l'amante....

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Rispondi
maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

l'amante....

Messaggio da maja » 1 dicembre 2009, 13:08

Noto con molto piacere che la Dott.ssa Aronica, partecipa attivamente ad ogni quesito... pero'... complimenti!

Il mio problema... cerchero' di sintetizzare il piu' possibile, spero in risposte magari da chi ha vissuto esperienze simili. Grazie.

Amanti. 2 anni di rapporto. Si parte come tutti, ci si scopre innamorati. In depressione entrambi, per via della clandestinita' e delle famiglie. Io reagisco, dopo aver perso 15 kg in un anno, e dopo un straziante ma breve battaglia, mi separo legalmente.
Lui, come molti gia' sanno, e' ancora a casa. Dimagrito do 20 kg in un anno e mezzo, alterna in soli 5 minuti pianti, risate isteriche, a crisi di panico.
Vive al lavoro per non tornare a casa e affrontare il problema moglie/eventualeseparazione.
Da agosto lo prego di andare da uno psicologo, perche' sono certa che non lascera' mai la moglie, per via di una serie di problemi morali, economici, sensi di colpa etc... la sua e' una lotta contro se stesso.
Da 2 mesi ho troncato ogni rapporto fisico, questo mio rifiuto lo ha infastidito, lo infastidisce. Cosi come lo infastidisce la mia frase " sei in depressione, devi farti aiutare"... ecco, qui scatta in lui non so cosa...
Mi accusa, con ira furiosa e rabbia, di volerlo distruggere psicologicamente, di usare violenza psicologica su di lui, lui non e' ne' pazzo ne' esaurito... lui sa cosa fare...
So che mi ama profondamente, assolutamente certa. So, che vedermi separata e' una sconfitta per lui, vorrebbe fare uguale ma non ci riesce. So, che il mio rifiuto ad incontrarlo lo ha ulteriolmente demoralizzato.
La mia e' una presa di posizione dignitosa, perche' so che non lascera' mai la moglie, e io non posso piu' permettermi di fargli da amante visto che, con immensa fatica, mi sono separata.
Stiamo ore ed ore al telefono, tutti i sacrosanti giorni, tutti.. per sentirgli dire le stesse identiche cose da 2 anni...
Che mi ama, che non riesce a vivere senza di me, che devo aver pazienza...
Non so piu' che sentimento provo per lui...
Non so se, effettivamente, la mia presenza lo soffochi ulteriolmente...
Non so come dirgli che deve sfogarsi con un professionista e non piu' con me...
Non so se, facendogli certe asservazioni, faccio violenza psicologica...
Non so come giustificare i suoi comportamenti, davanti a continui rifiuti da parte mia, e' sempre qui a cercarmi. Mi accusa e dove 2 secondi mi chiede scusa. Sono la sua unica volvola di sfogo, unico appiglio per non sprofondare nell'abisso... questo l'ho capito...
Se lo mollo, come vorrei fare sinceramente, dove andra' a finire?

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 1 dicembre 2009, 14:01

Se tu senti il bisogno di "mollarlo", fallo a prescindere da dove lui potrebbe finire. Ti sei separata per lui, hai fatto delle scelte, pur soffrendo anche tu. A lui queste scelte stanno costando di più, o forse è meno forte di quanto lo sia tu. In ogni caso, è chiaro che tu stia reagendo dignitosamente ed è giusto che pensi alla tua vita anzichè fare la crocerossina a vita con lui.
Perchè tutti questi sensi di colpa, tutte queste difficoltà da parte sua? sò che non è bello veder fallire un matrimonio, ma lui ha te, non resterà da solo. La possibilità di essere felice ce l'ha, perchè non la coglie? questo mi fa pensare che lui preferisca vivere perennemente in un limbo anzichè prendere una decisione drastica.

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 1 dicembre 2009, 20:09

La decisione drastica la vuole prendere, e' mesi e mesi che dice che deve darsi una mossa...
Ma, dice una cosa e ne fa un'altra.
Dice che vive separato in casa da un anno, dice che parla alla moglie di separazione... pero?
Pero' e' sempre a casa sua... giusto???
Oppresso, da cio' che vorrebbe e cio' che sa di non poter avere.
Oppresso da forti sensi di colpa, da problemi economici, da cultura ed educazione.
Ho gia' sentito, qui, mille e mille di queste storie tra amanti... hanno tutti lo stesso epilogo. Si resta a casa per il bene dei figli, la moglie economicamente dipendente, la vergogna, i dubbi di fare la cosa sbagliata...
Ogni giorno, da piu' settimane, e' un mio continuo smontargli ogni progetto, fargli capire che qui non c'e' piu' posto per lui... Non piu' a queste condizioni, e con un rapporto solo verbale...
Adesso a lui servo solo per sfogarsi.... come fossi uno psicologo...
E' depresso e non vuole accettarlo...

