Cerco consigli ed aiuti

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Messaggio da Twilight » 3 gennaio 2010, 15:38

internet penso sia un mezzo pericoloso se una persona si sente sola...l'80% e voglio essere magnanima, della relazioni che vengono intessute sono fasulle..e bisogna esserne pienamente consapevoli, altrimenti si resta delusi.
poi il rischio è di perdersi per persone che esistono solo nella sfera virtuale e poi in realtà sono completamente diverse, vengono idealizzate, magari abitano pure a 1000 km e si creano storie d'amore improbabili...
i tuoi amici davide sono stati fortunati direi, botta di ....
io internet lo usa da tanto, non frequento le chat, frequento dei forum sui miei hobby, ma in tanti anni di amicizie vere ne ho trovata una, forse due, più una persona che però vive vicino a casa mia che dunque escluderei dalla categoria. la mia amica ha trovato il fidanzato su internet, ma anche lui viveva piuttosto vicino a casa sua, c'è da dire però che non lo ha trovato in chat, era un amico di un suo amico e si sono contattati via internet.

fossi in dadix al momento escluderei completamente il web...potrebbe rivelarsi un trappolone mortale..un rifugio in cui nascondersi piuttosto che uno stimolo...nonononono...via!
Immagine

Dadix
Messaggi: 12
Iscritto il: 27 dicembre 2009, 12:48

Messaggio da Dadix » 3 gennaio 2010, 16:05

Twilight è vero che corro il rischio di rifugiarmi nella rete ma è anche vero che in rete mi è più facile esprimermi ed essere me stesso...

Avatar utente
°°Orchidea°Selvaggia°°
Messaggi: 178
Iscritto il: 22 dicembre 2009, 15:52
Località: Bologna

Messaggio da °°Orchidea°Selvaggia°° » 4 gennaio 2010, 19:19

Io ho conosciuto coppie che si sono conosciute tramite chat e che poi si sono fidanzati, sposati e hanno avuto un figlio.

Interntet è solo un mezzo come un'altro.
Puoi andare anche in discoteca ad attaccar pezza ma il risultato è identico, rischi di prendere cantonate anche lì.
Puoi andare in un centro commerciale e attaccar pezza ad una ragazza con una scusa come un'altra... "hai da accendere?", "dove si trova il negozio...?" ecc.. per finire col chiederle il numero...
ma se ti becchi la persona sbagliata rischi di prender cantonate anche lì.


Non ci sono regole. Qualsiasi posto può portare all'incontro con la persona giusta, come qualsiasi posto può portare ad incontrare le persone più sbagliate...
L'importante è provarci e non rinunciare mai alla speranza.

Se il web è il posto dove ti senti più a tuo agio nell'esprimere te stesso perchè non provarci? :wink:
|
| "Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore." (Albert Einstein)

Dadix
Messaggi: 12
Iscritto il: 27 dicembre 2009, 12:48

Messaggio da Dadix » 5 gennaio 2010, 13:31

Io ad attaccar pezza in discoteca o in un centro non mi ci vedo...sarei a dir poco imarazzato e poco credibile :oops:

Con il web invece è più semplice, per me. L'anonimato dello schermo mi aiuta e qualche incontro l'ho già avuto...come anche qualche esperienza (sfumata per la mia inesperienza ed emotività... cretino...:roll:). Però il web mi aiuta nelle prime fasi, nell'approccio, poi ovviamente si deve passare all'incontro nella vita reale...ed è qua che sorgono i problemi. Se non imparo a rilassarmi, ad essere naturale, magari smettendo di caricare di troppe aspettative ogni incontro, c'è il rischio che lei percepisca un'eccessiva discrepanza tra il ragazzo conosciuto online e quello che ha difronte e questo potrebbe creare in lei un senso di disagio.
Per questo sto cercando anche di aumentare la mia vita sociale... ed in parte devo dire che ci sono riuscito. Però capita spesso che alle feste mi confronto costantemente con gli altri ragazzi: vedo la loro facilità nell'interagire, nel creare nuove amicizie e questo mi provoca un forte senso di frustrazione. Insomma è come trovarsi davanti ad uno specchio che esalta le tue qualità negative.

grazia
Messaggi: 159
Iscritto il: 24 aprile 2006, 23:17

Messaggio da grazia » 5 gennaio 2010, 14:17

ciao, mio fratello era l'opposto di te...a 17 anni si era invaghito di una austriaca, ha messo mio padre con le spalle al muro metaforicamente parlando perchè gli dasse il suo consenso per raggiungerla a Vienna..tante donne...ma tante...però anche lui non era soddisfatto, gli mancava qualcosa...voleva fermarsi....allora un giorno gli dissi solo una semplice cosa....quando troverai quella giusta ti fermerai..perchè sentirai che lei sarà per te...e così è stato. Certo devi lavorare su te stesso, forse essendo timido non riesci a relazionarti al meglio, non trovi spunti immediati di conversazione....prova ad aprirti...un pò alla volta...piano piano....e poi scusa la presunzione, ma arriverà anche per te la ragazza che desideri...forse non sarà in discoteca o in un bar, ma forse semplicemente alla fermata di un tram. Non è facile corteggiare una donna, devi essere attento a ciò che dicono, essere spiritoso, trovare intelligenti spunti di conversazione...la bellezza conta sino ad un certo punto....dialettica e magnetismo ecco quello che ci vuole.....

