fra lei e l'altra

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

fra lei e l'altra

Messaggio da scatto » 19 ottobre 2009, 11:22

Grazie a tutti in anticipo se vorrete leggere il mio post e grazie anche a chi mi vorrà rispondere.
Scrivo perchè sono in difficoltà e per avere un consiglio da una persona competente o, più semplicemente, da un altro essere umano.
Vi riassumo la situazione.
HO 35 anni, vivo in Puglia dove lavoro da dipendente pubblico e da circa 7 anni vivo una relazione a distanza con una donna 3 anni più grande di me che vive ad Asti. Una storia molto bella, fatta di passione (soprattutto all'inizio) condivisione intellettuale ed emotiva, progetti di famiglia e di matrimonio. Da circa 3 anni, purtroppo, la solidità del rapporto si infrange contro alcuni problemi, due in particolare: le mie richieste (non insistenti) di andare a convivere sono messe da parte perchè lei ha altre priorità di tipo professionale (è architetto solo da qualche mese) e non riesco a trovare con lei quell'intesa sessuale di cui ho bisogno dato che lei è sempre sfuggente e i nostri incontri fisici diventano rari e fugaci. Un anno e mezzo fa prendo una decisione: cerco e trovo lavoro dalle sue parti, un lavoro molto bello fra l'altro e molto ma molto ben retribuito soprattutto in prospettiva. Accetto di fare un periodo di prova e mi aspetto di andar a vivere con lei ma nemmeno stavolta lei si convince: "finisci la prova - mi dice- intanto decidi se restare o tornare in Puglia e poi si vedrà". Così si riprende la vita di prima, affitto una stanza vicino il lavoro e mi vedo con lei solo nei weekend (niente sesso, per carità). Preso dall'ansia della decisione, in prossimità della scadenza del periodo di prova, faccio una grossa cavolata e rinuncio al nuovo lavoro. Ritorno a testa bassa in Puglia. Ma qualcosa dentro di me si rompe. La ritengo responsabile di quella che invece è stata una mia grossa mancanza di capacità di prendere una decisione. Inizio ad allontanarmi da lei, mi perdo nel mondo delle chat e di internet. Le chiedo di scendere giù ma lei tentenna ancora. Inaspettatamente conosco una ragazza molto giovane, 22 anni, iniziamo a mandarci messaggi, a parlarci al telefono, con lei mi trovo bene, scatta qulacosa a livello mentale prima (facciamo delle telefonate molto spinte) e poi fisico. Lascio la mia ragazza, ma lei, imporvvisamente, si mostra devotissima e amorevolissima con me. Mi telefona ogni giorno, scende giù a trovarmi spesso, non capita più che non risponda al telefono, si dichiara disponibile a trasferirsi nel remoto meridione e fa nel contempo di tutto per recuperare il mio lavoro perso al Nord. La cosa mi confonde, mi frastorna tantissimo. Con la ragazza più giovane, nel frattempo, l'intesa migliora molto, lei è pugliese anche se lontana da me, ma ci vediamo spesso, anche lei lascia il suo ragazzo per me e punta sulla nostra relazione. Sono molto confuso. Da un lato non voglio far soffrire nessuno, dall'altro devo scegliere. Da un lato il ritorno di una persona che credevo ormai distante e che avevo mentalmente abbandonato ma sulla quale avevo puntato molto, dall'altro un amore nuovo, fresco, passionale, molto coinvolgente, l'unica cosa che mi ha fatto dimenticare i miei affanni e le mie tristezze negli ultimi mesi.
Qualcuno può darmi un consiglio? Ho bisogno del parere di altre persone.
Grazie a tutti

Avatar utente
rocco
Messaggi: 441
Iscritto il: 28 giugno 2006, 21:56

Re: fra lei e l'altra

Messaggio da rocco » 19 ottobre 2009, 12:52

Ciao scatto e benvenuto sul forum!

Inizio dalla frase che più mi ha colpito:
scatto ha scritto:un amore nuovo, fresco, passionale, molto coinvolgente, l'unica cosa che mi ha fatto dimenticare i miei affanni e le mie tristezze negli ultimi mesi.

