Pagina 1 di 1

Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 25 febbraio 2011, 17:09
da camilla
Anni fa sono stata tradita da mio marito e ne ho sofferto infinitamente. Ne soffro ancora, consapevole che non si perdona ma, semmai, si impara a convivere con il dolore.
Questi anni hanno segnato la mia storia in maniera indelebile: ho cercato di capire e di lasciarmi alle spalle solo il male per portare con me il bene, ma non sono riuscita a fare un granché per noi. Quindi oggi mi trovo a guidare una barca dove siamo in due, ma ognuno pensa al lembo di mare che vede dalla sua parte.
Da poco più di un mese penso ad un altro uomo che mi ha reso di nuovo viva, sorridente, curiosa.
Non so se è amore, ma è sicuramente voglia di provare sentimenti ed emozioni positive: tutte quelle che mi sono preclusa in questi anni, rapita dal rancore e dalla voglia di rivalsa verso chi mi ha così tanto umiliato.
Un giorno l'ho tradito. Con un uomo per il quale non esiste un futuro con me, ma che mi ama da anni.
E poi l'ho detto a mio marito, presa da un momento di euforia, mista a panico, felice di vedere forse una fine ad una situazione in stallo da anni.
Lui mi ha offerto da bere e ha cambiato discorso.
Io ho ripetuto, ho chiesto aiuto, ho scoperto le carte.
Lui continua a far cadere il discorso come se stessi parlando del Superuomo di Nietzsche e lui non ne fosse interessato.
Perché?
Come può un uomo, un marito che ha scelto di stare accanto ad una donna che ha ferito, non capire che è ora di chiudere la storia?
Mi sembra di parlargli da dentro un acquario: l'acqua e il vetro distorgono quello che dico e quello che lui vede di me.
Non mi ascolta!
Neanche in quest'occasione..
Che devo pensare?

Re: Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 28 febbraio 2011, 4:53
da °°Orchidea°Selvaggia°°
Difficile capire la sua reazione.

Questi sono i casi:

1) tuo marito non ci crede che lo hai tradito e pensa che lo dici per farlo ingelosire, cambia discorso come per dire "non ci casco, se hai voglia di litigare con me non attacca".

2) tuo marito ti sta tradendo ancora. E anche se tu lo tradisci non gli fa nè caldo e nè freddo.

3) tuo marito ha bisogno dell'amplifon.


... in ogni caso, la situazione è più che grave.

Questo atteggiamento, per qualsiasi motivo lui reagisca così, dimostra che oramai di amore... non ce n'è più.
E' dolorosissimo, perchè tu hai dovuto convivere con il dolore del tradimento di lui per anni cercando di superare un qualcosa di inaccettabile, mentre lui reagisce come se fosse niente.
Non immaginavi si strappasse i capelli dal dolore, ma nemmeno che reagisse come se gli avessi detto che avevi avuto una promozione sul lavoro !!!

Se questo era il modo di dirti che a lui un "matrimonio aperto" va benissimo (ossia che state insieme tradendovi a vicenda) a lui va più che bene...... beh....... vedi tu che fare.

Rimane il fatto che, non avendoti detto NIENTE DI NIENTE, nonostante tu gli abbia detto, urlato chiaro e conciso che lo hai tradito.... non si riesce a capire che vuole fare, hai provato a ridirglielo ?

Adesso sta a te decidere: fare come fa lui (ossia vivere un matrimonio aperto) oppure chiudere la relazione e rifarti una vita.

Re: Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 28 febbraio 2011, 16:41
da Twilight
non riesco a capire la tua domanda
Come può un uomo, un marito che ha scelto di stare accanto ad una donna che ha ferito, non capire che è ora di chiudere la storia?
la storia extra o la storia con te?
se è la seconda opzione ti domando...ma tu nella storia che ruolo ti dai?dove sei? visto che non ti sta bene e che non hai perdonato non potevi lasciarlo tu e basta? deve farlo per forza lui?
io non penso che dopo essere stati traditi si tradisca, perchè si conosce il dolore dell'umiliazione e non lo si vorrebbe far provare a nessuno, penso che si tradisca quando non si ama più chi si ha accanto. è sempre una scelta il tradimento, scelta tra rispetto e amore, o altro.
non vedo tanto senso nel tuo matrimonio, e non penso che lui faccia finta di disinteressarsi, o non ti crede o non gli interessa, del resto ti ha tradita per prima, evidentemente il rapporto per lui è già ben oltre quello amoroso, è convivenza amichevole, convenienza, fratellanza, insomma, quando io ho scoperto che il mio ormai ex si faceva le tresche con la sua ex sono stata contenta, non ferita, sono stata contenta perchè mi si è spalancata in testa una voragine piena di luce, mentre mi facevo le storie mentali a star male per lui e sentirmi in colpa perchè lo volevo lasciare, e lui recitava la parte dell'affranto, in realtà si consolava, quindi ho capito che non valeva la pena autopunirsi come facevo io. ma non mi importava niente se era andato con un'altra, perchè non lo amavo più.