Avatar utente
°°Orchidea°Selvaggia°°
Messaggi: 178
Iscritto il: 22 dicembre 2009, 15:52
Località: Bologna

Messaggio da °°Orchidea°Selvaggia°° » 5 gennaio 2010, 18:26

Concordo pienamente con grazia.

Comunque noto che la tua situazione non è poi così grave.
Sei un ragazzo che cerca in tutti i modi di reagire e di trovare modi di incontro con l'altro sesso.

Sei sulla buona strada ma d'altronde non puoi colpevolizzarti di essere quello che non sei.
Se gli altri sono più spigliati da un lato, dall'altro non avranno la tua simpatia e certe tue qualità che ti rendono unico e diverso.

Non te ne fare un problema. Ognuno ha i suoi pregi e anche tu hai le tue carte nella manica.
Non fare caso al fatto che i tuoi amici sono più spigliati, magari hanno perplessità ed insicurezze profonde in altri ambiti..
Tu sii te stesso perchè non a tutte le ragazze piacciono quelli "spigliati", ho conosciuto donne attratte dai ragazzi timidi che preferivano molto più che quelli troppo espansivi. :wink:
|
| "Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore." (Albert Einstein)

Dadix
Messaggi: 12
Iscritto il: 27 dicembre 2009, 12:48

Messaggio da Dadix » 6 gennaio 2010, 17:01

@Grazia: a quanto pare tuo fratello sa come conquistare una donna e quando ha trovato quella giusta l'ha conquistata ed è finalmente felice. Io ho paura, vista la mia incapacità con le donne, di lasciarmela scappare...già adesso mi chiedo se non l'ho fatto...e grazie mille per l'augurio :)

@Orchidea: tu dici che la mia situazione non è poi così grave... non lo so... ho quasi 31 anni e nessuna esperienza alle spalle... la paura di venir rifiutati per questo è forte, molto forte. Cerco di non pensarci, di non farmi condizionare troppo ma no sempre è possibile e spesso devo stare attento agli argomenti di conversazione. E poi più passa il tempo e peggio sarà... insomma... mi sento con l'acqua alla gola.
E' per questo che ho pensato di andare da uno psicologo, o come mi è stato consigliato da uno psicoterapeuta, sia per ritrovare un po' di serenità sia per capire quali sono le mie qualità... attualmente mi sento seduttivo come un comodino ^^

Avatar utente
°°Orchidea°Selvaggia°°
Messaggi: 178
Iscritto il: 22 dicembre 2009, 15:52
Località: Bologna

Messaggio da °°Orchidea°Selvaggia°° » 6 gennaio 2010, 23:17

attualmente mi sento seduttivo come un comodino ^^

Beh, l'autoironia non ti manca :D

Anni fa, dopo la fine di una mia relazione sentimentale, passai un periodo di pesante depressione.
Nello stesso periodo frequentai un corso pomeridiano nel quale, come materie c'era anche psicologia.
Scontato dire che ne approfittai per chiederle consigli spassionati, consigli dal cuore e lei cercò di dialogare un pò per farmi passare la tensione.
Col passare delle settimane un giorno entrò in aula mentre stavo ridedo e scherzando con dei compagni di corso e mi rimase impressa la sua frase:
"brava, in questo modo riuscirai molto più facilmente a superare il tuo dolore".
Praticamente dovevo trovare compagnia e ridere, divertirmi (in modo sano) perchè la risata era davvero una bellissima terapia.

Spero che nel tuo futuro ci siano molte risate per poter stare meglio con te stesso, con gli altri e per attirare su di te le attenzioni di chi ti piace. :wink:
|
| "Il ricordo della felicità non è più felicità, il ricordo del dolore è ancora dolore." (Albert Einstein)

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 7 gennaio 2010, 19:57

Cerca anche, nei tuoi limiti, di "rischiare" un po' nella vita affettiva: buttati se ti piace una ragazza... in fondo la vita è un rischio e chi non rischia nn vive!
Un abbraccio forte :wink:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Dadix
Messaggi: 12
Iscritto il: 27 dicembre 2009, 12:48

Messaggio da Dadix » 7 gennaio 2010, 22:18

Sì...per ora mi sono buttato solo quando ero troppo coinvolto...immagino che dovrei farlo prima, in questo modo un rifuito sarebbe più facilmente sopportabile...mi piacerebbe anche imparare a capire quando ci sono o meno i presupposti per farlo...a quanto a pare tra le mie qualità c'è pure quella di fraintendere l'interesse nei mie confronti ^^"....ed imparare anche a "preparare il terreno" prima di buttarmi...

Orchidea le risate ci sono...ma servono a cancelare la tristezza solo per un attimo...poi sono punto a capo...

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”