una cugina che si sta rovinando: cosa posso fare?

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
Avatar utente
katy84
Messaggi: 839
Iscritto il: 19 ottobre 2005, 19:27
Località: messina

una cugina che si sta rovinando: cosa posso fare?

Messaggio da katy84 » 14 agosto 2009, 15:19

Ciao a tutti, vi vorrei spiegare il mio problema. Da quando è morto il padre di mia cugina, circa un anno fa, la sua vita di coppia è cambiata totalmente. Lei ha capito di avere accanto un marito sordo alle sue richieste d'aiuto, al suo dolore, un uomo che pensava solo a lavorare e che tornava a casa la sera, cenava e si coricava senza dare alcun attenzione alla moglie e al figlio d 9 anni. Lei allora si avvicina a una persona conosciuta in chat, che colma questa lacuna. Lui lo viene a scoprire, va su tutte le furie, minaccia anche di uccidersi se perderà sua moglie. Dal marito strafottente che era...magicamente diventa tutto l'opposto, iperprotettivo, iperpresente, fisicamente sempre appiccicato a lei, gelosissimo, non la fa + respirare. Lei perde una 20ina di chili in meno di un anno, è scheletrica e prende la taglia 38. Tra lei e un'anoressica non c'è molta differenza. In tutto questo il bambino, di soli 9 anni, non è di certo indifferente. Ogni volta che litigano li ascolta, ed è terrorizzato all'idea che possa succedere qualcosa di brutto alla mamma. Sa tutto della loro relazione, persino del fatto che quando fanno l'amore ( ormai sotto forzatura di lui) la madre prova dolore!!
Questo è solo un riassunto, per farvi capire per sommi capi la situazione.
Ora mi chiedo: io, in quanto studentessa a un passo dalla laurea in psicologia, posso fare qualcosa di concreto?Rivolgermi a qualcuno? Per il bene soprattutto del bambino, ma anche di mia cugina, che on fa altro che lamentarsi del marito, di dire che non lo ama più, ma che continua a recitare questa farsa,nonostante tutti i segnali che il suo corpo le sta inviando.
Vi ringrazio.
non pentirti mai di una cosa se quando l'hai fatta eri felice

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 14 agosto 2009, 15:28

Ciao e bentornata.

Penso che tu possa esserle di aiuto standole vicina, da cugina, ma da ciò che scrivi la situazione appare molto complessa e problematica, quindi sarebbe opportuno che lei si rivolgesse a un esperto. Le hai mai accennato questa possibilità?
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Avatar utente
katy84
Messaggi: 839
Iscritto il: 19 ottobre 2005, 19:27
Località: messina

Messaggio da katy84 » 14 agosto 2009, 15:35

vanno già da un esperto, e prendono anche degli ansiolitici. Ma in fondo lei sa quale sarebbe l'unico modo x guarire...lasciarlo...ma non lo fa perchè la ricatta dicendole che si vuole ammazzare se si separano
non pentirti mai di una cosa se quando l'hai fatta eri felice

Avatar utente
sarina85
Messaggi: 499
Iscritto il: 31 ottobre 2005, 16:11
Località: Italia

Messaggio da sarina85 » 14 agosto 2009, 21:11

Anche la ex moglie di un mio cugino minacciava di ammazzarsi se lui l'avesse lasciata, ma non è affatto successo.
Sono frasi che si dicono per tenere forzatamente accanto a sè qualcuno che non vuole più starci. Ricatti morali che di più sordidi e meschini non ce ne sono!!
Io credo che tua cugina, per il benessere suo e del figlio che ormai ne ha sentite di tutti i colori, debba uscire al più presto da questa situazione.

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 15 agosto 2009, 14:05

Cara,
il fatto che la coppia vada da un esperto (esperto di cosa?) e che prendono ansiolitci, non ci aiuta!
La coppia coniugale è un conto... : debbono rivolgersi ad un consulente di coppia per definire il caso di riappacificazione o di separazione (eventualmente si valuterà anche consulenza psichiatrica in caso il marito minacci ancora ed in modo persistente di uccidersi!).
La coppia genitoriale è un'altra cosa... : i genitori, anche se separati, nn debbono mai perdere di vista nè il loro ruolo nè la promozione del bene del bambino e qsto mi sembra nn stia accadendo, o no?

lei nn deve avere paura di lui. Oggi per fortuna anche la legge è dalla parte delle donne, con le nuove applicazioni sulo Stalking.

Lei puoi davvero stare molto vicino e ad aiutarla in qsto cammino di consultare un bravo consulente di coppia.
Un abbraccio :wink:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 16 agosto 2009, 15:49

ma figurati se si ammazza...è solo un ricatto psicologico,per farla sentire in colpa e tenerla legata. anche il mio ex voleva ammazzarsi, me lo ha detto diverse volte. non si ammazzerà. se anche lo facesse, cosa di cui dubito molto altrimenti lo avrebbe già fatto con tutti i problemi che hanno, non sarebbe colpa di tua cugina, ma colpa di lui che lo fa.
can che abbaia cmq non morde. è solo meschino ad usare questa scusa. prima se ne frega, quando rischia di restare a bocca asciutta e di venire scaricato come si merita diventa oppressivo..magari perchè non accetta il fatto di venire mollato e di restare da solo, forse ha sempre fatto i conti senza l'oste. ma lei non può mica morire per lui. cosa fa sta insieme per il figlio? a quanto pare al figlio non giova questa unione forzata. quindi credo che non ci siano esperti che tengono..dovrebbero vivere separati. il bambino in tutto è quello che forse ha capito meglio, per questo teme che succeda qualcosa alla mamma..ma non per colpa delle violenze psicologiche di lui, ma di come si sta trattando lei...visto che è quasi anoressica..è qualcosa che lei sta facendo a se stessa e non vuole tutelarsi.
Immagine

Avatar utente
katy84
Messaggi: 839
Iscritto il: 19 ottobre 2005, 19:27
Località: messina

Messaggio da katy84 » 17 agosto 2009, 14:26

grazie dottoressa, cercherò di convincere mia cugina a rivolgersi a un consulente di coppia. Finora vanno da un neuropsichiatra, e prendono gli ansiolitici ogni qual volta litigano, visti le ripetute crisi di nervi. Io mi sento impotente, vorrei tanto aprirle la testa e darle la forza di separarsi!non posso continure a vederla così!
Grazie a tutti per le risposte
non pentirti mai di una cosa se quando l'hai fatta eri felice

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 17 agosto 2009, 18:53

Forse sono stata troppo generica, ma per esperto intendevo consulente di coppia o comunque psicoterapeuta.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”