Re: Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 2 marzo 2011, 13:58
da camilla
camilla ha scritto:Adesso sta a te decidere: fare come fa lui (ossia vivere un matrimonio aperto) oppure chiudere la relazione e rifarti una vita.
Credo che la storia del matrimonio aperto sia sicuramente la sua visione della nostra vita..
e non solo "aperto" alle altre, ma un po' a tutta la sua vita che tiene debitamente staccata dalla mia. E certo non lo posso costringere a condividere nulla se non vuole.
Credo di avergli detto tutto perché accadesse qualcosa, non solo la gelosia (che, sì, mi darebbe un minimo di certezza che qualcosa prova) ma soprattutto una reazione a quello che ci sta accadendo.
Chiudere e rifarmi una vita è sicuramente la scelta migliore, solo che io ne ho una paura terribile e non so da che parte cominciare. Credo che la mia "confessione" sia stata una sorte di richiesta d'aiuto perché si facesse il passo quantomeno d'accordo sul non uccidersi con gli avvocati.
Invece lui sta zitto e fa finta di nulla.
O gli conviene la situazione perché fa da sempre altrettanto a me (e credo sempre di più che sia questa la triste realtà), o ha paura di perdere la famiglia e la casa che, quantomeno, la sera ci sono ad aspettarlo... o chissà cosa... rimane il fatto che io sono decisa a lasciarlo, ma non so come, quando, cosa fare e da cosa partire. Faccio fatica a chiamare un avvocato e informarmi: ci ho provato tante volte e poi lascio sempre cadere il discorso..
So che prima di rifarmi una vita devo distruggere questa che vivo, e se allontanare lui può essere una cosa affrontabile, non lo è lasciare tutto il resto: la mia casa (è sua), il mio lavoro (dipende da lui) e gli amici.. Ho una figlia e so che dovrei mantenermi "forte" per lei, invece se penso di chiudere tutto e negarle la sua quotidianità da un giorno all'altro mi sento così meschina che, appunto, rinuncio..

Re: Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 2 marzo 2011, 14:12
da camilla
[quote="Twilight"]...ma tu nella storia che ruolo ti dai?dove sei? visto che non ti sta bene e che non hai perdonato non potevi lasciarlo tu e basta? deve farlo per forza lui?

Non l'ho lasciato perché all'epoca non era quello che volevo. Pensavo di poter superare il tradimento. Invece mi è mancata una sua presa di coscienza e un bel po' d'aiuto a mettere esperienze belle su quelle brutte.
Lui ha scelto il silenzio e di farsi massacrare dal mio risentimento.
E' andata così. So che poteva e sarebbe dovuta andare diversamente, ma è andata così. Io sono diventata acida e cattiva, lui ha scelto di subire, sicuramente lasciandosi un mondo parallelo dove continuare a scappare e sentirsi diverso. Io ho capito molte cose proprio dalla frequenza con questa seconda persona che mi ha fatto accorgere che io, di sentimenti, provavo solo quelli negativi da anni: rabbia, rancore, voglia di vendetta, umiliazione e via dicendo.
Invece mi merito come tutti di essere me stessa e molto più "leggera" di quella che sono.
Però all'epoca credevo di poter gestire tutto e di vedere là dove mio marito non vedeva: la felicità della nostra famiglia. E per quello che sono andata avanti: credevo nella nostra famiglia e credevo in una sua stupida, stupidissima defiance di mio marito, che si poteva insieme affrontare..
Macchè defiance! lui è solo superficiale e infantile: si è messo all'angolo a prendere pugni, pensando che in un modo o nell'altro "la doveva scontare la sua marachella". e io ci sono cascata con tutte le scarpe, continuando per anni a fare la sostenuta e a crogiolarmi nel rancore.
Che cavolata. Non è così facile come dici lasciare o lasciarsi.
Almeno non lo è per me. Non voglio che lo faccia lui al posto mio, ma vorrei non buttarmi nel nulla a farmi massacrare.. come spesso credo potrebbe accadere.
Lui, economicamente, è più forte di me... Brutto dirlo ma è la realtà. Lo lascerei stasera in tronco, ma da domani non ho più casa e lavoro e devo spiegare a mia figlia che cosa ho deciso di fare. Non sono autonoma senza di lui.

Re: Se dopo essere stata tradita, tradisci...

Inviato: 6 marzo 2011, 20:28
da Antonietta Albano
Sei stata chiara: avete fatto una scelta entrambi ed è quello che emerge dal tuo racconto!
Ognuno di voi vive in coppia solo per forma e per "convenienza".. ecco perchè tuo marito sembra "impenetrabile".
Penso che nessuno di voi due, forse per motivi diversi, sia pronto per altri lidi e altro essere!