COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 6 luglio 2012, 22:44

Vedi Gufo? Ho scritto in qualche post precedente che sei saggio a non insistere su certi argomenti .... E TU TI VUOI SUICIDARE ??? E QUALCUN ALTRO CHE DOVREBBE FARE ? Perché chi dovrebbe suicidarsi non lo fa e chi è bravo e saggio invece è convinto di doverlo fare ?

Ho capito male o stai indirettamente dicendo che dovrei uccidermi?











Perché , a prescindere dal mio passato e dalla mia condizione psicologica attuale, rischi il ban a vita se vai su un forum come questo a dire alla gente di ammazzarsi
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 8 luglio 2012, 9:22

Vedi Gufo? Ho scritto in qualche post precedente che sei saggio a non insistere su certi argomenti ..E TU TI VUOI SUICIDARE ??? E QUALCUN ALTRO CHE DOVREBBE FARE ? Perché chi dovrebbe suicidarsi non lo fa e chi è bravo e saggio invece è convinto di doverlo fare ?
Vedi Gufo? E' chiaro che ti riferivi a quello che avevo appena scritto.
A cos'altro mai avresti potuto riferirti..dai...

per favore Amore, evita i giochini..

Mi son sentito preso in causa perché è evidente che ti riferivi a me...


Chi altro è che dovrebbe suicidarsi secondo te? Ti riferivi a qualcuno che conosci? Ma per favore.
Ero l'unica altra persona che partecipava alla discussione ... almeno ammetti di aver scritto una cattiveria...

Ho scritto che rischi il ban ed è assolutamente vero. Sei stata richiamata più volte.
A me personalmente non importa se ti bannano o no però non puoi lamentarti se poi la gente risponde alle tue offese e cattiverie...




PS: ti ho definito razzista perché fai discorsi razzisti. Mi sembra una cosa innegabile.
Quanto al fatto che spesso e volentieri eviti di argomentare logicamente ed offendi è lampante, ti devo citare tutti i post in cui l'hai fatto?

E' molto diverso che dire a uno che ha ammesso di far uso di stupefacenti che è fatto solo perché non si condivide ciò che si scrive.

Davvero non ti rendi conto che sei continuamente offensiva, non solo con me ma con tantissimi utenti.

Sei supponente , credi di sapere tutto. Giudichi gli altri e ti permetti pure di offenderli....

Fossi nei panni dei moderatori, prenderei qualche provvedimento... l'ho detto e lo ripeto.
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 8 luglio 2012, 9:43

Che tu faccia uso di alcol ed eroina l'hai apertamente dichiarato tu stesso e non me lo sono inventata io.
Mi vuoi spiegare che cosa centra questo adesso?

Mi hai già offeso abbastanza facendo leva su questo argomento.. E meno male che eri venuta a scrivere nel mio 3d sull'alcol che dal momento in cui avevi letto certe cose sul mio conto avevi l'impressione di comprendermi meglio....

Invece nei successivi post non hai fatto altro che sottintendere che sono un drogato e di conseguenza scrivo cose incomprensibili....

Ma vorrei sapere, cosa diavolo ne sai tu di me?


Mi definisci ingenuo, stupido, tossico...
E se io dico che fai dei discorsi razzisti (chi è che ha scritto che la crisi del lavoro è causata dai rumeni?) ed omofobi (ma chi è che ha scritto che i gay si auto-ghettizzano, amore) ti offendi?

Fatti un bell'esame di coscienza...
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 9 luglio 2012, 15:38

Va be' lo saprai tu che diavolo volevi dire continuando a parlare degli stranieri in relazione alla crisi del lavoro quando io cercavo d'introdurre altre tematiche, quelle che per me son le vere cause delle crisi e per questo mi hai detto , senza argomentare come al solito che il mio è il classico ragionamento della massa....
E le allusioni sugli africani nel 3d di qualche mese fa... e i discorsi sugli islamici? avrò interpretato male

Quale soddisfazione? Guarda che io e te evidentemente ragioniamo proprio in termini diversi... Ti ho già detto che per me è indifferente se ci saranno conseguenze o no. Ma su questa cosa non posso proprio passar sopra. Ho già sopportato offese gravi, ma che i si dica (seppur sottintendendolo) di andarmi ad ammazzare proprio no

Mi basterebbe che tu facessi un passo indietro. Scrivendo che ti è scappato e non lo intendevi sul serio.... Ma no, ovviamente ti limiti a dire che me ho interpretato male.... c'era poco da interpretare nel tuo messaggio.

