depressioni,dubbi, tristezze a 500km di distanza

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Rispondi
Puffa
Messaggi: 2
Iscritto il: 27 agosto 2008, 18:31

depressioni,dubbi, tristezze a 500km di distanza

Messaggio da Puffa » 27 agosto 2008, 19:58

Salve sono nuova del forum,
sono qui a scrivere queste 2 righe perchè sono in confusione.
La mia vita scorreva tranquilla e felice fino allo scorso inverno.Tutto sembrava andare per il meglio ,sembrava che dopo un anno molto stressante in cui mi madre aveva subito un'intervento importante e ben riuscito dopo un andare e venire dall'ospedale, e io non ero riuscita a dare un solo esame all'università le cose avessero ripreso il loro sereno corso..A novembre si era laureato il moroso,con mia grande gioia i miei genitori erano venuti con me alla sua laurea e visto che abitiamo a 500km di distanza è stato bello vedere tutti riuniti .Stiamo da quasi 8 anni insieme e e ci siamo sempre sostenute le mie vittorie erano le sue e le sue mie, ero al settimo cielo , ora toccava a me ero io a dover concludere finalmente l'università( il mio tallone d'achille)..così dopo le feste di natale trascorse felicemente con lui ..mi sono buttata nello studio a capofitto ( ho 30 anni prima o poi dovrò pur finire).Tra me e lui le cose andavano bene tanto che progettavo con il cad l l nostra casa..sognando felice,tutto ciò con qualche litigata perchè ora usciva di più, un pò mi sentivo trascurata...ma nulla di speciale...
Dò gli esami , mi prendo 2 30 e invece di essere contenta ero totalmente indifferente :roll: ...l'apatia si è estesa anche alle amiche.Una viene lasciata dopo anni dal fidanzato e io incomincio a mettere in discussione il mio rapporto...entro in fase di osservazione del mio rapporto... per finire quando lui mi viene a trovare e sto con lui.. .rido scherzo ma è come se qualcosa non va dentro di me... ero arrabbiata in fondo ma non ho pensao un solo attimo di lascirlo... torno dall'aeroporto dopo averlo visto partire,ceno e poi scoppio a piangere, mi prende una vera crisi di panico e non dormo per tutta la notte...un senso di abbandono e vuoto mai sentiti prima..decido cos' di puntoin bianco di lasciarlo, mia madre non capisce che mi succede e mi ha invito a rifletterci...ci ho provato e faccio non l'ho lasciato e ho preso tempo... questo mio essere incerta mi ha buttata letteralmente in un tunnel spero non mangiavo più e non dormivo , 8 kili persi, pianti continui ...ero uno straccio.Con lui riescivo a parlare di quello che mi stava successo ...ero triste, non finivo mai di piangere ma sentirlo mi dava serenità...sapevo di volerlo.Mi illudevo che il peggio fosse passato ma quando è venuto di nuovo a trovarmi, dopo un primo entusiasmo di nuovo che l'apatia che si estende anche nei suoi confronti...lo guardo è lui, dentro sento di volerlo ma non riesco a provare nessun sentimento...il vuoto e da lì il buio... così mi decido ad andare dal medico finalmente... mi dà antidepressivi, minians e una cura per il ferro ,ormai al minimo.Ho deciso di lottare per riprendermi la mia vita, per provare a tornare a star bene con lui perchè è lui che voglio.Questi mesi il mio umore è andato su e giù, altalenante...ci siamo visti diverse volte per più giorni e nonostante la mia ansia pre incontro le cose sono andate bene, mi piace sto bene con lui ma quello che è successo mi ha segnato e tanto....questa estate siamo stati 15gioirni insieme...siamo stati bene, ho riso, giocato ,scherzato fatto l'amore con lui, dormito abbracciati..passato momenti bellissimi... quando sto con lui tutti mi trovano più solare e allegra ..è vero.E' stato un crescendo,sentivo di stare ogni giorno meglio anche se lontana da quello che ero e sentivo prima.Purtroppo però le nuvole, sebbene più rade sono là ancora là, anche se c'è un miglioramento.Ora sono qui sola e la tristezza si fa sentire feroce, le certezze meno certe ...so di volere lui ma non sono come prima..non ho quel senso di pienezza di sempre e pure pensare al futuro, cosa che prima adoravo fare, mi viene difficile non solo riguardo ad una vita insieme ma anche a me. E' come se non avessi più certezze e come se avessi paura che possa risuccedere.E' come se non fossi capace di dare il nome a quello che provo... ciò che so per certo e che non mi ha abbandonato in questi mesi è la convinzione che lui sia quello giusto per me, nonostante i suoi difetti e i miei, nonostante la lontananza... non voglio perderlo, non voglio non essere là nel suo futuro..io voglio lui per me ma non riesco ad avere la serenità di prima, quell'incondizionata fiducia nel futuro che avevo prima.Mi dicono ch ci vuole tempo che è come ricercare tanti tasselli di un puzzle e io ci sto mettendo tutta me stessa..... solo che sto qua a 500km...e poi mi chiedo e se lentamente sia l'inizio della fine....se io lo amassi ancora ma meno??è difficile e stare lontani non ci aiuta, non mi resta che aver pazienza e fiducia..
Scusate lo sfogo
Mary

Rispondi

Torna a “Depressione”