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 1 dicembre 2009, 22:35

Allora forse dovresti accantonare la faccenda.
A me sembri molto stufa di tutto questo. Che ne dici di ricominciare da te? :wink: torna ad essere una donna libera e re-inventa la tua vita. Lui è abbastanza grande da poter pensare da solo a se stesso.

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 2 dicembre 2009, 10:55

Sono stanchissima, dire stufa e' riduttivo...
Non stanca di lui, sono... cioe', ci siamo amati in maniera folle, con lui ho provato un sentimento cosi' forte da non poterlo descrivere. Sono innamorata ancora? Non saprei...
Confondo il sentimento. Non so se sto ancora a sentirlo, per un senso di compassione o perche' lo amo ancora.
Ho passato mesi, mesi e mesi, in un incubo. Non dormivo, non mangiavo, piangevo anche davanti al bicchiere, mi si stringeva la gola tanto da non poter parlare... Mai passato un periodo piu' brutto nella mia vita...
Quasi un anno cosi, peggiorato e appesantito da tutto cio' che gira attorno ad una separazione... coniuge, liti, famiglie di mezzo, parenti, opinioni, consigli... un inferno apocalittico.
Ho superato tutto, con dignita' e senza l'aiuto di nessuno. Solo tutti quelli di questo forum, uniche persone a sentirmi sfogare e a darmi consigli al di sopra delle parti...
Adesso e' lui nella mia stessa condizione, anzi peggio.
E' senza nessuno, nessuno. Ne' fratelli, ne' famiglia, ne' amici. Tutti all'oscuro che il suo problema e' essersi innamorato di un'altra donna...
E' questo il mio nuovo problema.
L'ho amato, forse lo amo ancora, e lasciarlo cosi, in mezzo al mare in tempesta, non so se sia la cosa giusta.
E non so se sia la cosa giusta, stare accanto a lui ancora, lasciargli questo appiglio...
Non capisce la sua depressione, non vuole accettare.
Ho provato a staccare, completamente, ma mi accorgo che appena lo mollo 2 giorni la sua condizione peggiora. Peggiora nel senso che piange terrorizzato al telefono appena riesce a sentirmi, terrorizzato al pensiero di perdermi. Ha forti crisi di ansia. Malinconia... Mentre e' piu' sereno se puo' sentirmi tutti i giorni. Ride, parla piu' serenamente dei problemi che ha, senza piangere....
Vorrei che andasse dallo psicologo, non per riuscire a separarsi, perche' so che ha grossi problemi, ma per lui... per capire come calmare questa sua battaglia interiore... mi spiego? Magari riuscire a venire a capo del problema, riuscire a trovare la sua strada cosi come ho fatto io. Scegliere, non rimanere inchiodato al bivio, scegliere di restre solo, separarsi, ricominciare con la moglie...
Come si fa a convincerlo, non essendo nella condizioni di portarlo di peso da uno psicologo, essendo accusata di dargli del pazzo esaurito, e davanti ad un uomo che dice di star bene???
Mi direte... lascialo stare, decidera' lui...
OK, seguo il consiglio. Ma, chiedo a chi e' stato in depressione: Se vieni mollato completamente da tutti, reagisci o ti lasci sprofondare di piu'? Come reagisce un depresso?
Lui, da un mesetto, quando e' furibondo e fuori di testa, dice una cosa che non mi piace.... Cosa devo fare??? Dimmi cosa devo fare??? Mi devo tirare un colpo in testa??? Solo questo mi e' rimasto!!....
Ecco, capite? Sta iniziando a pensare a cosa??? Mi do un colpo in testa... E lui la pistola ce l''ha davvero... nella fondina, tutti i giorni...
E' per questo che evito di insistere sulla sua depressione, perche' e' proprio la mia insistenza a trattare l'argomento,ad urtarlo di piu'. Lo lascio sfogare, per farlo sentire meglio, per dargli cio' che vuole.
Ma questo mio "accomodamento" gli fa bene o male vista la condizione?

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 2 dicembre 2009, 14:20

Sono certa che riuscirai a far luce dentro di te e capire cosa è meglio fare. La cosa più "triste", se mi permetti, è che un nuovo amore anzichè portare gioia devasti due persone in questo modo. Non so, non mi sembra "sano".
In bocca al lupo :wink:

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 2 dicembre 2009, 17:59

Hai perfettamente ragione.
Ho preso coscienza di questo, l'amore deve render felici...
E questo amore e' insano per entrambi...
Mi dispiace per lui, che non riesce a capire nulla. Neanche se stesso.

Rispondi

Torna a “Depressione”