Non ce la faccio + a vivere

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Avatar utente
LEFTFIELD
Messaggi: 402
Iscritto il: 26 luglio 2006, 23:52

Re: E cosa provi a vivere come me?

Messaggio da LEFTFIELD » 30 giugno 2008, 19:57

so che si puo fare terapia nelle strutture pubbliche .
anche io ho problemi di soldi . e anche io cerchero' nelle strutture pubbliche di fare terapia..

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 1 luglio 2008, 13:07

Salve Maya 69,
la gravidanza, il parto, l'allattamento e l'educazione di un figlio sono tutti fattori stressanti, e attualmente lei sta vivendo sotto un notevole carico di stress. Prima di tutto deve pensare a trovare un equilibrio miglore. Visto che attualmemnte lei non è in grado di permettersi una psicoterapia, sarebbe bene che lei contattasse uno psichiatra, cioè un medico specializzato nella cura dei disturbi psicologici con i farmaci. Le consiglio vivamente di buttare via il Valium! Le fa solo del male, non è un farmaco adatto al suo caso. Una volta che lei, aiutata dalla cura farmacologica, avrà ripreso energia, sarà in grado di trovarsi un lavoro e magari potrà anche iniziare una psicoterapia, che la aiuterà sicuramente. Provi inoltre a informarsi presso la sua ASSL se c'è un servizio psicoterapeutico convenzionato.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

maya69
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giugno 2008, 3:05

Non ho più fiducia nei farmaci

Messaggio da maya69 » 2 luglio 2008, 3:07

dr.ssa Aronica ha scritto:Salve Maya 69,
la gravidanza, il parto, l'allattamento e l'educazione di un figlio sono tutti fattori stressanti, e attualmente lei sta vivendo sotto un notevole carico di stress. Prima di tutto deve pensare a trovare un equilibrio miglore. Visto che attualmemnte lei non è in grado di permettersi una psicoterapia, sarebbe bene che lei contattasse uno psichiatra, cioè un medico specializzato nella cura dei disturbi psicologici con i farmaci. Le consiglio vivamente di buttare via il Valium! Le fa solo del male, non è un farmaco adatto al suo caso. Una volta che lei, aiutata dalla cura farmacologica, avrà ripreso energia, sarà in grado di trovarsi un lavoro e magari potrà anche iniziare una psicoterapia, che la aiuterà sicuramente. Provi inoltre a informarsi presso la sua ASSL se c'è un servizio psicoterapeutico convenzionato.
Di spicofarmaci in passato ne ho presi tantissimi e a meno che non ne abbiano inventati di nuovi non reagisco bene a quelle cure, di solito mi mettono ansia fortissima, mancanza di respiro e smania alle gambe tanto da non poter stare ferma. Il valium lo so che non mi cura ma almeno mi aiuta a riprendere il respiro quando mi manca. Per quanto riguarda il fattore gravidanza è quello che penso anche io anche se non posso avere la certezza matematica che non potrebbe essermi di aiuto nel gettare al vento una volta per tutte medicine e paure. Però oramai aspetterò settembre per informarmi su qualche psicoterapeuta o psichiatra che sappia seguirmi seriamente perchè se non se ne va questo maledetto caldo con la pressione a 55/80 non me la sento di uscire di casa. La ringrazio dei consigli ed anche in questo caso si presenta un'altra occasione per dire :non lo poso fare, io perchè sono così non sono in grado di avere un figlio!Grazie ancora Daniela

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 2 luglio 2008, 22:30

Salve Maya69,
che tipo di farmaci ha preso in passato? Ansiollitici o antidepressivi?
Certamente il mix di caldo e aria inquinatissima fanno stare male un po' tutti, e chi ne risente di più sono le persone che già sono molto sotto sress.
Per quanto riguarda la pressione bassa che ne pensa di prendere del magnesio e potassio? Potrebbe anche succhiare della liquerizia, che alza la pressione.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

