Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Dedicato a chi non riesce a trovare uno spazio d’espressione di un proprio disagio interno, perché troppo forte è la sensazione di non poter essere compreso nella propria sofferenza.

In questo forum ci si propone di dar voce liberamente al proprio sentire, perché ciò che è vissuto come un malessere incomprensibile non è nient’altro che un’ espressione condivisibile della propria individualità.

Moderatore: Dr. Marco Guadalupi

Rispondi
Ipazia
Messaggi: 1
Iscritto il: 1 maggio 2013, 13:14

Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Ipazia » 1 maggio 2013, 13:36

Sono una ragazza di 21 anni, una studentessa. Da circa quattro mesi ho una relazione con un uomo 21 anni più grande di me, difficile, dolorosa e piena di ostacoli, di fraintendimenti...
In questi quattro mesi mi ha fatto sempre presente il suo dubbio sul nostro futuro insieme a causa dei miei genitori, che adesso assolutamente non possono sapere di noi... Ho la sensazione a volte che si vergogni di me, in quanto ho ragione di credere che nessuno sappia di questa storia tra le persone che gli sono vicine... Il che non può dipendere dalla mia età, la sua ex era solo un anno più grande di me e fidanzata ufficialmente con lui, in casa praticamente.
Il primo mese era dolcissimo, parlava, forse esagerando, addirittura di un matrimonio... Mi pregava di concedergli una storia seria, diceva che se iniziava qualcosa tra di noi non voleva poi che per qualche motivo potesse finire tutto... Insomma sembrava preso, ma tutto questo è durato poco...
Ha cominciato dal terzo mese in poi a mostrare dubbi sulla nostra relazione tirando in ballo i miei genitori, dicendo che non aveva più voglia di dare una definizione al nostro rapporto, che non dovevamo stipulare un contratto, poi l'ho convinto a provarci, fino a due giorni fa...
Premetto che in questo periodo sono molto depressa in quanto mi sento sola, non ho amici e mi sento non compresa da lui, che amo tanto... Sono un'autolesionista, praticamente ho cominciato a tagliarmi, ho smesso di mangiare, piango continuamente...
Due giorni fa ero a casa sua, da sola, e a causa dei miei dubbi e delle mie paranoie su di lui ho fatto l'ennesima pazzia ormai di una lunga serie... Ho tirato fuori una bottiglia di vino dal frigo e l'ho bevuta tutta, sperando così di alleviare le mie sofferenze... Ho bevuto fino a non essere più in grado di reggermi in piedi, fino a vomitare... Quando lui è tornato mi ha trovato come una rincoglionita sul divano, ancora in pigiama, che guardavo fisso davanti a me e piangevo. Vedendomi in quelle condizioni ha detto che avevo esagerato, che non se la sentiva di andare avanti con me in quello stato, che di nuovo non voleva chiarire il nostro rapporto, che dovevo "guarire" prima... Si è proposto di aiutarmi, addirittura di pagarmi le sedute da una psicoterapeuta, poi mi ha abbracciato e mi ha detto che ci tiene a me, che mi vuole bene, che non lo perderò mai... Ma io non voglio questo, non voglio che lui mi sia amico, non lo accetto, è per me fonte di maggiori sofferenze...
Che cosa mi sta succedendo? Perchè ogni cosa che ha a che fare con lui e non solo mi porta ad autodistruggermi come tagliarmi e bere? Perchè mi sta succedendo tutto questo e come posso venirne fuori?
Vi ringrazio sin da ora per la risposta.

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Haries Cavalier » 13 luglio 2013, 20:31

Buona sera Ipazia,

do del tu, visto che abbiamo solo tre anni di differenza .

Piacere di conoscerti, io mi chiamo Haries ...

Autolesionsita, da quanto ?
Lo sono ... anch' io ...se vorrai leggere la mai storia vai sulla sezione -corpo ed emozioni- e leggi "EMOZIONI TRATTENUTE- la Maschera"
-dipendenze patologiche- e leggi "tagli", vai alla terza pagina ... li troverai un po' di me ..
- Adolescenza- e leggi "IL CANCELLO DELL' ANIMA: Saper Stare con gli altri..."

