Pagina 1 di 1

Paura di attività diverse dalla routine

Inviato: 8 febbraio 2013, 17:40
da George84
Salve,

la mia è una situazione nata nel corso degli ultimi 3-4 anni in vari passi. Ho 29 anni.
Per 26 anni, non mi sono mai agitato per nulla: nè per l'esame di maturità, mai per nessun esame all'università (ingegneria) o per qualunque altra cosa. Ho sempre vissuto con una spensieratezza che mi invidiavano tutti.

Tutto è iniziato dopo la laurea, quando mi è stata prospettata la possibilità di iniziare un dottorato di ricerca. Assalito da mille dubbi, la decisione si è protratta per più di un anno, fra sì e no. Assalito da mille dubbi perchè la cosa in sè mi piaceva, ma timoroso della situazione della ricerca in Italia al momento (precarietà per molti anni). Alla fine ho deciso per il no, anche perchè nel frattempo lavoravo.

Nel frattempo, appunto stavo inviando CV in varie città italiane (nella mia area ci sono poche possibilità). Ho fatto colloqui in varie città, diversi dei quali anche con esito positivo. Purtroppo, alla fine non ho mai accettato nessuna proposta perchè preso dall'ansia del trasferimento in un'altra città, della paura di non essere in grado di reggere lo stress legato alla posizione di lavoro. Ogni volta passavo 3-4 giorni col cuore a mille, cercando di convincermi di accettare il posto propostomi, ma alla fine rinunciavo sempre.

Per fortuna, alla fine ho trovato lavoro vicino casa e ho bypassato il problema.

Il problema adesso è che ogni volta che devo affrontare qualsiasi banalità diversa dalla routine quotidiana (andare una giornata a sciare, passare una serata in una città distante un'ora d'auto da casa mia...) il cuore mi batte a mille come quando dovevo decidere se accettare un lavoro fuori città. Spesso, mi assale la paura di non addormentarmi la sera prima e di essere stanco per l'attività del giorno dopo e temo di essere colpito da un colpo di sonno mentre sono alla guida. In effetti, poi, spesso dormo effettivamente poco la sera prima, preso dall'ansia, e arrivo all'appuntamento del giorno dopo con un mal di testa assurdo.

La cosa mi sta condizionando la vita non poco.

Cosa mi consigliate? Secondo voi è il caso che consulti uno psicologo? O posso risolvere il problema da solo?

Grazie

Saluti