...distacco travagliato....

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
donnadidante
Messaggi: 1
Iscritto il: 11 ottobre 2010, 1:04
Località: verona

...distacco travagliato....

Messaggio da donnadidante » 11 ottobre 2010, 1:53

salve a tutti, sono nuova del forum e in linea generale non sono una grande utilizzatrice di questo mezzo di condivisione, tuttavia la mia situazione attuale mi spinge a cercare un parere esterno e del tutto imparziale...

La mia storia con lui è iniziata circa 5 anni fa.. ero poco più che una ragazzina... (io 15 lui 27) credo cercassi quel pilastro che nella mia vita mancava, quel punto di riferimento, quella fonte di amore e di calore maschile che sentivo carente... la storia è andata avanti per un anno circa in maniera globalmente positiva, poi da parte mia il dubbio di essermi "impegnata" troppo presto e con la persona sbagliata. Tagliati i ponti, per una settimana circa, lui con uno stratagemma mi tocca in un punto debole, la gelosia.. e ci "ricasco". Si procede tra più bassi che alti per un altro anno, finchè, al ritorno da una stagione di lavoro all'estero seguita alla mia maturità, decido nuovamente di slegarmi da lui. Anche qui vengo toccata nel medesimo punto di cui sopra e "ripescata". L'ultimo e più sostanzioso mio tentativo di prendere le distanze è in atto da giugno a questa parte, e fino ad ora più che venire a capo di qualche cosa, ho provveduto unicamente a confondermi meglio!
A giugno abbiamo parlato di tutto ciò e convenuto assieme che portare avanti un rapporto talmente spento non aveva più senso. Abbiamo concordato un periodo di semi-distacco consistente in un vedersi/sentirsi meno, durante il quale devo dire di aver ritrovato la mia ironia e allegria. Ci siamo quindi visti, seppur poco, anche sotto il punto di vista fisico anche se nei suoi confronti la mia passione era ed è ridotta ai minimi storici. Dopo un mio maldestro tentativo di tagliare definitivamente i ponti un paio di settimane fa, durato 2 giorni e fatto di pianti e struggimento, l'ho incontrato in un locale dove è stato inevitabile che ci ricongiungessimo visto lo stato depressivo in cui entrambi normalmente versavamo. In preda alle emozioni è tornato tutto come poco prima, abbiamo catalogato la nostra decisione come rapporto scialla-tranqui affinchè io avessi modo di potermi guardare dentro. Dico io, perchè lui la situazione dice di vederla chiara, dice di essere sicuro che noi 2 staremmo ottimamente assieme, basterebbe rendere il rapporto meno esclusivo. Lui adesso è innamorato cotto, è persino disposto a continuare a vedermi pur sapendo che le aspettative di tornare assieme sono minime, dice di voler "prendere quello che arriva e goderselo". Siamo stati assieme anche oggi, tutto il giorno, la sua compagnia mi piace, mi sento a mio agio...ma probabilmente centra anche il fatto che ci conosciamo ormai da qualche anno... quello che mi turba è la mia totale mancanza di desiderio sessuale nei suoi confronti. Sono arrivata ad un punto in cui non capisco più nulla...di certo so solo che sono molto legata a lui, sento un grande affetto e ho un'enorme paura di un definitivo distacco,ho paura di fare la scelta sbagliata...non so come comportarmi, come agire...se tagliamo i ponti rischiamo di perderci del tutto... ma facendo così riuscirò davvero a capirci qualcosa?? aiutoooo!!!

Questo è il trascorso, ci sono poi da fare un paio puntualizzazioni:
- la mia spinta al distacco non è mai dipesa da suoi comportamenti negativi nei miei confronti, non ha mai fatto nulla "contro" di me direttamente.
-ammetto che sono una persona che avverte un costante bisogno di stimoli per tenere acceso l'interesse in qualsiasi ambito, tendo a stancarmi delle situazioni statiche.

Scusate sono stata un tantino logorroica...
grazie... :oops:
...e le senti le vene piene di ciò che sei.. e ti attacchi alla vita che hai...

Antonietta Albano
Messaggi: 820
Iscritto il: 22 novembre 2005, 16:05
Località: Parma (Pr)

Messaggio da Antonietta Albano » 1 novembre 2010, 17:41

... il calo della libido è un segnale importante in una rlazione di coppia!!
A meno ch nn si tratti di una causa organica...c'è lo zampino del "crollo" di un interesse, di un amore, di uno stimolo!!
Innnzitutto devi capire cosa succede a te e per te e, di conseguenza,assieme a lui valutare varie ed eventuali iniziative di ricongiungimento!
Forse ti sarebbe utile anche un po' di tempo solo per te stessa!?
Un caro saluto :wink:
Dr.ssa Antonietta Albano (Psicologa e Pedagogista. Psicoterapeuta e Sessuologa.
Ambiti di intervento: Psicologia Clinica-Sessuologia Clinica-Psicologia Giuridica

"Non si vede bene che col cuore... l'essenziale e' invisibile agli occhi"! ).

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”