Bourout e non so cosa fare

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Rispondi
soniadr78
Messaggi: 1
Iscritto il: 28 novembre 2012, 21:13

Bourout e non so cosa fare

Messaggio da soniadr78 » 28 novembre 2012, 21:28

Buona sera, scrivo per ricevere qualche consiglio.
Sono, insieme ad una coppia sposata, la propietaria di un asilo nido.Inizialmente questo lavoro mi entusiasmava, il rapporto con i miei soci è sempre stato un pò controverso da una parte ho visto e ancora vedo in loro "una guida" su come svolgere al meglio il mio lavoro, dall'altro mi pesa il fato che loro sono una coppia, molto esigenti, molto dediti al lavoro... recentemente si sono verificati dei problemi con l'attività che spero si risolvino e indipendenti dal nostro rapporto di lavoro, io mi sento depressa, quasi "odio" i miei soci, non sopporto più i bambini, appena arrivo a lavoro non vedo l'ora di andarmene, sento dentro di me molta rabbia, stiamo lavorando molto, ( anche dieci ore al giorno) e questi miei soci non si sono comportati sempre candidamente con me, ma in modo particolare da quando abbiamo fatto un corso d'aggiornamento che questa cosa è peggiorata, durante quel corso si è parlato di motivazione al lavoro, io mi son sentita cadere in un baratro è chiaro che non lavoro solo per lo stipendio,mi piace quel che faccio, mi piacciono i bambini, è che non riesco a farne il centro della mia vita, mentre per i miei soci è quasi una missione e cosi tra stanchezza,rabbia, e tutti questi sentimenti negativi arranco, mi trascino giorno dopo giorno,ma non mi sento più "io",anche a casa il pensiero corre al lavoro,vorrei qualche consiglio su come uscire da questo circolo vizioso...
Grazie mille!

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Re: Bourout e non so cosa fare

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 3 dicembre 2012, 18:27

Salve Soniadr78,
credo che sia molto saggio non fare del proprio lavoro il centro della propria vita. Il lavoro, la persona amata, gli hobbies cambiano nel tempo, l'importante è che l'essere umano abbia delle motivazioni in se stesso per vivere. Se il centro della propria vita è un qualcosa di caduco è chiaro che prima o poi si cadrà insieme ad esso.
Le sue problematiche credo non siano legate al lavoro che fa o alla collaborazione con i suoi soci, ma a qualche suo nodo interiore che è rimasto irrisolto e che preme per essere sciolto.
Lei che ne pensa?
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

Rispondi

Torna a “Depressione”