Vi prego aiutatemi, sto sprofondando

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
annina***
Messaggi: 3
Iscritto il: 31 marzo 2010, 15:30

Vi prego aiutatemi, sto sprofondando

Messaggio da annina*** » 31 marzo 2010, 16:07

Ciao a tutti, è la prima volta che scrivo. Sono una ragazza di 25 anni e da 6 mesi è finita la mia storia dopo quasi 4 anni. Io non riesco a distaccarmi da lui, mi sembra di impazzire e ogni giorno che passa va sempre peggio. Lui i primi 2 anni era innamoratissimo di me, mi sentivo la ragazza più fortunata del mondo, desiderava trascorrere ogni momento libero con me, mi faceva sentire fortunata e sentivo il suo amore in ogni istante. Inizialmente io ero l'anello forte della coppia, a volte avevo l'impressione che lui senza di me non riuscisse a vivere e dipendesse affettivamente da me. Col tempo le cose si sono ribaltate. Lui ha acquisito più sicurezza,ha iniziato a lavorare, conoscere altra gente, ridimensionando l'importanza della mia presenza nella sua vita, dimostrandomi il suo amore ma avendo periodicamente delle crisi nella quali mi diceva che voleva essere libero, stare solo, ecc. Io ho iniziato a soffrire, ad aggrapparmi a lui, a temere di perderlo. Sono diventata io dipendente da lui, trascurando me stessa e la mia vita. Ho messo lui al centro del mio mondo ma gli ho sempre concesso tutta la libertà di fare possibile non limitandolo mai nelle uscite con gli amici, nei viaggi ecc. Lui si è innamorato di me perchè ero molto sicura di me, con un forte carattere, indipendente, ed infatti il suo cambiamento è avvenuto quando mi ha vista dipendente da lui. Ha iniziato a svalutare la mia presenza, a preferire le uscite con gli amici e a vivere il rapporto con me come un'obbligo iniziando ad avere frequenti crisi duranti le quali io piangendo gli chiedevo di pensarci. Mi sono umiliata per lui, mi vergogno a dirlo ma è così. L'ultima sua crisi avvenuta a settembre ci ha portato alla rottura e da allora io mi sento a pezzi. I primi 3 mesi ho cercato di farlo ragionare ma più lo cercavo più lui si allontanava, si sentiva esasperato, mi urlava contro, mi chiedeva di lasciarlo in pace. Dopo le vacanze di natale ci siamo rivisti ed io ho cercato di assumere un atteggiamento tranquillo, riprendendo gradualmente i contatti con lui. Una sera in macchina è scattato qualcosa e ci siamo baciati. Io, in preda alle forti emozioni e senza pensare alle conseguenze negative che tutto questo avrebbe successivamente avuto su di me, gli ho chiesto di salire e abbiamo fatto l'amore (per lui sesso). Da allora vivo con lui una situazione terribile, dalla quale non riesco ad uscire. Capita di sentirci e vederci e finiamo a letto. Io speravo che potessimo tornare assieme ma nulla. Vi prego non giudicatemi, io sono la prima che non avrebbe mai creduto di potersi trovare in una situazione genere col ragazzo che è stato PARTE DELLA MIA VITA PER QUASI 4 ANNI. STO MALE, STO MALISSIMO ma non riesco ad uscirne. Io lo amo immensamente e a volte quando penso che tutto potrebbe rinascere dall'altra parte non trovo nessuna conferma. Io non gli ho mai fatto capire che vorrei tornare con lui ma è ovvio, lui mi conosce. Mi sto svalutando, sono completamente dipendente da lui ma non ho la forza di reagire, di porre fine a tutto questo. Non riesco a credere che un rapporto di 4 anni si sia ridotto a questo, che lui, la persona che ho amato e che amo, dopo tutto ciò che abbiamo condiviso, non senta il desiderio di stare con me. A volte mi faccio del male da sola, tanto è il dolore che provo e sento. Non riesco ad immaginare di perderlo ma sò che l'ho già perso e che lui mi usa soltanto. Vi prego aiutatemi, sto malissimo. Mi sento sprofondare

annina***
Messaggi: 3
Iscritto il: 31 marzo 2010, 15:30

..

Messaggio da annina*** » 31 marzo 2010, 18:58

Spero che qualcuno mi risponda e mi aiuti perchè sono a pezzi.

annina***
Messaggi: 3
Iscritto il: 31 marzo 2010, 15:30

......

Messaggio da annina*** » 2 aprile 2010, 13:12

Speravo nelle vostre risposte.......

Davide49
Messaggi: 3190
Iscritto il: 31 maggio 2006, 15:42

Re: Vi prego aiutatemi, sto sprofondando

Messaggio da Davide49 » 2 aprile 2010, 15:35

annina*** ha scritto: Mi sto svalutando, sono completamente dipendente da lui ma non ho la forza di reagire,
ciao Annina
posso solo dirti parole che probabilmente non ti diranno niente.
attenta alla parola "dipendenza", madre di tutti i dolori
DEVI reagire e lo puoi fare
hai buone capacità introspettive, usale bene
se non ce la fai da sola, fatti aiutare (medico di base, psicoterapeuta)
25 anni!!!!
e Dio solo sa quante volte la tua vita cambierà ancora! e quante possibilità e sorpresa la vita ti riserverà.

ps- ti mando messaggio privato

maja
Messaggi: 395
Iscritto il: 17 novembre 2008, 12:39

Messaggio da maja » 15 aprile 2010, 0:24

Ciao....
Mi spiace immensamente leggere solo adesso la tua storia...ti avrei risposto prima.
Cosa debbo dirti visto che capisco pienamente cio' che provi?
So cosa senti dentro... so quel dolore... lo conosco, l'ho avuto adosso per tanto tempo, sino a pochissimo tempo fa...
Io ci sono rimasta per circa 5 mesi. Dipendente, assolutamente dipendente da lui, il semplice non sentirlo al telefono mi procurava ansia e un tremendo dolore, come se ti mancasse l'aria ed il terreno e la vita, contemporaneamente.
Cosa devo dirti? Cosa vorresti sentirti dire, da chi ci e' passata da molto poco?
Posso dirti che lo devi volere, devi allontanarti da lui, e' lui che te lo chiede, sei tu a dovertelo imporre.
Posso dirti che non sara' facile, che ci metterai un bel poco prima di metterlo in atto, dipendera' solo da te.
Posso dirti cio' che ti fara' sentire bene: Se son rose fioriranno... dai tempo al tempo... l'amore vero non conosce distanze e tempo... etc.. etc..
Posso garantirti che non e' duro come pensi, e' molto piu' faticoso pensare al distacco, che il distacco vero e proprio.
Lui non ti ama, dato di fatto.Ti usera' finche' non trovera' una valida sostituta. Lui ti ha chiesto di allontanarti. Tu devi rispettarti, non sminuirti, non sottovalutarti, non perdere la fiducia in te stessa.... etc..etc...
Ascolta... inizia a pensare che e' finita... se puoi resisti, non metterti nelle condizioni di vederlo... datti qualche mese... il resto verra' da solo...
Metafora.... Inizia a salire la scala, anche se e' ripidissima, impraticabile, tu sei zoppa, hai i menischi rotti, sei cieca.... Inizia a salire e vedrai che dopo solo 2 gradini.... c'e' un bellissimo ascensore! :wink:

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”