vorrei la vostra opinione!

Sezione dedicata alla discussione delle piu' comuni manifestazioni di ansia e alle paure irragionevoli di luoghi, animali, oggetti, persone.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

Rispondi
milu
Messaggi: 8
Iscritto il: 21 marzo 2005, 11:10

vorrei la vostra opinione!

Messaggio da milu » 21 marzo 2005, 11:56

:( ciao è la prima volta che entro in una chat, certamente non sto attraversando un buon momento e sto cercando qualcuno che veramente mi aiuti a risolvere i miei problemi UTOPIA.
Ho 38 anni all'apparenza sembra che vada tutto bene :una bella famiglia, un buon marito dei figli meravigliosi, ed un bel lavoro che mi da' tante soddisfazioni, ma io mi sento veramente triste , sono sposata da 12 anni ,un matrimonio " riparatore" chiamiamolo così , un matrimonio dove la scelta era per la VITA, in un momento in cui nessuno dei due lavorava e con tutte le difficoltà che potete immaginar.Provenivo da una famiglia che ADORO , famiglia che da li' a poco avrebbe affrontato un problema di tossicodipendenza di mia sorella ,un problema che già esistesteva ma che ancora doveva toccare il fondo più profondo .Oggi dopo avere lottato tanto e soprattutto grazie alla sua buona volontà tutto questo è un brutto ricordo, ma che ci ha insegnato quanto fosse necessarial'unione tra noi per combattere la bestia. C'e' da dire che durante la nostra infanzia abbiamo avuto un'altra esperienza 'formativa' mio padre un uomo molto intelligente ,ogni tanto per suoi problemi economici, affettivi personali per tanti anni si ubriacava e così spesso abbiamo assistito a situazioni di litigate ,discussioni, postumi di sbornia e così via è inutile che mi dilungo ancora.Ma tutto questo oggi non c'e più. il mio problema al momento è mio marito un uomo che quando è statto necessario è stato molto disponibile, presente e comprensivo, ma che ha avuto ed ha ancora difficoltà nel decidere cosa fare della sua vita , ha cambiato tanti lavori, alcuni anche che lo portavano fuori per mesi ed io ci sono riuscita a portare avanti la mia famiglia preoccupandomi di non far mancare loro nulla, oggi si è stancato di stare fuori ed ha deciso di rimanere in città cambiando completamente tipo di lavoro ,addirittura abbiamo fatto un prestito per avviare un'attività, ma è subito fallita prima di iniziare così oggi in piu abbiamo anche i debiti e llui cosa fa poco e niente , spesso mi chiede dei consigli ,ma se prima cercavo di aiutarlo eoggi non ho piu voglia, sono stanca di pensare sempre agli altri la vita mi ha insegnato che devo avere pazienza ma io credo di essere arrivata, spesso quando si avvicina mi infastidisco, lui si offende dimenticavo abbiamo anche qualche problema fisico che riguarda lui dal punto divista sessuale e questo a volte per me è un problema,quando mi chiede che cosa ho,spesso gli rispondo che sono arrabbiata con me stessa ,per quello che nella mia vita non sono riuscita a costruire.la mia vera,unica gioia sono i miei figli che cominciano ad esere grandetti e a fare confronti, chiedere il perchè delle cose e soprattutto quello che io dico sempre a mio marito è che siamo noi che dobbiamo dare l'esempio e certamente questo stato di cose mi fa pensare che anche in questo abbiamo fallito . ciao a prestoDal punto di vista lavorativo io mi sono sempre immersa nel lavoro forse per scappare dalla realtà, forse per sentirmi utile, forse per dimostrare a me stessa di valere almeno un pò , ciao complimenti a chi riesce a leggere tutta questa noia :cry: :cry:

luna
Messaggi: 34
Iscritto il: 12 novembre 2004, 23:56

CIAO!

Messaggio da luna » 21 marzo 2005, 17:49

cara milu,
non è una noia leggerti perchè qui tutti veniamo per parlare di noi, dei nostri problemi, della nostra vita e di quello che non ci va, che non accettiamo e che...ci stanca!
io sono più piccola di te, ho 21 anni, ma ti capisco benissimo quando dici di essere stanca di dover pensare sempre agli altri, di essere quella che cerca sempre di risolvere i problemi a tutti...sai, io qualche anno fa ero come te,forse per motivi diversi, ma ti assomigliavo. ero una bambina quando mi stressavo nel risolvere i problemi della famiglia,delle liti dei miei, della malattia della nonna e tante altre cose...pensavo sempre gli altri ritenendoli più importanti di me...crescendo è andata avanti così poi però ad un certo punto sono scoppiata, non ce la facevo più, e ho fatto la cosa opposta:ho iniziato a pensarte solo a me, o per lo meno così facevo apparire agli occhi degli altri anche se dentro mi preoccupavo sempre di come dover risolvere le situazioni,passando da egoista davanti a tutti e menefreghista.
Forse anche tu ti sei sentita troppe responsabilità addosso:la tossicodipendenza di tua sorella(che ti assicuro conosco l incubo),un marito che invece di fare la parte del Uomo che deve proteggere in un certo senso la famiglia e la moglie si presenta insicuro e indeciso per quanto riguarda la sua vita, un attività fallita quasi prima di iniziare(e purtroppo conosco anche questo di incubo, siamo nei debiti tutt ora)e poi i figli che si, sono bellissimi e a mio avviso indispensabili, ma anche loro sono fonte di responsabilità. avresti bisogno di una pausa secondo me...un periodo da dedicare solo a te stessa...si, lo so, sembra impossibile ma puoi iniziare dalle piccole cose, magari prendendoti cura di te, del tuo corpo.
Io non sono nessuno per darti dei consigli(anche se studio psicologia! ;0) ) sicuramente la Dottoressa di questo forum saprà meglio indirizzarti sulla soluzione....ma la vita è così...ad un certo punto si scaricano le pile...ed occorre una bella ricaricata per ripartire più forti di prima!
un abbraccio forte e un grande in bocca al lupo!!!
luna

Rispondi

Torna a “Ansia e fobie”