologo, ma dovresti farlo di persona.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Avatar utente
CC
Messaggi: 415
Iscritto il: 5 novembre 2010, 20:01
Località: Roma

Re: Il mio problema sono io

Messaggio da CC » 6 giugno 2011, 16:21

Paragonarsi agli altri non serve a molto in quanto ciascuno di noi ha talenti diversi e va accettato per quello che è.
La rana che si è gonfiata perchè voleva diventare grande come il bue ha fatto una brutta fine! :)
Dal momento che tu hai consapevolezza del tuo problema può darsi che col tempo si attenui o svanisca da solo ma se ne hai la possibilità anche io ti consiglio l'aiuto di uno psicoterapeuta visto che non riesci ad uscire da sola da questo tuo vecchio modo di vedere le cose.
In ogni caso armati di pazienza, Roma non è stata costruita in un giorno!
"Lentamente scompare chi sceglie di percorrere ogni giorno la stessa strada, scompare chi maledice l'imprevisto, chi non parla agli sconosciuti, chi non sa sostenere uno sguardo; essere vivo richiede uno sforzo maggiore che il semplice respirare".

Marta
Messaggi: 517
Iscritto il: 10 ottobre 2007, 17:30

Re: Il mio problema sono io

Messaggio da Marta » 6 giugno 2011, 22:56

mi è successa la stessa cosa alle scuole superiori, ho fatto purtroppo il liceo classico e mi sa che sono finita in una classe di genietti, e io, che ero timida e riservata non emergevo, e non venivo considerata particolarmente sveglia e intelligente...alle scuole medie andavo così e così e studiavo il minimo indispensabile, e me ne fregavo, ma il liceo classico, con il suo individualismo, la sua competizione e il fatto che contava molto anche come ti mostravi o ti vendevi, mi ha rovinata!!! poi ho fatto una facoltà scientifica ed è andata peggio che a scuola....mentre la mia amica, che aveva fatto un altra scuola superiore molto più semplice e andava così così come me, si era iscritta ad una facoltà umanistica e andava come un treno...per cui per anni l'ho invidiata, soprattutto per i risultati che conseguiva....ad ogni 30 che mi diceva di avere preso avvampavo di calore, quando ho visto il suo libretto uni mi veniva da piangere e la sua laurea è stata una batosta, la goccia che ha fatto traboccare il vaso!!!
ora frequento un altra facoltà, fose semplice, forse molto agevole...molto di nicchia e università privata....questo mi fa venire un po di dubbi sui miei risultati...anche se devo dire la verità ci sono comunque esami difficili, voti bassi e bocciature!
alla prima uni mi sono fumata almeno 3 trenta, dopo dieci minuti di interrogazione mi disconcentravo, mi impappinavo, c'era sempre qualche pecca nella preparazione, zoppicavo ed ero pluribocciata :(
in quella attuale non mi ammazzo di studio per fare gli esami, e ho quasi tutti....insomma quel voto là che non scrivo x scaramanzia...sto molto attenta perchè non voglio più sbagliare, ma studio con piacere e senza angoscia! e questo è l'importante!!! l'avessi fatta prima non mi sarei rovinata la vita!!!!!
ciao :wink:
TAEDIUM VITAE

petitpapillon
Messaggi: 2
Iscritto il: 6 giugno 2011, 10:24

Re: Il mio problema sono io

Messaggio da petitpapillon » 7 giugno 2011, 9:50

Si, la buona voglia di studiare c'è, più che altro perchè voglio davvero raggiungere l'obiettivo di diventare un'insegnante. Il problema più grosso è che dopo aver provato questi brutti sentimenti da persona orribile mi sento in colpa. In colpa verso la mia amica che non ne può niente se è più brava di me e alla quale sono molto legata. Lei si sente in imbarazzo quando ci comunichiamo i voti. Magari vorrebbe esultare dalla gioia per il suo bel voto, mentre non lo fa perchè ha notato che io ci sto male. é orribile quello che faccio e quello che provo. Ma, come avete detto, è difficile cambiare in un giorno solo....
Grazie davvero a tutti per l'aiuto e il supporto

Avatar utente
Sergio67
Messaggi: 813
Iscritto il: 26 febbraio 2009, 15:23

Re: Il mio problema sono io

Messaggio da Sergio67 » 13 giugno 2011, 17:41

Perché dici che sono da persona orribile? Sono semplicemente umani...
Il problema non sono i sentimenti che nascono in noi, sul quale non abbiamo nessun controllo, ma la nostra reazione a questi sentimenti. E' difficile per tutti ammettere di avere sentimenti considerati "negativi", quelli che vengono classificati nella categoria dei "peccati", ma sono assolutamente umani anche quelli, e né io ne tu ne siamo esenti.
Credo che dovresti dare maggiore importanza alla tua intenzione di essere migliore, piuttosto che al sentirti in colpa per essere umana.
Puoi sentirti perso, ma non potrai mai perdere te stesso.

Facilitatore gruppo AMA "Sbilànciati!" su AMAEleusi (cercateci)

Guida Autorizzata Pagine Blu (ma non sono psicologo)

Rispondi

Torna a “Nessuno può capire il mio star male...”