Prima di tutto mi sembra che già in queste belissime parole ci sia la risposta al tuo quesito: hai una gran voglia di cambiare aria e di viverti questo amore e liberati da affanni e tristezze!
E' bellissimo ciò che scrivi e ciò che provi, perchè fartelo scappare?
scatto ha scritto:il ritorno di una persona che credevo ormai distante e che avevo mentalmente abbandonato ma sulla quale avevo puntato molto,
...e che significa? Saresti disposto a rinunciare a un amore fresco e nuovo, per una pesona sulla quale avevi puntato?
Scusa ma per me non ha molto senso.
Se avessi detto che ne sei ancora innamorato (nel qual caso non ci sarebbe mai stato spazio per l'altra), sarebbe stato diverso, ma in questo modo vedo il tuo attegiamento come un ostinato attaccamento a un sentimento per te ormai privo di valore.

Il comportamento di lei poi, è un classico. Capisce che ti ha perso e ora ti corre dietro, ma questo è un problema suo, non ti riguarda. E se posso permettermi, anche molto egoista e superficiale: finchè è stata adulata e vezzeggiata, si è fatta desiderare, ora che il gioco è finito, si è rimboccata le maniche per non perderti.

Non impantanarti in una storia che sa tanto di stantio.

Buttati nell'aria fresca di un nuovo amore e poi vuoi mettere: un rapporto senza troppa strada a dividervi? (almeno così mi è sembrato di capire).

Io sono stata insieme a mio marito tanti anni e come voi, siamo stati divisi da molti km. E' un'esperienza che non augurerei mai a nessuno.

Un caro saluto
Sandra :wink:

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 19 ottobre 2009, 13:45

se proprio devo dire cosa penso....beh...io non credo assolutamente alle storie a distanza, specie una distanza che non si può annullare quando si vuole..non sono 100 km...non sono storie, mancano della quotidianità, della fisicità..di tutto quello che serve perchè siano storie..sono storie virtuali con un telefono amico..
tanto più se lei non ti vuol vedere, se non vuole vivere con te dopo molto che siete insieme..è un po' una cosa di comodo, sapere di non essere soli, avere qualcuno che ti dà la buona notte, ma senza l'incombenza di un impegno vero, di una storia reale e quotidiana, e anche abitudinaria..ma concreta.
adesso hai trovato una ragazza che, anche se è molto giovane e io sono scettica sulla grandi differenze di età, ti dà più concretezza di quanto ti abbia mai dato quella donna di asti..allora senza prenderla in giro viviti la storia, credo che ti servirà, anche se probabilmente non sarà la storia della vita.
l'altra è diventata più gentile solo perchè è stata scaricata, mi pare ovvio! il brutto delle storie a distanza, tra le altre cose, è che fanno perdere un sacco di tempo, perchè se fossero storie normali magari invece di 7 anni durerebbero un anno e poi ognuno per la sua strada, perchè tutto sarebbe molto meno diluito...per questo credo che sia meglio farle diventare reali il più in fretta possibile..per capire..senza tirarla eccessivamente per le lunghe...ce la si gioca, lei non vuole, e non vuole da mai...perchè titubare? solo per non sentirsi soli? ma tu sei sempre stato solo...
liberati e vivi la vita! :)
Immagine

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 19 ottobre 2009, 19:52

grazie sandra e grazie twilight,
le vostre posizioni sono molto chiare e mi consolo anche il fatto che vengano da due donne.
Il problema però è un po' più complicato, almeno per me, dato che la mia ex in questo momento sarebbe pure disposta a lasciare tutto e trasferirsi qui al sud quindi in questo momento sono io che non voglio saperne. Lei, inoltre, è anche capace di gesti di autolesionismo estremo (tipo tentativi di suicidio e cose del genere), dato che a 38 anni, nonostante sia molto carina, sostiene che senza di me la sua vita sarebbe finita, non potrebbe avere figli se non da me, e mi carica quindi di una responsabilità molto pesante. Io per anni ho sognato di avere figli da lei e mi sono incazzato dietro alla sua distanza dettata dal suo buttarsi a capofitto sulla professione e spero non da altro, dato che è una tipa molto cercata da altri uomini. E' molto crudele dirlo, lo so (infatti questo non gliel'ho detto per non ferirla), ma tutto ad un tratto io l'ho vista invecchiata e ho pensato a cosa succederebbe fra me e lei fra 10 anni, cosa a cui non avevo mai pensato prima. Tutto questo mi fa sentire molto egoista e solleva in me degli incredibili sensi di colpa nei suoi confronti, ma non posso fare a meno di pensarlo. Non posso impormi di non pensare una cosa. E' così e basta. Ovviamente tutto questo non esiste con l'altra, in cui la storia ha la freschezza e la spensieratezza di ogni inizio (anche se, ovviamente, esistono dei lati negativi anche nella differenza di età, sono d'accordo con voi). A volte ho l'impressione che prima o poi pagherò questo mio cinismo se lascio andare definitivamente la mia ex per questo nuovo amore.
Mi faccio troppi problemi?
Grazie, ho proprio bisogno di confrontarmi con qualcuno su qeusto mio problema
vi sarei grato se poteste darmi il vostro parere

