Marito urla e brutte parole....

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
frara76
Messaggi: 4
Iscritto il: 26 settembre 2009, 10:15

Marito urla e brutte parole....

Messaggio da frara76 » 26 settembre 2009, 10:19

Salve,
mi sento davvero stupida a raccontare tutto questo...ma mi sento impotente triste e confusa su quello che sta succedendo...
Sposata da due mesi.... mio marito non riesce a trattenere la rabbia...quando si arrabbia...cioè sempre, ...basta una parola un gesto che va in ira...e iniziano le sue urla... l'ultima un'ora fa.... "sei una testa di C...." ...ma "hai l'isterica ....." "non ti sopporto più"...."ma vaf....."..... dopo due mesi di matrimonio...
scusate ma nn ho la forza neanche di scrivere di quanti mi sento confusa...e lui è sempre stato cosi....lo conosco da tre anni.......mi sento confusa...per me è troppo una mancanza di rispetto!troppo

Avatar utente
°°Orchidea°Selvaggia°°
Messaggi: 178
Iscritto il: 22 dicembre 2009, 15:52
Località: Bologna

Messaggio da °°Orchidea°Selvaggia°° » 22 dicembre 2009, 18:56

Cara frara76,

nel post scrivi che lui è sempre stato così.
In 3 anni avresti dovuto imparare a conoscerlo.. se lo hai sposato è perchè avevi "accettato" questo suo lato nervoso.

E' una grave mancanza di rispetto sì, ti senti confusa perchè non sai cosa fare, perchè ti senti maltrattata nel tuo essere donna e moglie.

Inizi ad avere paura perchè solo dopo 2 mesi di matrimonio lui ti dice che "non ti sopporta più", è una cosa che destabilizza profondamente.
Ti ritrovi davanti una persona con la quale devi condividere tutta la tua vita e non sai immaginare come potrà essere il futuro insieme.

Il mio consiglio è qullo di provare a parlare con lui e di fargli capire che così non va.
Non puoi vivere ogni giorno con la paura di sbagliare ogni cosa.

Se la situazione si fa pesante devi rivolgerti a qualcuno, uno psicologo, un professionista.

Mi raccomando facci sapere come si sono evoluti i rapporti in questi mesi.
|
| "Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore." (Albert Einstein)

marlbo173
Messaggi: 6
Iscritto il: 8 gennaio 2010, 0:58

Messaggio da marlbo173 » 8 gennaio 2010, 1:45

Io sono sposato da quasi 3 anni con mia moglie. con una certa costanza litighiamo (lei dice che e' ciclico). Adesso ho deciso per amor mio e per amore del nostro matrimonio di andare da uno psicologo e vedere di risolvere questo mio modo di fare.

Io non arrivo al punto del marito della signora, di cui ha tutta la mia comprensione e solidarieta', ma spesso mi arrabbio per cose di poco conto, davvero sciocche, difendo le mie posizioni e spesso mi chiudo dopo la litigata in me stesso come un bambino, finche' non e' lei a cercarmi.

a volte con le parole la faccio anche piangere e questo dopo mi dispiace molto e dco anche cose che non penso veramente.

Come dice mia moglie non posso bombardare una citta' e poi pretendere che il giorno dopo sia tutto come prima se non meglio. Le cose che accadono fra di noi la segnano e non voglio un poco alla volta perderla.

Faccio presente che entrambi siamo molto credenti e stiamo anche iniziando un percorso famigliare all'interno della nostra parrocchia, inoltre lei non e' italiana e dice che l'unico motivo per cui e' in Italia e' per me, perche' ha lasciato tutto (lavoro, famiglia, carriera) per stare con me e che sono la unica persona a cui veramene tiene. Solo da poco ho capito l'importanza del suo sacrificio e del peso delle suo parole.

Ora voglio dimostrale che non si deve pentire dalla sua scelta e lo voglio fare anche andando da uno psicologo per vedere di acquisire gli strumenti per una comunicazione piu' sobria.

Lei dottoressa pensa che un percoso terapeutico in tal senso e' auspicabile? se si quanto tempo necessitera' piu' o meno?

grazie mille

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”