maya69
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giugno 2008, 3:05

Tanti antidepressivi

Messaggio da maya69 » 3 luglio 2008, 2:19

dr.ssa Aronica ha scritto:Salve Maya69,
che tipo di farmaci ha preso in passato? Ansiollitici o antidepressivi?
Certamente il mix di caldo e aria inquinatissima fanno stare male un po' tutti, e chi ne risente di più sono le persone che già sono molto sotto sress.
Per quanto riguarda la pressione bassa che ne pensa di prendere del magnesio e potassio? Potrebbe anche succhiare della liquerizia, che alza la pressione.
Gentile Dottoressa di antidepressivi ne ho presi davvero tanti anche se magari nel modo sbagliato e non propriamente per colpa mia. Ho anche cambiato tanti medici in passato forse perchè mi sembrava che agissero con troppa superficialità: il tal farmaco le da effetti troppo forti? allora provi questo e tra 15 gg ci rivediamo ... dopo 15 gg magari me lo cambiavano ancora. Ricordo prozac, efexor, fluoxeren, cimbalta, zoloft,tritttico e qualche altro che era indicato per il trattamento di crisi epilettiche ma non ricordo il nome ... sono stata solo male con tachicardia a 1000 o troppa sonnolenza oppure insonnia, tremori ... insomma non ne ho proprio la forza ora per riprovarci e poi mi fossero serviti a star meglio! Per la pressione bassa prendo integratori tipo supradin o polase e un paio di flaconcini di mag2 al giorno ... gli ansiolitici anche con quelli ho fatto il giro:lexotan,en ed altri ora con il valium mi trovo meglio per il solo fatto che quando sento che mi manca l'aria e mi si chiude lo stomaco ne metto 10 gocce sotto la lingua e forse sarà l'effetto placebo ma sentirne il sapore già mi tranquillizza ... so che esistono degli antidepressivi molto blandi (mi ricordo che uno dei primi presi è stato il denibam) ed anche se sono passati 14 anni mi sembra che avesse effetti benefici anche sull'ansia. Magari potrei sentire la mia dottoressa che da anni mi sprona a lascire tutte le medicine sennò non vivò + ... ed ha ragione! Qualsiasi consiglio lei voglia gentilmente darmi lo accetto davvero con tutto il cuore.
PS: la colpa al caldo la posso dare di sicuro ma all'aria inquinata non credo, vivo in aperta campagna circondata solo dal verde e dai miei animali che adoro! Ancora grazie

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 3 luglio 2008, 12:56

Salve Maya69,
ricordi che gli psicofarmaci vanno prefribilmente prescritti da uno psichiatra, ovvero un medico che è specializzato proprio nella cura dei problemi psicologici con gli psicofarmaci. Un bravo psichiatra è in grado di comprendere le problematiche della persona che ha di fronte con un colloquio di almeno mezz'ora. Nelle strutture pubbliche di solito la diagnosi psichatrica viene integrata con una diagnosi psicologica, fatta con uno o più colloqui con uno psicologo e test psicologici. Alla fine dell'indagine lo psichiatra capirà se la persona che ha davanti ha bisogno o meno di questi farmaci. Chiederà di essere ricontattato, anche per telefono, dopo 15 giorni dall'inizio della cura, o prima se qulcosa non va bene, per adattare meglio la cura stessa.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

