per la dottoressa

Sezione dedicata alla discussione delle piu' comuni manifestazioni di ansia e alle paure irragionevoli di luoghi, animali, oggetti, persone.

Moderatore: Dr.ssa Maria Pichi

Rispondi
milu
Messaggi: 8
Iscritto il: 21 marzo 2005, 11:10

per la dottoressa

Messaggio da milu » 31 marzo 2005, 12:53

:?: Cara Dottoressa Spadoni, ho cercato in questi giorni una sua risposta , ma non c'è, è chiaro che il tempo e la pazienza sono le migliori medicine ,è anche vero che nel frattempo le cose forse sono anche un po' migliorate soprattutto con marito almeno dal punto di vista relazionale ,invece vorrei parlarle di mia sorella !!!!!!!!!!!!
Spero che Lei abbia letto gli altri messaggi che ho inviato poichè credo siano significativi per aiutarmi a comprendere perchè determinate cose accadono.Mia sorella è più grande di me di 2 anni , ma in verità nonè stata mai la sorella maggiore che spesso si desidera anzi al contrario ho sentito sempre per il suo comportamento ,il suo modo di parlare e di viverela necessità di PROTEGGERLA , perchè questo era stato il mio atteggiamento, una sorella difficile, anche una figlia difficile che ci ha coinvolto sempre in situazioni disastrose, ma come dico sempre è mia sorella io le voglio bene anche se non è per niente capace di contrallare le sue emozioni ma soprattutto non ha rispetto per nessuno le giri attorno, qualsiasi cosa pensa la deve assolutamente dire non preoccuppandosi di DISTRUGGERE chi le sta intorno.Oggi vive lontano e non mi vergogno io sono anche contenta perche è stato sempre molto difficile convivere con lei, dopo tanti anni ho avuto pazienza e a volte avendo ormai una famiglia nostra è stato possibile condividere alcune esperienze anche se per lei non va mai bene come faccio io , ,anche se all'apparenza mi considera una donna speciale ,particolare ,ma io so benen che queste sono solo parole.Soffre molto di gelosia nei miei confronti, in qelli di nostro fratello solo un po' più piccolo, e dei nostri genitori ,attacca sempre tutto e tutti dice lei per protteggerci ma in verità non capisce che gridando, urlando per farsi ragione, invece ci mette ancora più in difficoltà.Ieri doveva essere un giorno felice di saluti perche lei e la sua famiglia , ha2 bambini piccoli bellissimi e il suo compagno, dovevano ripartire per tornare a casa ebbene all'improvviso si è scatenatuto un putiferio incredibile dove sono stati coinvolti i miei genitori, mio fratello io, la mia famiglia perchè ha dovuto chiarire al telefono con la fidanzata di mio fratello( stanno insieme da pochi mesi ed era la prima volta che la conosceva)che non voleva essere disturbata inutilmente perchè doveva preparare le valigie.Premetto che lei abita molto lontano ,ed erano passati almeno 10 mesi dall'ultima volta che lei era venuta .Perchè le racconto questo forse perchè oggi mi rendo conto di essermi veramente troppo preoccupata per lei sempre e soptrattutto perchè ieri mi rigiravo per casa provando un forte senso di vuoto , di solutidine di tristezza per non essere riuscita vincere questa partita ,oggi penso che sia persa ,che non avrò mai un rapporto alla pari con lei ,non penso che sia in grado di aiutarmi e di starmi vicino quando ho bisogno di lei , del resto nonc'è MAI STATA.Ama essere una leader ,ama stare sempre al centro dell'attenzione ,non pensi leggendo queste parole che il mio sia lo sfogo di una sorella gelosa mi creda non è proprio così, le ho solo raccontato un singolo episodio della mia vita ,per cercare di farle xcapire come la mia infanzia e la mia adolescenza siano sempre state costellate da eventi tragici.E' proprio questa tragicicità che fa parte di me che mi porta spesso a vivere dei momenti di annullamento totale , abulia e a volte anche bulimia ANCHE QUESTO è STATO UN PERCORSO CHE FATTO QUANDO ERO PIù GIOVANE, ma è stato inutile perchè quasi nessuno siè accorto del mio stato perchè c'era sempre qualcosa più d'importante da seguire :i suoi amici, i suoi incidenti le sue cazzate , la sua tristezza, la sua depressione, la sua gioia, ecc.
QUELLO CHE IO MI CHIEDO è GIUSTO CHE ANCORA QUESTA SITUAZIONE SIA SEMPRE LA STESSA AVENDO SUPERATO GRANDI MURI .OSTACOLI INSORMONTABILI COME LA DROGA ,si anche quello insieme alla mia bambina che allora era veramente piccola e spero che ricordi nulla di tutto quello che è successo perchè sarebbe veramente grave, mi sentirei fallita come mamma per non averla saputa proteggere .
MA IO ERO LI IN PRIMA LINEA PERCHE VOLEVO E DOVEVO AIUTARLI SOLTANTO IO POTEVO PRENDERMI CURA DILEI, certo c'erano anche i miei genitori che hanno fatto cose increbili , si sono sforzati e soprattutto si sono messi in discussione, ma di cero hanno sofferto tanto per il loro senso d'inutilità e di vuoto e fallimento che automaticamente vivi in queste situazioni. Oggi per fortuna tutto questoè un brutto ricordo e mia sorella che fa mi dice ieri prima di partire che comunque era pure una responsabilità mia quello che era successo perchè io mi ero sposata ,ero andata a vivere in un'altra casa , e stavo aspettando una bimba, quindi io lL'AVEVO ABBANDONATA, si forse era vero che io avevo deciso diandare via, è vero che dal quel momento io mi sono sentita finalmente libera, ma questo nonè stato mai detto, sono stata sempre presente, in prima linea quando ea necessario ho agito senza preoccuparmi della mia nuova famiglia. E' GIUSTO DOPO 8 ANNI DIRMI CHE LA RESPONSABILITA' ERA PURE MIA!Oggi ricostruisco i miei pezzi ,ho qualche difficoltà guardo i miei figli e mi chiedo se saro' in grado di dare loro tutto quello di cui hanno bisogno, certamente avrò sbagliato qualcosa ,ma non riesco a capire cosa, MI PIACEREBBE ESSERE GUIDATA IN QUESTO PERCORSO, o perlomeno capire da dove devo cominciare, un libro che mi ha attratto è L'Analisisi transazionale di Berne dove o potuto individuare le categorie di comportamento umano e soprattutto i giochi che siamo capaci di mettere in atto, ma non riesco ad avere un atteggiamento obbiettivo e distaccato per analizzare , valutare e prendere una deciosione. Ecco l'ultima cosa sono un'eterna indecisa per le cose che riguardano la mia attuale famiglia, e come se avessi sempre bisogno che qualcuno mi aiuti a scetgliere , e come se le decisioni degli altri siano sempre migliori delle mie.Ora concludo. la saluto CERTA della SUA CORTESE ATTENZIONE ,attendo con curiosità la sua risposta MILU

Rispondi

Torna a “Ansia e fobie”