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 19 ottobre 2009, 20:39

Secondo me se accettassi di tornare con lei non solo danneggeresti te stesso, ma anche lei che, a causa del tuo allontanamento, sta mandando all'aria la sua vita per qualcosa di cui non era assolutamente convinta e di cui non lo è nemmeno ora. Il suo ritorno non è frutto di una decisione ponderata, ma di un "colpo di testa" da persona che è stata lasciata, che si sente abbandonata...

Non sentirti in colpa. La vostra storia è terminata perchè entrambi avete deciso così, soltanto che sei stato tu a verbalizzare la conclusione, a renderla esplicita. Il tuo non è assolutamente cinismo, ma buon senso.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 19 ottobre 2009, 21:08

non credo che tu sia cinico, credo che tu abbia solo paura e senso di colpa perchè lasci andare una cosa che è finita già da parecchio tempo.
una storia tra persone adulte non può vivere della distanza, il rischio è quello di idealizzare il rapporto e idealizzare l'altro e amplificare sentimenti che magari stando in una storia vera sarebbero diversi...se tutto questo dura più del dovuto, e nonostante questo pathos alla fine non c'è nemmeno la volontà da parte di uno dei due di avvicinarsi, o comunque rimane sempre e solo una cosa teorica, un rimandare..allora la storia non esiste proprio se non nella fantasia...io non penso che lei ti Ami...una persona che ama qualcuno vuole condividere...se poi non ha la possibilità di vederlo quando vorrebbe, anche tutti i giorni o anche no, scatta in automatico il passo della convivenza, il desiderio di farlo perchè non ci sono tantissime alternative da scegliere. allora per esempio il tuo nuovo lavoro sarebbe cascato a puntino perchè tu cmq dovevi cambiare lavoro quindi avresti potuto ricominciare nella sua città senza perdere niente o mettere a rischio niente, senza rinunciare a chissà cosa, e lei non l'ha colto...non voleva...questo è un segno forte. siete adulti, non siete due bambini...quindi questo mi induce a pensare che lei non ti ami, ma che non voglia sentirsi sola. quindi ti carica di responsabilità che tu però non hai..se lei ha dei problemi personali di autolesionismo o altro...sono problemi suoi, non puoi risolverglieli tu e non puoi rovinarti la vita per una che non vuole te ma che vuole solo un sostegno che non la faccia sentire sola. molla il colpo, perchè secondo me è da tempo che questa storia non ha motivo di esistere...se solo fosse stata non a distanza sarebbe almeno stata più diluita...probabilmente.
non ti dico che la nuova sarà perpetua, ma di certo ti servirà...(non letta in chiave cinica.)
vivi!
Immagine

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 22 ottobre 2009, 8:57

grazie twilight e novembre,
ma come liberarsi dei sensi di colpa?
Un amico mi dice che questa sensazione di colpa che ho nell'interrompere una relazione così lunga è invece un segno del fatto che a quella persona si tiene molto e che deve far pensare prima di compiere un passo così radicale. Non è strano il fatto che nel momento in cui ho dalla mia ex quello che le ho chiesto per anni e che lei non mi dava io vada via per sempre da lei? O forse mi faccio troppi problemi?
Grazie per il vostro aiuto

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 22 ottobre 2009, 9:03

Non ti fai 'troppi' problemi... Se interrompessi una storia così lunga senza batter ciglio, allora saresti un robot! Però credo che la cautela con cui stai prendendo una decisione così importante non deve trasformarsi in paura paralizzante che ti impedisce di sentire ciò che è meglio fare per te stesso, per il tuo bene, per il tuo futuro.
I consigli degli altri sono importanti, ma solo tu puoi cercare la risposta dentro di te.
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 22 ottobre 2009, 19:36

Ragazzi.
Invidio veramente la freddezza che avreste nel chiudere una storia su cui si è puntato tutto.
Vorrei imparare da voi ad essere più freddo, ma non ci riesco. E' di sicuro un difetto del mio carattere. Grazie comunque a tutti per i vostri consigli