maya69
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giugno 2008, 3:05

Forse non mi sono spiegata bene

Messaggio da maya69 » 3 luglio 2008, 16:26

dr.ssa Aronica ha scritto:Salve Maya69,
ricordi che gli psicofarmaci vanno prefribilmente prescritti da uno psichiatra, ovvero un medico che è specializzato proprio nella cura dei problemi psicologici con gli psicofarmaci. Un bravo psichiatra è in grado di comprendere le problematiche della persona che ha di fronte con un colloquio di almeno mezz'ora. Nelle strutture pubbliche di solito la diagnosi psichatrica viene integrata con una diagnosi psicologica, fatta con uno o più colloqui con uno psicologo e test psicologici. Alla fine dell'indagine lo psichiatra capirà se la persona che ha davanti ha bisogno o meno di questi farmaci. Chiederà di essere ricontattato, anche per telefono, dopo 15 giorni dall'inizio della cura, o prima se qulcosa non va bene, per adattare meglio la cura stessa.
Ogni volta che ho preso psicofarmaci è stato uno psichiatra a prescrivermeli: all'ospedale di Siena c'è un buon reparto ma nessuno mi ha mai fatto fare test psicologici e per quanto riguarda i colloqui mi è capitato di farli in sala d'aspetto (molto professionale vero?) lo psichiatra + accreditatato ti ascolta in una stanza insieme a 4/5 tirocinanti che, per carità, devono pure imparare da qualche parte ma non mettono certo a proprio agio il paziente. L'ultima volta mi ha fatto seguire da una dottoressa che avrà avuto 25 anni al massimo e con lei ho fatto il colloquio in sala d'aspetto, poi mi da una cura e mi chiede di aspettare un attimo che la deve far valutare al medico e quando torna lui aveva cambiato tutti i farmaci e a me viene da pensare solo che non c'è serietà nè competenza, poi iniziano le storie che loro non possono fare le ricette (quelle rosse per intenderci) perchè non possono gravare sul ssl ... insomma io sarò complicata e poco fiduciosa ma con un atteggiamento simile da parte di professionisti a cui ti affidi per problemi che tu ritieni molto gravi ti sembra che questi problemi siano gravi solo per te e che per loro sia semplice routine. Niente contatti telefonici anche perchè quando parli con almeno 2 persone diverse poi non sai su chi puoi fare affidamento. Insomma ho avuto questa come ultima esperienza nel settore pubblico 3 anni fa e non credo che riprovandoci ora le cose siano migliorate purtroppo gli ospedali sono così, pensi che aspetto una chiamata da malattie infettive dove faccio d-h per avere l'esito di alcuni esami fatti 2 mesi fa, nel frattempo però mi arrivano puntuali i bollettini per pagare il ticket perchè anche se d-h faccio esami gratis ma devo pagare le visite! Dovrò cercare un'altra strada, forse qulche centro + piccolo non lo so ma qui Siena (a 30km) è la città, il resto sono piccoli paesi con pochi servizzi ... Comunque grazie per la precisazione ed io ci tenevo a farle sapere che tutte le cure che ho fatto sono state prescritte da professionisti che lavorano in struttura pubblica o in clinica universitaria (che poi a Siena è la stessa cosa)

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 3 luglio 2008, 20:47

MI spiace che ha avuto un'esperienza così brutta. Purtroppo molti medici che lavorano nelle strutture pubbliche lo fanno male, ma non è sempre così. So che l'ospedale di Pisa è molto qualificato per quanto riguarda i problemi psicologici. Le auguro di poter trovare la persona giusta che la possa aiutare al meglio!
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

maya69
Messaggi: 12
Iscritto il: 29 giugno 2008, 3:05

Messaggio da maya69 » 4 luglio 2008, 3:12

dr.ssa Aronica ha scritto:MI spiace che ha avuto un'esperienza così brutta. Purtroppo molti medici che lavorano nelle strutture pubbliche lo fanno male, ma non è sempre così. So che l'ospedale di Pisa è molto qualificato per quanto riguarda i problemi psicologici. Le auguro di poter trovare la persona giusta che la possa aiutare al meglio!
Ed io la ringrazio di tanto interessamento! Forse un giorno troverò la mia strada ma ho paura che sia una specie di patologia ereditaria:una nonna con ansia forte ed una con grave depressione che quando ero piccola è stata ricoverata a Volterra ma non ne so moltissimo e poi mia madre che mi ha avuta a 19 anni ha avuto quella che oggi chiamiamo depressione post partum ma che all'epoca dato che stava in casa con la suocera (la mia nonna riocoverata che le impediva pure di prendermi in braccio) le dissero che aveva un esaurimento e che doveva andare via da casa della suocera ... dicono che i bimbi nati da madri con baby blues ne risentono ... non lo so, non so + che pensare ... per il momento provo a tirare avanti come ho fatto in tutti questi anni poi forse un giorno mi sveglierò con una voglia e una forza nuova ... peccato gli anni migliori della mia vita siano andati via così! La ringrazio di nuovo e la saluto cordialmente Daniela

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 6 luglio 2008, 18:45

Cara Daniela,
le auguro "Buon cammino"!
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

Rispondi

Torna a “Depressione”