Secondo me se non sei sicura di stare con lui non andare avanti,digli la verità ...ma altrettanto vero e inaspettato è che lui quella sera ...vedentdoti in quelle condizioni abbia fatto un bel gesto ... ti ha abbracciato e ti ha consigliato di "Guarire" ...
Io non lo accetto ancora eppure ...spesso non ci rendiamo conto dei nostri problemi, limitazioni ...come siamo ...
Alla tua domanda, secondo me ... la tua è una reazione a quello che ti ha detto ma anche che ti stai rendendo conto che le persone all' inizio tutto per ottenere quello che vogliono, si comportano in un modo e poi ...andando avanti si scopre che esse sono umane come noi, che hanno delle limitazioni, dei problemi ...ecco secondo me, è questo
Di consiglio do solo quello che ho scritto all' inizio ma considerei anche il fatto che lui è stato molto sinciro e ti ha detto laverità ...in una relazione bisogna essere stabili, almeno uno ...se ci sono due persone instabili si rischia di cadere entrambi nel Buio da cui poi, non se ne esce ...
Io non volevo ascoltare nessuno e tutt' ora ho difficoltà quando mia madre mi rinfaccia che sono matta, di farmi "Guarire" ...
inizialmente, quando avevo 16 anni quasi 17, mi ha obbligato ad andare da una psicologa-psicoterapeuta per via del "fenomeno" negativo, l' autolesionismo ( che sensazione scriverlo, non riesco ad abituarmi ...) ... ed io ero contrarria ... poi ho capito che sette sedute non mi sarebbero bastate ...e così ho iniziato la mai psicoterapia ... in cui nel 2012, in estate avevo interrotto per poi iniziare a Gennaio di quest' anno con un' altra dottoressa ... perchè, ho avuto due casi singoli in cui mi sono ferita e mi sono resa conto che avrei dovuto Iniziare il Percorso per Concludere quello che ho Iniziato ...

Ecco, spero di averti fatto sentire meno sola ...
So cosa significa essere soli, lo so fin troppo bene ...
La Solitudine è una sofferenza enorme, che non è paragonabile al nulla : è un buio completamente buio !
io se vuoi, quando posso ci sono anche solo per Ascoltare,

Haries Cavalier
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Juliet777
Messaggi: 11
Iscritto il: 1 agosto 2013, 1:29

Re: Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Juliet777 » 13 agosto 2013, 16:11

Ti chiami Marica per caso???...

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Haries Cavalier » 17 agosto 2013, 18:45

No, perchè le assomiglio da come scrivo ?

Haries C.
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Juliet777
Messaggi: 11
Iscritto il: 1 agosto 2013, 1:29

Re: Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Juliet777 » 18 agosto 2013, 14:40

Si... mi sembrava la stessa storia di una mia amica... e pensavo fossi lei...

Avatar utente
Haries Cavalier
Messaggi: 304
Iscritto il: 30 agosto 2011, 17:24

Re: Relazione difficile, interiorità distrutta. Cosa fare?

Messaggio da Haries Cavalier » 20 agosto 2013, 17:50

Mh ...[ SORRISO, PENIERO ]

A volte i sentimenti ci collegano più di quanto immaginiamo e non ci rendiamo conto che tutti proviamo le stesse Emozioni, Stati d' Animo ...
come sostengo ...

La mai Storia è semplicemente una storie come le altre ma c' è qualche cosa che le accomuna seppur sono diverse e straordinarie l' una dall' altra : sono i sentimenti, le emozioni che proviamo ... è il Filo dei Sentimenti che ci accomuna .

Fammi sapere di te se vorrai, io sono qui come posso e con le mie limitazioni ;)

Un saluto,

Haries C.
La gente ha dimenticato l' Arte del saper Ascoltare ma ha imparato in modo crudele a Giudicare senza conoscere chi, gli sta difronte ...

Rispondi

Torna a “Nessuno può capire il mio star male...”