PS: mi riferivo al fatto che sei stata ripresa. Ma dovresti ripensare anche al modo in cui in passato ti sei rivolta a molti utenti. Tipo Davide o Eddd... che magari non sono suscettibili quanto me.... insomma devi riflettere sul fatto che se tutti facessero come te questo su forum sarebbe impossibile scrivere...
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 9 luglio 2012, 16:15

Io non ho mai offeso nessuno, né ho mai giudicato direttamente le persone, se qualche volta è successo non è mai stato per il gusto ebete di offendere ma aveva una sua finalità, come è capitato ultimamente con Gufo, che, essendo una persona intelligente e avendo già da qualche mese stabilito un dialogo con me, ha compreso ed è stato pure gentile e in qualche modo d'accordo con quanto da me espresso. Più di qualche mio intervento è stato anche molto apprezzato dal destinatario, sia che fosse "vigoroso" oppure dolce e gentile.
Ho capito dove vuoi andare a parare, e non c'era bisogno, per capirlo, che ti riferissi alla dottoressa di un altro forum che mi ha "richiamato": avevo già capito che vuoi approfittare di ciò per toglierti qualche soddisfazione ! Sai almeno come si chiamano le persone che agiscono così ?
Come si chiamano amore.

Che tu non abbia mai offeso nessuno non è vero e lo sai benissimo anche tu.... oppure soffri di amnesia...

Per il resto, che tristezza. Pensi che ti abbia segnalata alle moderatrici, pensi che complotti per farti qualche danno? ... sei fuori strada... totalmente...

Difatti ho scritto direttamente a te, seppur in una discussione pubblica, che rischi il ban.. basandomi sulla mia personale sensibilità ma anche sul buon senso....
L'ho scritto in due discussioni a tuo beneficio. Ma anche perché speravo di sentirti ammettere che quello che mi hai scritto... sia riguardo alle mie passate dipendenze che al suicidio non è stato per niente carino... e che hai superato il limite

Quello che hai ancora capito è che non sono una persona meschina...

Io posso fare l'elenco di tutti i miei difetti, ma a che serve se tu ti rivolgi agli altri con piglio di superiorità, sempre come se non vivessi una condizione umana...

Ti ricordo anche che nella discussione amore, e in un'altra che ho abbandonato, le polemiche sono nate da te. . Se non mi credi basta che ti vai a rileggere i miei primi interventi (che non sono stati modificati, come molti dei tuoi - dovresti ammettere almeno che a volte scrivi cose di cui poi ti penti... altrimenti non li modificheresti, no? ) e le tue risposte....

Da un lato inciti al dialogo. Dall'altro lo eviti. Chi conosce qualcosa di te.... di ho invitato una volta a metterti in gioco e parlare di te anziché evidenziare i difetti di tutti gli altri... ma non mi hai risposto malamente... va bene... ma c'è un limite a quello che puoi dire sul mio conto, soprattutto visto la difficile situazione che sto vivendo... e spero che tu capisca
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Qualche riflessione...

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 9 luglio 2012, 20:18

Buongiorno a tutti.

amore ha affermato di avere una depressione rabbiosa. Forse è per questo che ogni tanto amore sfoga la sua rabbia, consapevolmente o inconsapevolmente, anche in questo forum.

Avere il nikname amore e avere una depressione rabbiosa è un ossimoro interessante e significativo.

Mi è sfuggito il messaggio in cui amore diceva a leo di andarsi a fare ammazzare, altrimenti sarei intervenuta.

Se amore non vuole aprirsi è un suo diritto.

Rabbia e rancore sono emozioni e sentimenti umani, pensate che sia utile mantenerli a lungo?

Aprirò un nuovo argomento sulla depressione rabbiosa per chi lo volesse utilizzare.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 9 luglio 2012, 21:22

Da parte mia non c'è nessun rancore.

E, mi riferisco direttamente ad amore, che tu ci creda o no non ho mai postato in una conversazione con l'intento di aggredirti (cosa di cui mi hai accusato).. per scrupolo mi son andato a rivedere anche le vecchie discussioni...


