cosa sono queste sensazioni di tristezza?

La depressione si sta sempre più diffondendo nella popolazione di tutte le fasce di età, dai bambini fino agli anziani. È il male oscuro da cui scappare o un messaggio da ascoltare e comprendere?

Moderatore: Dr.ssa Alessandra Aronica

Rispondi
silenzio
Messaggi: 39
Iscritto il: 20 agosto 2006, 0:40

cosa sono queste sensazioni di tristezza?

Messaggio da silenzio » 27 maggio 2009, 14:20

Salve. Ultimamente riflettevo su i passatempi di tuttì noi. Negli ultimi due o tre anni mi sono quasi praticamente isolata a causa di studi, lavoro, delusioni sentimentali e problemi familiari seri. Ho trovato un compagno ora e da quasi tre mesi esco, ma in questi momenti di ansia da esame o comunque ultimamente ho iniziato a pensare che tutto questo andare a mangiare fuori, andare al cinema, uscire non mi esalta, anzi, mi trascino. Sono preoccupata perchè non sono mai contenta di nulla, quando invece dovrei esserlo, ora che ho trovato qualcuno che mi vuol bene e che esco di casa. Sono cosciente che le persone hanno problemi seri, sono cosciente che crescendo se ne affrontano sempre di più impegnativi e dovrei essere felice perchè fino a qualche mese fa pensavo spesso cose lugubri, in ogni mio discorso, tra i pensieri,non c'era battuta che non finiva con il pensare male, senza futuro...i miei parenti tipo ziii pensavano fossi ormai "matta"....sto meglio quindi ora, ma non sono mai contenta di nulla...perchè???Sarò viziata???Sarò triste??Dove sarà la soluzione?

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 27 maggio 2009, 15:10

Salve Silenzio,
da quello che ha scritto mi sembra che lei soffra da tanto tempo. I suoi problemi e la soluzione dei suoi problemi sono dentro di lei. Che ne pensa di recarsi da uno o una psicoteapeuta che la aiuti?
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

silenzio
Messaggi: 39
Iscritto il: 20 agosto 2006, 0:40

Messaggio da silenzio » 27 maggio 2009, 17:05

Grazie della risposta. Ho svolte con due professioniste differenti alcune sedute, ma ho notato che sono stata peggio alla fine, perchè parlare non risolveva le condizione oggettive di disagio che avevo attorno. Ripeto oggettive. Una cosa l'ho capita, molti dei miei disagi provengono da dentro di me ( e alcuni punti chiave li ho capiti), molti dall'esterno, dalla cerchia di persone che ho intorno e non vorrei e quelle che vorrei ma non ho.
Penso spesso ad uno psicologo, perchè come vede vengo in chat e nel forum per il bisogno di comunicare, ma andare sistematicamente da una persona, in un giorno e in un tempo prestabiliti mi crea maggiore negatività a dire il vero. Ho bisogno di sostegno in alcuni momenti rispetto ad altri, ma servirebbe qualcuno che mi conosce da tempo e questa persona ovviamente non ci sta.Non posso più sobbarcare di problemi le amicizie, non vivo bene io, non faccio stare bene loro, le sto perdendo tutte.Non voglio appesantire il mio compagno.

Può consigliarmi un'altra alternativa o possibile organizzazione per trovare appoggio ed equilibrio nei momenti delicati?

La ringrazio

Dr.ssa Aronica
Messaggi: 822
Iscritto il: 10 aprile 2006, 14:28

Messaggio da Dr.ssa Aronica » 27 maggio 2009, 22:15

Salve silenzio,
non conosco altre alternative possibili. Solo dopo un lavoro psicoterapeutico profondo, fatto per un periodo lungo, con frequenza costante, potrà ottenere dei miglioramenti. Quando arrivano i momenti critici il nostro organismo entra in uno stato di stress, e se lo stato di stress è abitualmnte alto, come credo sia il suo caso, i nodi saltano al pettine ed emergono tutte le negatività. Le auguro che un giorno lei sia pronta ad affidarsi ad uno - una esperta e che possa così imparare a godere della sua vita.
Dr.ssa Alessandra Aronica, psicologa e psicoterapeuta, moderatrice di questo forum

Avatar utente
tersite
Messaggi: 573
Iscritto il: 16 dicembre 2005, 12:25
Località: pianeta terra

Messaggio da tersite » 29 maggio 2009, 12:16

silenzio ha scritto: Penso spesso ad uno psicologo, perchè come vede vengo in chat e nel forum per il bisogno di comunicare, ma andare sistematicamente da una persona, in un giorno e in un tempo prestabiliti mi crea maggiore negatività a dire il vero
perchè? perchè l'andare con continuita' da uno psicoterapeuta ti crea cosi' tanto disagio?
e parla uno che ci è andato per 2 anni e quel disagio lo superava :)

Avatar utente
allegra
Messaggi: 1585
Iscritto il: 9 dicembre 2005, 21:11

Messaggio da allegra » 29 maggio 2009, 17:34

In questo periodo non sto proprio bene, anzi sto malissimo, ho le allucinazioni con frequenza maggiore, purtroppo la diminuzione del psicofarmaco non mi copre, così cerco disperatamente aiuto telefonando in continuazione la mia psicoterapeuta, la quale si è arrabbiata molto perciò forse altro giorno è stato ultima seduta fatta assieme a lei. La mia psicoterapeuta mi ha detto che una telefonata non cambia il mio stato d’animo. scusate
:cry: :cry:

Rispondi

Torna a “Depressione”