Senza speranza

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Rispondi
kimo
Messaggi: 2
Iscritto il: 5 agosto 2008, 5:18

Senza speranza

Messaggio da kimo » 5 agosto 2008, 5:42

E' da mesi che il solo il pensiero di uscire dalla porta di casa mi mette in una condizione di ansia, i sintomi classici della depressione li ho da anni, dalle terapie allopatiche a quelle farmacologiche, qualche perodo di benessere per poi ricaderci, sempre peggio di prima. Una malattia cronica ed un acufene altamente disturbante ed invalidante mi hanno ridotto nella condizione di non vedere più dove sta il senso di vivere. Se pensare al suicidio significa avere una depressione grave, beh, non ci penso così frequentemente da quando mi sono rinchiuso in casa. Avevo valutato tutte le metodologie, soprattutto perchè sono terrorizzato dal dolore o dal non riuscire nello scopo e rovinarmi fisicamente. Dormire è diventato un lusso, dopo ogni dormita devo trascorrere ore di rilassamento con le cuffie nelle orecchie per attenuare il suono lacerante che mi strazia il cervello. I medici mi dicono che devo conviverci, prima cercavo una soluzione, adesso mi sono rassegnato, come si trattasse di un'altra persona. L'unico affetto che mi è rimasto è mia madre, quando mi vengono brutte idee, mi agrappo al pensiero che le farei troppo male. Allora tengo duro. Il provvisorio è diventata condizione indispensabile per sopravvivere, se penso al futuro, solo a domani, entro in una spirale di panico. Mi aggrappo al presente, adesso; i ricordi del passato mi fanno cadere nella spirale emotiva che mi porta al pianto. Ho cercato di parlare con qualcuno, ma ho trovato solo montagne di consigli, uno più frustrante dell'altro. Il mio tempo si è rallentato, è diverso dal tempo degli altri e vivo come assente da sensazioni. E sono rimasto senza speranza, ma è come se stessi bene in questo non vivere.

Francesca75
Messaggi: 57
Iscritto il: 7 agosto 2008, 11:50
Località: Provincia di Bologna

Re: Senza speranza

Messaggio da Francesca75 » 7 agosto 2008, 14:44

kimo ha scritto:E' da mesi che il solo il pensiero di uscire dalla porta di casa mi mette in una condizione di ansia, i sintomi classici della depressione li ho da anni, dalle terapie allopatiche a quelle farmacologiche, qualche perodo di benessere per poi ricaderci, sempre peggio di prima. Una malattia cronica ed un acufene altamente disturbante ed invalidante mi hanno ridotto nella condizione di non vedere più dove sta il senso di vivere. Se pensare al suicidio significa avere una depressione grave, beh, non ci penso così frequentemente da quando mi sono rinchiuso in casa. Avevo valutato tutte le metodologie, soprattutto perchè sono terrorizzato dal dolore o dal non riuscire nello scopo e rovinarmi fisicamente. Dormire è diventato un lusso, dopo ogni dormita devo trascorrere ore di rilassamento con le cuffie nelle orecchie per attenuare il suono lacerante che mi strazia il cervello. I medici mi dicono che devo conviverci, prima cercavo una soluzione, adesso mi sono rassegnato, come si trattasse di un'altra persona. L'unico affetto che mi è rimasto è mia madre, quando mi vengono brutte idee, mi agrappo al pensiero che le farei troppo male. Allora tengo duro. Il provvisorio è diventata condizione indispensabile per sopravvivere, se penso al futuro, solo a domani, entro in una spirale di panico. Mi aggrappo al presente, adesso; i ricordi del passato mi fanno cadere nella spirale emotiva che mi porta al pianto. Ho cercato di parlare con qualcuno, ma ho trovato solo montagne di consigli, uno più frustrante dell'altro. Il mio tempo si è rallentato, è diverso dal tempo degli altri e vivo come assente da sensazioni. E sono rimasto senza speranza, ma è come se stessi bene in questo non vivere.


Io ti posso solo ascoltare....se e quando avrai voglia di scrivermi....
un bacio ed un abbraccio

kimo
Messaggi: 2
Iscritto il: 5 agosto 2008, 5:18

Re: Senza speranza

Messaggio da kimo » 8 agosto 2008, 4:29

Io ti posso solo ascoltare....se e quando avrai voglia di scrivermi....
un bacio ed un abbraccio
Ti ringrazio cara Francesca, sei molto gentile, è sempre più raro oggi...è una storia lunga, fatta di varie concause che si sono intrecciate ed annodate e mi hanno distrutto. Sentimenti, malattie e di conseguenza anche lavoro che non so più se riuscirò a tornarci, a lavorare intendo. Tempo fa stavo in un buco nero e non avrei mai scritto quello che ho scritto sopra. Non mi interessava farlo. Non stavo più su questa Terra. Adesso ho ripreso un po' a scrivere nelle mie notti insonni e ciò mi da almeno un po' di sollievo. Mi è sempre così difficile aprirmi.
Un bacio ed un abbraccio anche a te.

solasola
Messaggi: 108
Iscritto il: 11 giugno 2008, 22:32

Messaggio da solasola » 14 agosto 2008, 21:38

io penso che parlare, anche solo scrivere che magari è più semplice, serva a molto... pensa che qui ci sono delle persone che ti leggono e condividono con te le tue cose. non voglio darti consigli...

gennaro
Messaggi: 49
Iscritto il: 27 maggio 2007, 13:23

Messaggio da gennaro » 28 agosto 2008, 2:47

Dormire è diventato un lusso, dopo ogni dormita devo trascorrere ore di rilassamento con le cuffie nelle orecchie per attenuare il suono lacerante che mi strazia il cervello.

Scusami, volevo solo domandarti che cosa intendi suono lacerante,
che per caso ti capita di sentire dei fischi alle orecchie quando ti
svegli?

Rispondi

Torna a “Depressione”