Che poi abbia risposto con tono acceso ad alcuni tuoi post è un altro conto, ma vatti a rileggere i contenuti dei tuoi post....

Su questo forum non ho mai litigato con nessuno, che io ricordi ... e in effetti ha ragione la dottoressa quando dice che tu puoi scegliere di non raccontare nulla su te stessa. Ti suggerirei comunque di evitare certe frasi, leggendo i tuoi messaggi, per tua stessa ammissione ami rendere più 'vivace' la conversazione utilizzando toni forti..
Anche a me piacciono le discussioni brillanti.. il problema è che i tuoi toni forti spesso contengono frasi che si possono interpretare come offese, più o meno dirette, e giudizi di chi è superiore agli altri... (cosa che peraltro hai scritto.... dirette a diversi utenti. Alcuni reagiscono male, altri no.
Mi ripeto, spero di non annoiarti: se tutti facessero così non ci sarebbe molto spazio la civile convivenza su questo forum.

E con questo spero di aver dato un qualche genere di contributo costruttivo...
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

PER PIACERE, RISPETTIAMO L'ARGOMENTO

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 10 luglio 2012, 23:11

Ricordo a tutte e a tutti che l'argomento specifico di questo forum sulla depressione è: "Cosa significa per me il suicidio".

Questo spazio è aperto a un dialogo e scambio su un certo argomento, non sulle qualità o i difetti degli utenti, peraltro utenti virtuali che non si conoscono nella realtà polidimensionale formata non solo dai pensieri e dalle parole scritte, ma anche da vista, tatto, udito, olfatto, gusto, sensazioni corporee (a meno che qualcuno di voi si conosca davvero concretamente).

Non vorrei essere costretta a cancellare qualche messaggio che esce fuori tema.

Grazie a tutti e a tutte voi per la collaborazone.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

Martina F.
Messaggi: 3
Iscritto il: 8 agosto 2012, 20:04

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da Martina F. » 8 agosto 2012, 20:42

Io ci ho pensato qualche volta, ma la tristezza non può impedirci di vivere! Mi è capitato di vedere un video che mi ha strappato mille lacrime: parlava di un ragazzo senza nemmeno un arto, che invitava gli altri a vivere pienamente la propria vita, perchè, per ciò che ne sappiamo, abbiamo solo questa, e lo faceva con una gioia di vivere disarmante. A me da forza anche solo sapere che ci sono altre persone che provano quello che provo io, che si sentono come molto spesso mi sento io. Per quanto questo maledetto mostro ci divori, noi dobbiamo fargli capire che nulla è impossibile per noi. Io non voglio morire finchè non sarà ora, e se non riesco a costruire qualcosa per me, farò qualcosa per gli altri. La beneficenza mi fa stare meglio, vedo persono che non hanno niente ma sono felici di vivere, e stare con loro aiuta, in tutti i sensi.
Purtroppo qualcuno ci pensa troppo spesso, e qualcuno si toglie anche la vita. Vorrei che non fosse così. Se queste persone che stanno male trovassero altre persone come loro forse potrebbero sentirsi leggermente meglio, o comunque non sole o inutili. Tutti possiamo avere un ruolo su questa terra, e nessuno di noi è inutile.
Martina F.

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 18 agosto 2012, 20:04

Buon giorno a tutte e tutti.
è molto interessante quello che scrive Martina, in effetti ci sono poersone che, pur essendo menomate, anche gravemente menomate e con gravi handicap, trovano dentro di loro una grandissima energia ed addirittura stimolano quella delle persone che stanno vicino a loro.
Il volontariato permette di aiutare gli altri meno fortunati ed arricchisce chi lo fa.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

leo
Messaggi: 402
Iscritto il: 25 ottobre 2005, 13:36
Località: E.R. - Italia

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da leo » 20 agosto 2012, 5:32

Viceversa ci sono persone che stanno benissimo, almeno dal punto di vista fisico, ma non riescono a trovare l'energia nemmeno per pettinarsi una volta svegli.

Tutto questo sottointende a significativi quanto delicati processi neuro-chimici dei quali al momento abbiamo una conoscenza limitata...

