Relazione a distanza con un probabile distimico

Problemi di coppia e di relazione, tradimenti, separazioni, abbandoni spesso turbano la serenità e l’equilibrio emotivo di uomini e donne, generando sofferenza e rendendo il futuro un orizzonte incerto. Questo forum è dedicato a chiunque voglia condividere e confrontare esperienze, dubbi e riflessioni riguardanti le relazioni interpersonali e quelle amorose. Per capirne di più, ma anche per sentirsi ...meno soli

Moderatore: Dr.ssa Antonietta Albano

Rispondi
Diecipollici
Messaggi: 7
Iscritto il: 12 maggio 2011, 10:28

Relazione a distanza con un probabile distimico

Messaggio da Diecipollici » 12 maggio 2011, 10:50

Buongiorno a tutti.

Ho 37 anni e da meno di un anno vivo una relazione stabile con un divorziato senza figli poco più grande di me, che vive in un'altra regione, motivo per cui ci vediamo solo nel week end.
Quando ci vediamo stiamo molto bene insieme, amiamo molto il contatto fisico (è mancato ad entrambi nei vissuti precedenti), parliamo tanto e siamo entrambi tristi quando ci dobbiamo separare al lunedì mattina. Mi dice spesso che mi vuole bene, mi abbraccia di continuo, e quando dormiamo non si stacca un attimo. Frequento regolarmente la sua famiglia, anche se per il momento non abbiamo ancora pensato di vivere insieme, lui mi dice che non è pronto al 100% e a me per ora va bene, dato che ne vengo da una convivenza finita male.
Il problema per me è che quando non ci vediamo non parla al telefono, se non a monosillabi o con scarso interesse. Non mi chiama mai se non per "comunicazioni di servizio". Se parlo io generalmente ha fretta di chiudere la comunicazione o sento in sottofondo che sta facendo altre cose in casa. Anche con i suoi parla poco al telefono. Non mi racconta nulla, nemmeno del lavoro, mentre dal vivo parliamo molto e mi racconta tante cose. Riesco ancora a farmi mandare qualche breve sms, spesso mi scrive che mi vuole bene e che gli manco. Quando mi corteggiava pochi mesi fa me ne mandava di lunghissimi e molto belli, ma le telefonate son sempre state un problema.
Credo che se fosse per lui potremmo non sentirci affatto.
Nei primi giorni della settimana è un po' meglio, poi la comunicazione peggiora, finchè non siamo di nuovo a venerdì sera.
Ha una vita molto insoddisfacente dal punto di vista lavorativo, non ha hobby se non la lettura, non vede quasi mai gli amici nè li chiama, nè loro chiamano lui, ultimamente non scrive più nemmeno sul suo forum preferito. Io credo soffra di distimia periodica, 20 anni fa ha sofferto di ansie e DAP che ha rifiutato di curare con i farmaci e che sono passati a quanto pare da soli.
Ogni tanto si isola.
Mi dice che questa malinconia è il suo carattere e che non c'è nulla di organico e che quando è così non se la sente di vedere o sentire nessuno. Si sente un fallito ed è una cosa che mi ripeteva ancor prima che uscissimo insieme. Sua mamma è ansiosa e ha reazioni poco razionali e molto emotive di fronte agli eventi stressanti e nei rapporti umani, suo papà ha sempre lavorato duramente e ora è un ammalato cronico.

Il rapporto finito con la moglie gli ha lasciato un grande dolore irrisolto dentro, anche se sono passati anni. Credo lo abbia lasciato per questo motivo perchè vivere con una persona che è un perenne insoddisfatto credo che lentamente ti ammazzi dentro.

Che fare?

Io mi sento inesistente durante la settimana, mentre ricevo attenzioni che giudico soddisfacenti durante il we, non è servito diglielo, mi dice che ho ragione, ma che non gli va di parlare al telefono.
Praticamente mi sembra di vivere giorni da "fidanzata" solo per 3/7 della settimana. Gli voglio molto bene, so che me ne vuole, ma c'è questo buco di sensazioni affettive nei giorni lavorativi.

Ho già avuto un rapporto a distanza durato tantissimi anni e quando non ci vedevamo lo mantenevamo vivo con telefonate, sms e mail.

Non so come comportarmi.

Non credo abbia un'altra persona, anche se mi sono fatta anche questa domanda.

Twilight
Messaggi: 3356
Iscritto il: 26 febbraio 2006, 19:44

Re: Relazione a distanza con un probabile distimico

Messaggio da Twilight » 13 maggio 2011, 14:29

non ti so dire cosa fare, e non voglio esprimere giudizi, però io non credo nelle relazioni a distanza, perchè penso che sia facile andare d'accordo 2 o 3 giorni ogni tanto e poi sentirsi al telefono...per forza le storie possono andare avanti, e anche se ci sono problemi è più facile ignorarli..farsi la propria vita per il resto del tempo...
una storia normale invece ha un contatto costante, una vera quotidianità, che veramente può mettere in luce i pro e i contro e far capire se si può stare con la persona in questione o no...anche se niente è come viverci insieme cmq.
non saprei proprio come aiutarti...però io la penso così...per me non avrebbe particolarmente senso nemmeno se lui al telefono parlasse..perchè io la vedrei comunque come una storia da 2 terzi di settimana.
non credo che se lui è fatto così tu possa farci molto. l'unica cosa sarebbe vivere insieme, ma non volete, giustamente per il momento. il carattere che ha se lo terrà a vita, specie se lui è convinto che sia solo legato alla sua personalità e che non sia un problema.
Immagine

Diecipollici
Messaggi: 7
Iscritto il: 12 maggio 2011, 10:28

Re: Relazione a distanza con un probabile distimico

Messaggio da Diecipollici » 13 maggio 2011, 15:24

Non ho detto che saremo a distanza per tutta la vita, ma prima di far mollare lavoro, casa etc a uno dei due, magari ci pensiamo un po' più di qualche mese, non è molto che stiamo insieme e abbiamo due "fallimenti" alle spalle che esigono una ragionevole prudenza.
Il problema, almeno per me e almeno per ora, risiede nel fatto che lui non abbia un buon rapporto con i mezzi di comunicazione.

Rispondi

Torna a “Donne e uomini: le relazioni di coppia”