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 23 ottobre 2009, 0:28

scatto ti assicuro che non sono fredda, e che per chiudere la mia storia di 10 anni non ci ho messo un secondo, e non l'ho fatto per un'altra persona...ma quando è il caso è il caso...allora lei non vuole vivere con te..lo vuole adesso perchè è stata scaricata e non lo ha scelto lei..è uno smacco..ha perso...tu ti sei infatuato fortemente di un'altra persona...in tutto questo non ci vedo le basi per una storia vera. dopo tutti questi anni poi..
sentirsi in colpa è normalissimo, ma ti assicuro che non è segno di amore...le vuoi bene, è normale, altrimenti saresti spietato, ma non significa che ci devi stare insieme perchè se la lasci ti senti in colpa..sarebbe il motivo sbagliato. ovviamente te lo ha detto un uomo che il senso di colpa significa amare ancora la persona...il senso di colpa è sentirsi stronzi perchè si pensa di fare del male a qualcuno a cui si vuol bene, oppure sentirsi stronzi perchè si sta facendo qualcosa di sbagliato (vedi una persona che tradisce, e non si fa problemi mentre lo fa, ma al limite dopo...può essere amore? no...altrimenti si fermerebbe prima)
sei normale...ma molla il colpo...
Immagine

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 23 ottobre 2009, 19:19

ma secondo voi dovrei dire alla mia ex che sto frequentando un'altra ragazza? Per lei sarebbe una bomba micidiale. Non so se è giusto
Mi date un consiglio? grazie

Avatar utente
novembre
Messaggi: 1623
Iscritto il: 30 gennaio 2005, 14:58

Messaggio da novembre » 23 ottobre 2009, 19:44

Mah, personalmente eviterei di dirglielo. Le faresti davvero male e non credo servirebbe ad altro. Una verità dolorosa.. meglio non sapere in certi casi. Anche perchè non penso che la vostra storia sia in crisi a causa di questa ragazza..
"il passare della morte nel rumore confuso della vita, le gioie insieme alle fitte di dolore, il cuore che invecchia e ringiovanisce all’improvviso..”

Guida autorizzata Pagine Blu

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 23 ottobre 2009, 20:57

ma no non dirglielo...anche se penso che non sarebbe una bomba così grossa...da quello che hai scritto di lei e di come vive il vostro rapporto...io ho l'impressione che non ci tenga granchè..scusa se lo dico..magari adesso sarebbe una specie di umiliazione...ma forse anche un po' una "liberazione", ma non interpretare male le mie parole...
cmq non dirglielo. di motivi per interrompere la storia ce ne sono più che a volontà..senza tirare fuori la ventenne...
Immagine

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 26 ottobre 2009, 12:24

Vi do un esempio del grado di scissione mentale e di malessere cui sono giunto, raccontandovi una cosa che mi è successa ieri.
Ieri notte non riesco a dormire. L'immagine della mia ex, M., mi appare in sogno, mi sveglio, sto male e penso, con rimpianto, ai progetti passati, ai bei momenti con lei. Come ogni mattina da quando ci siamo lasciati M. continua a telefonarmi, io faccio l'indifferente ma non la ferisco e non la tratto male (anche lei è in difficoltà in queste settimane). Il pomeriggio però ho un appuntamento con la ragazza più giovane, L., mi faccio 200 km all'andata e 200 al ritorno per passare 2 ore con lei di domenica pomeriggio. L. mi fa stare bene, facciamo l'amore, con lei passo le uniche due ore di serenità della mia giornata. Nemmeno il tempo di rientrare in macchina per andar via che mi arriva un messaggio di M. che mi dice che non è scritto da nessuna parte che dobbiamo lasciarci, che lei lotterà fino alla fine per avermi, per lei è meglio morire che stare senza di me, mi ama, mi ama con tutti i miei difetti. Mi fermo in autostrada, accosto, mi metto a piangere com un bambino. Mi assalgono ansie, paure. Mi sento un bastardo solo perchè sono stato bene con un'altra persona mentre c'è la mia ex che crede ancora in noi. Ragazzi, sto diventando schizzo frenico? Vi prego datemi un consiglio, qui la situazione peggiora di giorno in giorno...

scatto
Messaggi: 78
Iscritto il: 18 ottobre 2009, 12:30

Messaggio da scatto » 26 ottobre 2009, 12:26

dimenticavo,
la cosa assurda è che se dovesse capitarmi la stessa cosa oggi pomeriggio lo rifarei

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”