Il post scritto da Martina è molto bello ma non credo che rappresenti la situazione nella sua interezza....
Mi è capitato di parlare con un ragazzo tetraplegico, e sebbene non l'abbia detto esplicitamente non credo , almeno stando alle sue parole, che volesse vivere ancora in quelle condizioni.
Di sicuro non aveva più energia da donare al mondo.
E posso capirlo.
"Pago la rimozione/ nessuna reazione
Per questo Lula non vince quasi mai" M.C.

Avatar utente
sam80
Messaggi: 14
Iscritto il: 13 novembre 2012, 20:53

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da sam80 » 13 novembre 2012, 22:09

Pur credendo al fatto che la dopo la morte non ce nulla, solamente lo spegnimento delle funzioni celebrali e quindi il nulla, attualmente vedo il suicidio come un immagine di libertà, anche se la mia visione credo sia errata e data dal mio stato d'animo e dalla mia situazione attuale.

Avatar utente
Farfallo
Messaggi: 120
Iscritto il: 23 ottobre 2012, 22:09

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da Farfallo » 19 novembre 2012, 0:21

Per quanto mi riguarda, ho conosciuto due diversi significati per la mia idea suicidaria:

la prima è quella netta, senza ragionamenti, previsioni, implicazioni con i familiari. E' quella che io ho messo in atto. Il motivo era semplice (23 anni fa), ero talmente depresso, da non riuscire a sopportare il dolore oramai atroce di esistere.
Dal punto di vista tecnico, non m'interessava il modo fisico di morire o il dolore, nè la conservazione del corpo. M'interessava solo che la tecnica funzionasse.

La seconda, a distanza di 20 anni, è dipesa da una crisi depressiva assai più lieve, ma pur sempre dolorosa (dice il saggio: anche poca deplessione è semple tloppa...), accompagnata da uno stato ansioso e ipocondriaco riconosciuto non subito.
In questa cisrcostanza la mia idea suicidaria era: "come farò a vivere in queste condizioni? Come farò ad afffronatare le difficoltà della vita?".
In questo caso però meditavo però una tecnica di 'eutanasia. Tenevo conto dei familiari e delle condizioni in cui sarebbe stato trovato il mio corpo.
Quando ho ho visto che la stavo facendo troppo difficile, ho capito che era un bluff. Era una via di fuga dal presente, o un rinvio sine die. Avete presente quelle persone riccastre dei film che tengono un a rivoltella in un cassetto? Non pensano di usarla, però non si sa mai..

Ponendo a confronto queste mie due esperienze, definisco la prima "proposito di suicidio", la seconda "immaginazione suicida".
La lotta alla depressione si prepara quando stiamo bene;
è come un arsenale: dev'essere pronto, quando arriva la guerra
.

zingara
Messaggi: 5
Iscritto il: 27 ottobre 2012, 1:13

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da zingara » 21 novembre 2012, 16:25

Se ne dicono di cavolate come quella che sento ripetere che se si pratica il volontariato fa bene al depresso! Vuol dire non aver compreso qual è lo stato d'animo di chi vuol solo morire (depresso o no). L'aspirante suicida odia la propria vita ed è nauseato degli altri che non vorrebbe vedere più, altro che volontariato. Ognuno ha le proprie motivazioni per morire più o meno gravi, il resto dipende dal coraggio di una persona o anche dal contesto di vita perché ci sono persone talmente sfortunate che non possono neanche suicidarsi nel momento che vorrebbero.
Ultima modifica di zingara il 21 novembre 2012, 20:29, modificato 1 volta in totale.

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Re: COSA SIGNIFICA PER ME IL SUICIDIO

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 21 novembre 2012, 19:45

Salve, mi rivolgo in particolare a Zingara.
Non è che chi è un po' depresso se fa una professione di aiuto sta meglio, ma si è riscontrato che una significativa parte delle persone che fanno professioni di aiuto - medici, infermieri, volontari, sacerdoti, missionari - hanno avuto sofferenze psichiche e in seguito al lavoro intrapreso riferiscono di essere cambiati in meglio.
Altra cosa sono le forme gravi di depressione, comprese quelle in cui si manifestano rabbia,disperazione e nausea per la vita e per gli altri.
E tutti voi che ne pensate?
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

Rispondi

Torna a “Depressione”